fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come impostare la fotocamera per la fotografia di ritratto

Dopo aver parlato di quali sono i tagli migliori nella fotografia di ritratto, con l’articolo di oggi andiamo a vedere come impostare al meglio la fotocamera per la fotografia di ritratto.

Sono poche le foto che hanno la capacità di scatenare un’emozione o un sentimento così come un ritratto.

Che si tratti di un tuo ritratto professionale o del giorno del tuo matrimonio, una foto che hai scattato ai tuoi figli nel tuo cortile con il tuo smartphone, o un ritratto di famiglia di anni fa che è diventato un cimelio di famiglia, la connessione che abbiamo con i ritratti e le persone in essi è innegabile.

La parte difficile, ovviamente, è imparare a migliorare la qualità della tua fotografia di ritratto.

Se vuoi catturare i momenti quotidiani della tua vita e di quelli che ami, e farlo con più sicurezza e capacità, questo tutorial è per te!

Grazie alla spiegazione delle impostazioni di base della fotocamera ed istruzioni dettagliate su tipi specifici di ritratti, sono certo che questo sarà il tuo punto di riferimento per apprendere le migliori impostazioni della fotocamera per i ritratti.

Impostazioni essenziali della fotocamera per la fotografia di ritratto

Cominciando dall’inizio…

Prima di poter iniziare a padroneggiare la ritrattistica, devi comprendere alcune delle impostazioni essenziali della fotocamera che devi utilizzare per ottenere ritratti della migliore qualità.

Dopo aver discusso delle migliori impostazioni della fotocamera per i ritratti, le applicheremo a situazioni specifiche di fotografia di ritratto in alcuni casi di studio di esempio.

Drive mode / Modalità guida

La modalità guida della fotocamera determina la frequenza con cui viene scattata una fotografia.

Il numero di modalità di guida su una fotocamera può variare da un modello all’altro, ma per i ritratti, le tre più importanti sono l’autoscatto, lo scatto singolo e la sequenza.

Come suggerisce il nome, la modalità autoscatto consente di utilizzare la funzione timer della fotocamera per effettuare uno scatto ritardato. Questo è vantaggioso in situazioni in cui vuoi entrare anche tu nell’inquadratura.

Lo scatto singolo è il più applicabile alla maggior parte dei tipi di ritratti.

In modalità scatto singolo, ogni volta che si preme il pulsante di scatto viene scattata un’immagine. Quando il soggetto è fermo, come nella maggior parte dei ritratti, lo scatto singolo funziona alla grande.

La modalità continua consente di scattare a raffica tenendo premuto il dito sul pulsante di scatto.

Il numero di immagini catturate in modalità continua dipende dal modello della fotocamera, con alcune fotocamere è possibile effettuare solo pochi scatti, con altre è possibile scattarne molte di più in quanto hanno una velocità molto elevata.

Questa modalità di guida è più appropriata nei casi in cui il soggetto del ritratto è in movimento, come mostrato sopra.

Il consiglio che posso fornire in questo caso è dotarsi di una memoria veloce e che riesca a stare al passo con la fotocamera, in quanto altrimenti avremo il problema di scattare troppe foto prima che vengano memorizzate e questo implicherà perderne qualcuna o un rallentamento della macchina fotografica.

Le migliori memorie sd in circolazione?
Non le ho provate tutte, ma qui di seguito ci sono quelle che uso io e con cui mi trovo divinamente bene:
Lexar Professional – Scheda 1667x SDXC – Schede UHS-II, 64GB
o, per i palati più esigenti
SanDisk Extreme PRO UHS-II 64 GB, Scheda di Memoria SDXC Classe 10

Modalità di messa a fuoco automatica per la fotografia di ritratto

Come la modalità drive, ci sono diverse modalità di messa a fuoco automatica per diverse situazioni di ritratto.

