6 consigli per fotografie mozzafiato di chiese e cattedrali

Stai cercando di catturare splendide foto di chiese e cattedrali? Sei nel posto giusto.

Sei un italiano in Italia, per cui hai davvero ampie possibilità di fotografare chiese e cattedrali anche solo nel tuo paese senza spostarti troppo, ci avevi mai pensato? Dati i recenti cambiamenti nella mia vita le mie possibilità di viaggiare si sono ridotte rispetto al passato e lo saranno ancora per un po’, quindi mi sono ingegnato sulle possibili alternative. Ho così imparato molto sull’arte della fotografia in chiesa e in questo articolo condivido i miei sei migliori consigli.

Ora, fotografare chiese e cattedrali è uno sforzo straordinariamente impegnativo; lavori spesso quasi al buio, circondato da altre persone che possono facilmente diventare distrazioni indesiderate, il tutto mentre cerchi di creare composizioni belle e ben esposte. Fortunatamente, ci sono molti semplici trucchi e tecniche che puoi usare per gestire tali scenari, a cominciare da:

Scegli con cura le migliori impostazioni per la fotografia della chiesa

come fotografare chiese e cattedrali

La maggior parte delle chiese antiche è incredibilmente buia ed è difficile catturare scatti nitidi che siano anche ben esposti . Allora cosa fai?

Innanzitutto, assicurati di disattivare la modalità automatica della fotocamera. Impostalo sulla modalità Priorità apertura (che ti consente di scegliere l’ apertura e l’ ISO mentre la fotocamera seleziona la velocità dell’otturatore ) o la modalità Manuale (che ti consente di scegliere l’apertura, la velocità dell’otturatore e l’ISO in modo indipendente).

Ricorda: per contrastare la scarsa luminosità, puoi effettuare tre regolazioni:

  1. Puoi allargare l’apertura.
  2. Puoi ridurre la velocità dell’otturatore.
  3. Puoi aumentare l’ISO.

Quando lavori nelle chiese, spesso vorrai mantenere un’apertura relativamente stretta; in caso contrario, non avrai abbastanza profondità di campo e la scena non sarà a fuoco per tutto il tempo.

E a meno che tu non stia utilizzando un treppiede (che spesso non è consentito), ti consiglio di mantenere la velocità dell’otturatore abbastanza veloce da catturare scatti nitidi a mano libera. (1/80 è un tempo limite approssimativo, ma dipende davvero dalla tua tecnica di presa manuale, dalla tua fotocamera e dal tuo obiettivo.)

Quindi cosa puoi regolare con più facilità quando fotografi chiese e cattedrali in condizioni di scarsa illuminazione? Aumenta l’ISO. Sfortunatamente, un ISO elevato produce rumore, ma la maggior parte delle fotocamere moderne può arrivare fino a ISO 800 e oltre senza problemi. E se le tue immagini risultano un po’ troppo rumorose, puoi correggere con successo molte delle aree problematiche in fase di post-elaborazione.

Ma non fare affidamento solo su un ISO elevato. Allarga l’apertura il più possibile mentre acquisisci la profondità di campo che desideri e abbassa la velocità dell’otturatore il più possibile mantenendo la scena nitida. Puoi anche stabilizzare il tuo corpo appoggiandoti a un muro, oppure puoi tenere la fotocamera completamente ferma appoggiandola sul pavimento o su una panca.

In questo modo otterrai una foto nitida e ben esposta, anche nelle condizioni più buie.

Inoltre è vero che non puoi portare con te un treppiede ma puoi fabbricare un ottimo stabilizzatore con una vite e un cordino elastico!

Sii calmo e rispettoso

come fotografare chiese e cattedrali

Non importa dove tu vada a fotografare, questa è probabilmente la linea guida più importante in assoluto che posso offrirti:

Mantieni un atteggiamento di pacato rispetto.

Se stai immortalando una famosa chiesa o cattedrale, è probabile che le persone siano venute da tutto il mondo per dare un’occhiata all’edificio e per molti queste visite fanno parte di viaggi personali di profondo significato. Quindi fai tutto il necessario per rimanere rispettoso.

