fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

7 Errori da evitare nella fotografia di paesaggio

Abbiamo più volte parlato su queste pagine di fotografia di paesaggio sotto diversi aspetti. Tra gli articoli maggiormente apprezzati ci sono stati: I sei pilastri della fotografia di paesaggio, come padroneggiare la fotografia di paesaggio con un obiettivo grandangolare, che relazione esiste tra primo piano e sfondo nella fotografia di paesaggio e molti altri articoli li potrai trovare cliccando qui.

Se pensi che io ami la fotografia di paesaggio beh…hai indovinato, ecco perché qui su corsofotografico troverai molti articoli che trattano questo tema.

La fotografia di paesaggio mi riempie di gioia. Probabilmente è stata la cosa che mi ha fatto appassionare alla fotografia in primo luogo e nel corso del tempo mi sono divertito un mondo ad uscire e riscoprire il mio amore per catturare paesaggi e tramonti epici (sono decisamente più una persona da tramonto che rispetto all’alba, soprattutto se non ho preso il caffè!). Ma non è facile.

Due settimane fa mi sono trovato in cima a un belvedere con panorami a dir poco mozzafiato ma ho trovato molto difficile trovare una composizione piacevole. Il panorama era semplicemente troppo da ammirare, non c’era niente da mettere in primo piano. Quello di cui avevo veramente bisogno era guardare questo video di Photo Tom in modo che avrei potuto evitare questi 7 errori comuni che vede nei suoi workshop di paesaggio.

Quindi sentiamo cosa dice Thoma e vediamo insieme quali sono gli errori più ovvi che continua a vedere con i fotografi paesaggisti principianti.

Mancanza di un soggetto chiaro

Questo era esattamente ciò che avevo di fronte. Allora cosa ho fatto? Fondamentalmente ho messo via la mia macchina fotografica per un po’, ho camminato un po’, mi sono seduto e mi sono goduto il panorama. Alcune persone mi hanno chiesto se stavo bene perché avevo con me l’attrezzatura fotografica ma non stavo scattando nulla.

Poi la guida alpina che mi accompagnava mi ha mostrato alcune stelle alpine, il che è stato carino. Ma dopo aver lasciato sedimentare un po’ lo scenario, sono stato in grado di guardare un po’ più attentamente e pensare davvero a ciò che stavo vedendo, a come la luce si muoveva lentamente e diventava arancione anziché rosa, e quali parti delle montagne di fronte ho trovato interessanti e potrebbe individuare in composizioni più interessanti.

Thomas dice che le grandi composizioni sono spesso abbastanza semplici, dovresti scegliere un soggetto e poi creare una composizione attorno a quello che lo supporta.

Non tutte le foto hanno bisogno di un elemento in primo piano

È una di quelle cose classiche che impari nella fotografia di paesaggio ovvero ogni grande immagine ha bisogno di un elemento in primo piano. Ma è davvero sempre così? Thoma pensa di no, e se ripenso al mio tempo sulla montagna, era quasi impossibile ottenere qualsiasi tipo di elemento significativo in primo piano. 

Eravamo sopra la linea degli alberi, c’erano alcuni pezzi di erba stentata e alcuni escrementi di capra, ma onestamente non molto altro. Gli elementi spazzatura in primo piano sono peggio di nessun elemento in primo piano, quindi se non c’è nulla in giro, lasciali fuori.

Il soggetto è troppo vicino ai bordi dell’immagine

In questo modo, i bordi della foto diventano quasi parte della composizione. Puoi certamente farlo deliberatamente se vuoi creare tensione, o se stai aggiungendo una copia, ma in generale, devi stare molto attento con il posizionamento del tuo soggetto. Di solito, questo accade quando le persone cercano la regola dei terzi e esagerano un po’. Succede, probabilmente ci siamo cascati tutti, lasciandoci trasportare da quei benedetti terzi!