L’autofocus a punto singolo è ideale per i ritratti in cui il soggetto è fermo. Questo perché il sistema di messa a fuoco automatica della fotocamera selezionerà un punto di messa a fuoco e lo manterrà attivato sul soggetto fino a quando non rilascerai il pulsante di scatto.

Al contrario, la messa a fuoco automatica continua regola costantemente il punto di messa a fuoco per seguire un soggetto in movimento, purché si tenga premuto a metà il pulsante di scatto.

Questa modalità di messa a fuoco automatica è ideale per le situazioni in cui stai scattando un ritratto di una persona in movimento.

Impostazioni di esposizione per la fotografia di ritratto

Apertura, velocità dell’otturatore e ISO sono le impostazioni responsabili dell’esposizione dell’immagine.

Se scatti in modalità completamente automatica, non hai alcun input su quali siano queste impostazioni: la fotocamera prende queste decisioni per te.

Ma per quanto riguarda i suggerimenti per la fotografia di ritratto, uno dei migliori è che devi prendere il controllo delle impostazioni di esposizione per ottenere i migliori risultati.

L’apertura è la più importante di queste tre impostazioni perché non solo controlla la  quantità di luce che entra nell’obiettivo, ma è anche uno dei fattori che influenza la profondità di campo o quanto di un’immagine è nitidamente a fuoco.

L’apertura è misurata in f-stop che vanno da f/1.4 (che è un’apertura di apertura molto ampia) a f/22 (che è un’apertura di apertura molto piccola) sulla maggior parte delle fotocamere. Puoi vedere come cambiano i valori di apertura con la dimensione dell’apertura nel grafico sopra.

Maggiore è l’apertura del diaframma, maggiore è la luce che entra nell’obiettivo e minore è la profondità di campo.

Ad esempio, nel ritratto sopra, puoi vedere che lo sfondo è molto sfocato: questa è una profondità di campo ridotta ottenuta in parte utilizzando un’ampia apertura del diaframma.

Questa immagine, ha una profondità di campo molto più ampia in quanto oltre al soggetto possiamo vedere a fuoco anche gran parte dell’area antistante e successiva. Ciò è dovuto in parte all’uso di un’apertura molto piccola.

L’apertura migliore per i ritratti dipenderà dalla situazione e da cosa vuoi fare in modo creativo con lo scatto. Discuteremo i diversi valori di apertura per le diverse situazioni un po’ più tardi.

La velocità dell’otturatore è responsabile della  durata  della luce che colpisce il sensore della fotocamera. È anche responsabile di come appare il movimento nell’inquadratura.

Naturalmente, più a lungo l’otturatore è aperto, più a lungo il sensore della fotocamera è esposto alla luce e più luminoso sarà il ritratto. Minore è la velocità dell’otturatore, minore è il tempo in cui il sensore è esposto alla luce e più scura sarà l’immagine.

La velocità dell’otturatore viene misurata in secondi o frazioni di secondo. Una velocità dell’otturatore di 1 secondo è piuttosto lunga; una velocità dell’otturatore di 1/4000 di secondo è abbastanza veloce.

Quando si scatta un ritratto di un soggetto completamente fermo, è possibile utilizzare una velocità dell’otturatore più bassa e congelarne comunque il movimento.

Tuttavia, se il soggetto è in movimento, come nell’immagine sopra, è necessario utilizzare una velocità dell’otturatore più elevata se si desidera congelare il movimento. Naturalmente, la migliore velocità dell’otturatore per i ritratti dipende in parte dalla velocità con cui si muove il soggetto.

A volte, l’inclusione del motion blur in un ritratto aggiunge un interessante tocco artistico, come si vede nell’immagine sopra.

Per sfocare il movimento, è necessario non solo utilizzare una velocità dell’otturatore più lenta, ma anche posizionare la fotocamera su un treppiede. Questo perché tenere la fotocamera in mano con una velocità dell’otturatore molto lenta causerà qualcosa chiamato “scuotimento della fotocamera”, che riduce la nitidezza dell’immagine.