Il consiglio vale per qualsiasi luogo religioso tu stia visitando…rispetto.

Innanzitutto, assicurati di essere sempre consapevole di ciò che ti circonda. Se stai regolando l’angolazione per trovare una composizione, tieni d’occhio gli altri visitatori perché è facile imbattersi accidentalmente in passanti quando guardi attraverso il mirino della fotocamera.

Allo stesso modo, adotta misure per evitare di disturbare o distrarre altri spettatori. Se qualcuno sta pregando e desideri scattare una foto di una finestra vicina, ti incoraggio davvero a rimanere indietro, scattare da lontano e pianificare il ritaglio se vuoi evidenziare dettagli specifici. (Un obiettivo più lungo può essere utile in questi scenari!)

Infine, imposta la fotocamera sulla modalità più silenziosa. Alcune fotocamere offrono una modalità “silenziosa”, quindi prima di andare in chiesa, controlla il menu della fotocamera (o il manuale) in modo da capire come attivarla. Se utilizzi una fotocamera mirrorless , potresti usare un otturatore elettronico; in tal caso, assicurati che sia attivo. (Spesso, gli otturatori elettronici mirrorless sono totalmente silenziosi, il che è perfetto!)

Lavora in modo rapido ed efficiente

come fotografare chiese e cattedrali

Le chiese più famose hanno curatori e guardie di sicurezza. E a meno che tu non contatti la chiesa in anticipo e ottieni un’autorizzazione speciale, ci sono poche possibilità che il personale della chiesa apprezzi il fatto che impieghi diversi minuti per comporre uno scatto. Ricorda, non vuoi essere una distrazione!

Quindi, invece di andare in giro con una macchina fotografica bene in vista, tienila al collo o nella borsa. Pensa agli scatti che desideri.

Banalmente chiediti:

  • Come voglio comporre questa immagine?
  • Quali impostazioni devo scegliere?
  • Come posso ottenere questa immagine nel minor tempo possibile?

Dopo aver pianificato un’immagine specifica, prendi la fotocamera. Sentiti libero di apportare modifiche alla composizione e alle impostazioni mentre scatti lo scatto, ma lavora nel modo più efficiente possibile e, se ti imbatti in un problema importante (come una persona che entra nella scena), considera di mettere via la fotocamera finché non hai risolto il problema.

In genere non ti incoraggerei ad affrettare ogni foto – è importante trattare ogni scatto con cura – ma non dovresti nemmeno lavorare lentamente. Lavora il più velocemente possibile pur concedendoti il ​​tempo necessario per un ottimo risultato.

Usa la luce delle finestre

come fotografare chiese e cattedrali

Come ho sottolineato sopra, l’illuminazione nelle chiese e nelle cattedrali è spesso molto limitata, ma ciò non significa che non esista! Invece, incontrerai spesso alcune grandi finestre aperte e queste possono creare foto straordinarie, se sai come usarle.

Ad esempio, puoi creare bellissime immagini di soggetti appena dentro le finestre (come banchi o altre architetture). Cerca soggetti immersi in un flusso di luce; qui, la luce laterale – dove la luce arriva a un angolo di 90 gradi dall’obiettivo – spesso ha un bell’aspetto e aggiungerà un forte senso di tridimensionalità.

Puoi anche scattare splendide foto di silhouette. Trova una grande finestra e regola le impostazioni della fotocamera fino a quando l’interno della chiesa è quasi, ma non completamente, scuro. Quindi, quando passa una persona, premi il pulsante di scatto. Ti ritroverai con una bellissima silhouette che aiuta a comunicare la grandezza dell’interno della chiesa.

Nota: se stai cercando di utilizzare la luce proveniente da una finestra, ti incoraggio a ricercare la posizione del sole in anticipo e programmare la tua visita di conseguenza. Quando il sole è posizionato correttamente, brillerà attraverso le finestre e produrrà uno splendido effetto ad alto contrasto (anche se puoi anche creare ottimi scatti quando il cielo è coperto o il sole splende in modo più indiretto; tutto dipende dall’aspetto che hai stai cercando di catturare!).