Ci sono elementi che competono con il tuo soggetto

In un’immagine ci deve essere sempre un chiaro soggetto e non vuoi sempre chiederti “qual è il soggetto dell’immagine?”. Con questo intendo qual è l’elemento o il soggetto più importante nell’immagine, e tutto nella foto lo supporta e lo migliora, o lo sminuisce? 

Ora la cosa difficile della fotografia di paesaggio è che se c’è un albero in modo tale da non supportare il tuo “eroe”, allora o vai di motosega (ovviamente scherzo) oppure puoi spostarti un po’ per avere un punto di vista leggermente diverso ed ottenere la composizione perfetta.

Considera che le zone più luminose attireranno prima l’occhio, anche i colori caldi e luminosi (come gli oggetti rossi) e gli oggetti di dimensioni maggiori sono in cima alla gerarchia visiva. È bene cercare di ricordare queste cose ed esserne consapevoli mentre sei fuori a scattare per evitare delusioni in seguito.

Non sapere quando e come utilizzare un filtro polarizzatore circolare (CPF)

I primi errori più comuni con CPF sono di usarlo a piena potenza per così dire in modo che il cielo diventi completamente scuro. Ora ci sono casi in cui scatti fotografie in bianco e nero in cui potresti farlo per un effetto drammatico, ma generalmente non è qualcosa da fare tutto il tempo, in particolare nelle immagini a colori. 

L’altro problema comune con CPF è quando si scatta con obiettivi molto grandangolari. Puoi incorrere nel vedere il temuto cielo a chiazze. Questo vale anche per i filtri ND variabili più economici. Thoma dice che in questo caso è molto meglio scattare 2 esposizioni e metterle insieme più tardi in post o usare un filtro ND Graduato.

Non utilizzare o non comprendere l’istogramma

Devo confessare che non sono un grande amante degli istogrammi, lo capisco, lo capisco, ma non penso spesso “oh fammi controllare l’istogramma” quando sono fuori a scattare. È un atteggiamento non proprio ottimo da parte mia e qualcosa in cui devo migliorare. 

Thoma dice di avere l’istogramma impostato su RGB anziché sul grigio medio. Questo perché all’ora blu il canale blu può facilmente diventare sovraesposto. Allo stesso modo, durante l’alba e il tramonto, il canale rosso diventa sovraesposto mentre l’istogramma grigio lo mostra come ok perché mostra una media dei 3 canali.

Chiedere se è meglio sovraesporre o sottoesporre

Thoma dice che questa non è una buona domanda da porre. Ancora una volta devi sapere qual è il soggetto principale della tua foto e quindi esporlo correttamente per quello. Sarà diverso a seconda di ciò che stai riprendendo e dell’atmosfera che stai cercando di trasmettere. Non ho mai deciso di sovraesporre o sottoesporre deliberatamente le mie immagini, di solito cerco la giusta esposizione e, se stai scattando in RAW, hai un po’ di margine per modificare l’esposizione.

Personalmente cercherò sicuramente di ricordare queste cose la prossima volta che esco a fotografare paesaggi. Hai commesso uno di questi errori? Come ne sei venuto fuori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In questo articolo parliamo di

Categorie
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti

Composizione Intuitiva – Teoria e pratica

Impara a padroneggiare tutte le tecniche di composizione per ottenere scatti sempre ottimamente composti e foto sempre perfette

Alcune caratteristiche

  • formato PDF facilmente trasportabile

  • 50 schede per padroneggiare la composizione

  • BONUS: Manuale corso base di fotografia

  • accesso al gruppo riservato

  • supporto via forum e gruppo su telegram

Grazie alle 50 Schede di facile lettura che ti guideranno passo passo nel mondo della composizione otterrai scatti sempre perfetti, inoltre le schede sono fatte per essere stampate ed eventualmente plastificate o, ancora meglio potresti caricarle nel tuo smartphone in modo da averle sempre con te!