La terza e ultima impostazione di esposizione è ISO.

L’ISO è responsabile della  sensibilità del sensore della fotocamera alla luce . L’ISO viene misurato su una scala che va da un minimo di 50 fino a 6400 (e ben oltre su alcune fotocamere).

Un ISO più basso significa che il sensore della fotocamera è meno sensibile alla luce, mentre un numero più alto aumenta la sua sensibilità.

Pertanto, se si scatta un ritratto a ISO 50, l’immagine sarà più scura rispetto a quando si scatta a ISO 1600.

L’ISO controlla anche la quantità di rumore digitale che appare nello scatto. Pensa al rumore digitale come alla granulosità.

Più basso è l’ISO, meno grana ci sarà. Al contrario, maggiore è l’ISO, maggiore sarà la grana che apparirà nello scatto.

Sebbene nella maggior parte delle situazioni ridurre al minimo l’ISO sia una buona idea per ridurre al minimo il rumore digitale o la grana, non è sempre possibile mantenere l’ISO basso (ad esempio, quando si scatta in situazioni di scarsa illuminazione).

Inoltre, come puoi vedere nell’immagine sopra, a volte la granulosità aggiunge interesse a un ritratto.

Modalità di misurazione

Oltre all’apertura, alla velocità dell’otturatore e all’ISO, la modalità di misurazione utilizzata nella fotografia di ritratto influirà sull’esposizione.

Il sistema di misurazione della fotocamera raccoglie informazioni sull’illuminazione nella scena e fornisce un’indicazione di come dovrebbe essere l’esposizione. In quanto tali, sono uno strumento prezioso per garantire che i tuoi ritratti siano ben esposti.

Le modalità di misurazione più comuni sono multizona, ponderata al centro e spot (sebbene alcuni produttori di fotocamere utilizzino nomi diversi). Ecco una rapida carrellata di ciascuno di seguito:

  • La misurazione multizona rileva la luce da diverse aree dell’immagine e valuta tutte queste aree per determinare la migliore esposizione complessiva per lo scatto. È utilizzato al meglio per i ritratti in cui è presente un’ampia area di oscurità o luminosità e nei casi in cui il soggetto non si trova al centro dell’inquadratura.
  • La misurazione (media) ponderata al centro rileva le letture della luce da un’area relativamente ampia al centro dell’immagine. Ciò significa che se il soggetto del tuo ritratto è al centro dell’inquadratura, la fotocamera utilizzerà solo le letture della luce da quell’area per determinare l’esposizione. Questa è anche una buona opzione nei casi in cui c’è una forte retroilluminazione perché la fotocamera ignorerà le informazioni sulla luce dallo sfondo.
  • La misurazione spot  prende le informazioni sulla luce da un’area molto piccola, di solito meno del 5% dell’inquadratura, il che ti dà un controllo molto accurato sulla misurazione da un’area molto specifica. Inoltre, è possibile selezionare quale punto di messa a fuoco automatica viene utilizzato per la misurazione (a differenza della ponderata centrale o multizona). È ideale per scene ad alto contrasto in cui il soggetto è molto luminoso o molto scuro. Va bene anche per i ritratti in cui il soggetto è sfalsato rispetto al centro dell’inquadratura.

Nelle fotocamere mirrorless indipendentemente dalla modalità di misurazione, se impostata in modo corretto, avremo sullo schermo della fotocamera l’anteprima in tempo reale di come apparirà la fotografia finale. Questo ci permetterà eventualmente di correggere o di modificare al volo quello che vogliamo e di non sprecare scatti.

Modalità di scatto

Come detto in precedenza, se vuoi avere il controllo sull’aspetto dei tuoi ritratti, le migliori impostazioni della fotocamera per i ritratti sono quando scatti in modalità manuale e regoli tu stesso l’apertura, la velocità dell’otturatore e l’ISO.

Tuttavia, questo può essere un grande passo avanti per alcuni fotografi, in particolare quelli che fino a questo momento hanno utilizzato la modalità completamente automatica.