Lavora da diverse angolazioni

come fotografare chiese e cattedrali

Le foto di una chiesa o una cattedrale tendono a comunicare un senso di soggezione e a mostrare lo spazio da una prospettiva completamente nuova.

Ecco perché ti incoraggio a scattare da tutti i tipi di angolazioni diverse. Diverse angolazioni daranno allo spettatore un nuovo modo di guardare la chiesa (in più, angolazioni interessanti sembrano, beh…interessanti ).

Ad esempio, accovacciati per comunicare le dimensioni e le dimensioni della chiesa. (Ovviamente, nell’interesse di rimanere rispettosi, non passare troppo tempo accovacciato.)

Se la chiesa include un balcone, puoi provare a fotografare dall’alto. Anche se ci sono molti visitatori, una ripresa dall’alto può davvero incapsulare l’atmosfera e l’atmosfera della zona.

E indipendentemente dagli angoli che usi, assicurati di mantenere le tue composizioni semplici e accattivanti. Escludi le distrazioni, prendi in considerazione l’aggiunta di soggetti in primo piano per dare alla scena un senso di profondità, cerca di includere un soggetto principale chiaro e segui le linee guida di composizione di base (come la regola dei terzi , la regola delle probabilità e la regola dello spazio ).

Vai quando le folle se ne sono andate

come fotografare chiese e cattedrali

Se stai fotografando chiese meno conosciute, questo non sarà un grosso problema, ma se hai intenzione di catturare alcuni degli edifici più famosi del pianeta, rischi di programmare il tuo servizio fotografico in una data e un orario affollati.

Ora, includere persone nelle foto della tua chiesa non è necessariamente una brutta cosa. In effetti, aggiungere persone alla tua fotografia può essere una buona idea; aggiungeranno contesto e possono fungere da elementi compositivi chiave. Ma troppe persone distraggono (fotograficamente) e sarai costretto ad abbandonare certe composizioni semplicemente perché le scene sono piene di persone.

Ti incoraggio a ricercare ogni chiesa in anticipo e a documentarti nei limiti del possibile su di esse. Determina quando sono meno affollate e pianifica di andare in quei momenti. In generale, dovresti evitare i periodi di vacanza scolastica, i fine settimana e le fasce orarie di metà mattina e metà pomeriggio. Invece, vai presto o tardi nei giorni feriali e prova a programmare le date del tuo viaggio quando i viaggiatori non girano il mondo (ad esempio, in inverno).

In questo modo, puoi catturare tutte le immagini che hai immaginato e puoi anche evitare molte frustrazioni!

Fotografare chiese e cattedrali: ultime parole

Ora che hai finito questo articolo, sei pronto per uscire con la tua macchina fotografica e catturare la bellezza di chiese e cattedrali.

Ricorda solo di essere rispettoso, usa la luce, regola le impostazioni e pianifica attentamente il tuo viaggio. In questo modo, puoi creare foto costantemente sorprendenti!

Quali chiese intendi fotografare? Quale di questi consigli utilizzerai? Condividi i tuoi pensieri nei commenti qui sotto o vieni a trovarci nel canale telegram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Compila il modulo per ottenere le prime tre schede sulla composizione in omaggio
Condividi su

Composizione Intuitiva – Teoria e pratica

Impara a padroneggiare tutte le tecniche di composizione per ottenere scatti sempre ottimamente composti e foto sempre perfette

Alcune caratteristiche

  • formato PDF facilmente trasportabile

  • 50 schede per padroneggiare la composizione

  • BONUS: Manuale corso base di fotografia

  • accesso al gruppo riservato

  • supporto via forum e gruppo su telegram

Grazie alle 50 Schede di facile lettura che ti guideranno passo passo nel mondo della composizione otterrai scatti sempre perfetti, inoltre le schede sono fatte per essere stampate ed eventualmente plastificate o, ancora meglio potresti caricarle nel tuo smartphone in modo da averle sempre con te!