Fortunatamente, le reflex digitali e le fotocamere mirrorless dispongono di modalità di scatto semiautomatiche che consentono di avere un maggiore controllo ma senza dover controllare tutte e tre le impostazioni di esposizione. 

Queste modalità sono:

  • Modalità priorità apertura : indicata come A o Av sul quadrante della fotocamera, questa modalità consente di controllare l’apertura e l’ISO mentre la fotocamera seleziona una velocità dell’otturatore appropriata. Questa modalità è ideale per i ritratti fermi.
  • Modalità priorità otturatore : indicata come S o Tv sul quadrante della fotocamera, questa modalità consente di controllare la velocità dell’otturatore e l’ISO mentre la fotocamera controlla l’apertura. Questa modalità è ideale per i ritratti quando il soggetto è in movimento.
  • Modalità Programma : indicata come P sul quadrante della fotocamera, questa modalità mette l’ ISO sotto il tuo controllo e la fotocamera seleziona l’apertura e la velocità dell’otturatore. Questa modalità è particolarmente utile per i ritratti in condizioni di scarsa illuminazione.

È importante notare una funzionalità aggiuntiva di queste modalità.

Laddove le modalità di priorità di apertura e priorità dell’otturatore non consentono di ignorare la selezione effettuata dalla fotocamera, in modalità programma, è possibile.

Ciò significa che la modalità di programmazione è un po’ più avanzata in quanto se non ti piacciono l’apertura, la velocità dell’otturatore o entrambe selezionate, puoi semplicemente cambiarla a tuo piacimento.

Pensa alla modalità programma come al passaggio finale prima di passare alla modalità manuale .

Bilanciamento del bianco

La luce che vedi con i tuoi occhi e la luce che la tua fotocamera raccoglie quando scatti una foto ha colore.

A volte, quella luce ha toni freddi e blu, come quando scatti una foto all’aperto nel bel mezzo della giornata, come visto sopra.

Altre volte, la luce ha toni caldi e dorati, come quando scatti all’aperto al tramonto, come mostrato di seguito.

Ancora altre volte, la luce è gialla, come quando si scatta in interni con illuminazione a incandescenza.

I nostri occhi si adattano naturalmente a queste diverse temperature di colore. Le nostre fotocamere no.

Ecco perché è necessario regolare il bilanciamento del bianco in base alle condizioni di illuminazione in cui si scatta.

Nella maggior parte dei casi, puoi semplicemente selezionare da uno dei preset di bilanciamento del bianco della tua fotocamera per regolare i colori in modo tale che le dominanti di colore della luce siano negate.

Il punto di tale processo è garantire che tutti i bianchi nello scatto appaiano come bianchi, non come bianco-bluastri, bianco-giallastri e così via.

La maggior parte delle reflex digitali ha le seguenti impostazioni di bilanciamento del bianco automatico:

  • Bilanciamento del bianco automatico (AWB) – AWB mette la fotocamera in controllo completo del bilanciamento del bianco. “Controllo” è una parola forte, tuttavia, perché in realtà è solo la migliore ipotesi della fotocamera su come dovrebbero apparire i colori. Man mano che le situazioni di illuminazione diventano più difficili, l’AWB diventa meno affidabile.
  • Luce diurna/soleggiato: molte fotocamere hanno una preimpostazione per la luce del giorno o il sole che ha un effetto di riscaldamento molto sottile. Se trovi che il colore delle tue immagini è leggermente sul lato blu, prova questa impostazione.
  • Nuvoloso – L’impostazione del bilanciamento del bianco nuvoloso riscalda le immagini per compensare i toni bluastri risultanti da condizioni di nuvoloso. È un effetto di riscaldamento più forte rispetto all’impostazione luce diurna/soleggiato.
  • Ombra – L’illuminazione in condizioni di ombra è persino più blu di quella sotto copertura nuvolosa. Di conseguenza, questa impostazione aggiunge più calore alle tue foto rispetto al preset nuvoloso.
  • Flash: poiché la luce di un flash tende a essere fredda o bluastra, l’impostazione del bilanciamento del bianco del flash riscalda la luce nelle foto.
  • Fluorescente – Quando si scatta in condizioni di illuminazione fluorescente fredda, utilizzare questa impostazione per riscaldare gli scatti.
  • Tungsteno – La luce al tungsteno (luce a incandescenza) è piuttosto calda, quindi questa impostazione contrasta il raffreddamento dei colori.

Chiaramente questi preset non funzionano sempre ed in taluni casi l’unica strada da percorrere sarà quella delle impostazioni manuali.

Caso di studio n. 1: le migliori impostazioni della fotocamera per i ritratti in interni

Supponiamo che tu stia scattando un ritratto in interni con la tipica illuminazione domestica.

Poiché molto probabilmente avrai un soggetto fermo e vorrai controllare l’apertura per sfocare lo sfondo, la modalità priorità di apertura è l’ideale.

Apri l’apertura quanto più possibile, idealmente f/2.8 o più (sebbene non tutti gli obiettivi abbiano un’apertura così ampia).

Imposta l’ISO su 800 per aumentare la sensibilità del sensore alla luce poiché la luce di solito è scarsa in interni.

Usa la modalità di scatto singolo e l’autofocus a punto singolo, insieme alla misurazione spot per ottenere la lettura della luce più precisa possibile.

Imposta il bilanciamento del bianco sull’impostazione del tungsteno, che aiuterà a contrastare i toni caldi e giallastri tipici dell’illuminazione a incandescenza.

In base ai risultati ottenuti da queste impostazioni iniziali, potrebbe essere necessario apportare alcune modifiche.

Ad esempio, se l’immagine è troppo luminosa, abbassa l’ISO a 400 e fai un altro scatto.

Se il bilanciamento del bianco è ancora troppo caldo, prova a impostare manualmente il bilanciamento del bianco utilizzando una scheda grigia.

Se stai scattando il ritratto in interni, ma il soggetto è vicino a una finestra, potresti dover abbassare ulteriormente l’ISO, cambiare il bilanciamento del bianco in nuvoloso o in ombra e forse anche cambiare la modalità di misurazione in ponderata centrale per tenere conto di qualsiasi retroilluminazione che potrebbe verificarsi.

Ancora una volta, le impostazioni discusse qui sono solo un punto di partenza, quindi preparati a perfezionarle in base alla tua situazione specifica:

  • Modalità di scatto : priorità di apertura
  • Apertura : f/2.8
  • ISO : 800
  • Modalità di guida : scatto singolo
  • Modalità di messa a fuoco : messa a fuoco automatica singola
  • Modalità di misurazione : Spot
  • Bilanciamento del bianco : tungsteno

Caso di studio n. 2: migliori impostazioni della fotocamera per ritratti all’aperto

Ora supponiamo che tu sia fuori in una giornata di sole, pronto per fare un ritratto.

Supponiamo anche che il tuo soggetto sia fermo.

Per iniziare, vorrai trovare un’area ombreggiata – sotto un albero o all’ombra di un edificio – in questo modo puoi sfruttare una luce migliore.

La luce all’ombra è molto più diffusa e aiuta a ridurre al minimo le ombre dure sui soggetti (e aiuta anche a evitare che strizzino gli occhi).

Un buon punto di partenza è scattare in modalità priorità di apertura con un’apertura di f/2,8 circa, modalità scatto singolo e messa a fuoco automatica a punto singolo.

Poiché ci sarà così tanta luce, puoi ridurre al minimo l’ISO a 100.

Poiché il soggetto sarà in ombra, l’impostazione del bilanciamento del bianco in ombra sarà la più appropriata.

La misurazione spot sarà probabilmente la scelta migliore qui, anche se se posizioni il soggetto al centro dell’inquadratura, anche la misurazione ponderata centrale è una buona scelta.

Come notato sopra, questi sono solo i punti di partenza per le impostazioni della fotocamera esterna.

Le impostazioni sotto dovrebbero andare bene per degli scatti all’esterno, ma chiaramente la variabilità delle situazioni farà variare grandemente le impostazioni di cui sotto:

  • Modalità di scatto : priorità di apertura
  • Apertura : f/2.8
  • ISO : 100
  • Modalità di guida : scatto singolo
  • Modalità di messa a fuoco : messa a fuoco automatica singola
  • Modalità di misurazione : Spot
  • Bilanciamento del bianco : Ombra

Caso di studio n. 3: migliori impostazioni della fotocamera per soggetti in movimento

Se vuoi scattare alcune foto d’azione, ad esempio dei tuoi figli che giocano nel parco, dovrai concentrarti sulla gestione della velocità dell’otturatore.

Per fare ciò, imposta la fotocamera in modalità priorità otturatore e imposta una velocità dell’otturatore di 1/200 di secondo con un’ISO di 100.

Imposta la modalità di guida e la modalità di messa a fuoco su continua, poiché il soggetto sarà in movimento.

L’utilizzo della misurazione multizona in questo caso aiuterà a mantenere una buona esposizione utilizzando le informazioni raccolte dall’intera scena.

Puoi utilizzare il bilanciamento del bianco automatico in questa situazione oppure puoi utilizzare uno dei preset che si adatta all’illuminazione durante le riprese. Nell’immagine sopra, ad esempio, il bilanciamento del bianco in ombra potrebbe essere più appropriato poiché i ragazzi stanno giocando a calcio all’ombra.

Supponiamo che utilizzi queste impostazioni, ma noti che il movimento delle braccia o delle gambe del soggetto è sfocato.

Ciò significa che la velocità dell’otturatore è troppo lenta e che è necessario comporre qualcosa di più veloce, come 1/400 di secondo.

In alternativa, diciamo che le immagini che scatti non sono ben esposte e che il soggetto è un po’ troppo scuro.

In tal caso, potresti provare la misurazione ponderata centrale per forzare la fotocamera a utilizzare le informazioni sulla luce del soggetto. Ovviamente, dovrai mantenere il soggetto al centro dell’inquadratura quando utilizzi la misurazione ponderata centrale.

Ancora una volta, sperimenta queste impostazioni per trovare ciò che funziona meglio per la situazione specifica.

  • Modalità di scatto: priorità otturatore
  • Velocità dell’otturatore : 1/200 secondi
  • ISO : 100
  • Modalità di guida : continua
  • Modalità di messa a fuoco : continua
  • Modalità di misurazione : Multizona
  • White balance: Auto

Come fare ritratti: considerazioni finali

Quando si tratta di questo, sebbene ci sia un numero finito di impostazioni della fotocamera che devi manipolare nella fotografia di ritratto, c’è un numero infinito di combinazioni di tali impostazioni.

È qui che è necessaria un po’ di pratica e sperimentazione da parte tua.

Laddove un ISO basso è l’ideale in una situazione, un ISO alto è necessario in un’altra.

Allo stesso modo, dove la modalità priorità apertura potrebbe essere la migliore per un ritratto, per un altro, la modalità priorità otturatore otterrà i migliori risultati.

Alla fine, metà della battaglia è semplicemente sapere cosa fanno effettivamente tutte le impostazioni della fotocamera che ho descritto sopra. Quindi puoi iniziare a imparare come cambiarli secondo necessità.

Non è facile rispondere alla domanda su come fare dei bei ritratti. Certamente.

Ma con questo tutorial e tutte le risorse correlate contenute all’interno, hai tutte le risorse necessarie per iniziare a fotografare i ritratti e comprendere le migliori impostazioni della fotocamera per i ritratti.

Hai trovato interessante l’articolo? Ti è risultato utile? La tua fotografia di ritratto è migliorata? Scrivilo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti