fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

11 Consigli per fotografare gli occhi

Fotografare gli occhi può essere eseguito senza troppi sforzi o attrezzature fantasiose. È incredibile vedere la complessità dell’occhio umano catturata a una distanza così ravvicinata e tra l’altro immagini così accattivanti funzionano bene anche sui social media. Anche se c’è una curva di apprendimento, catturare foto di occhi è più facile di quanto potresti pensare e con alcuni semplici suggerimenti e un po’ di pratica, potrai produrre immagini straordinarie che non avresti mai pensato sarebbe stato possibile fare!

Quindi, senza ulteriori indugi, diamo un’occhiata ai miei 11 migliori consigli per ottenere bellissime foto di occhi.

1. Utilizzare un obiettivo macro per fotografare gli occhi

Potrebbe sembrare ovvio, ma vale comunque la pena dirlo, solo per gestire le aspettative. Sebbene sia possibile catturare foto degli occhi senza un obiettivo macro , farai fatica a ottenere risultati davvero nitidi, luminosi e belli.

Gli obiettivi macro ti consentono di avvicinarti molto ai tuoi soggetti e la loro capacità di ingrandimento 1:1 è l’ideale per le riprese oculari. Ci sono molte opzioni di obiettivi macro, inclusi alcuni modelli relativamente economici. Anche produttori di terze parti come Sigma e Tamron realizzano ottimi obiettivi macro che non dovrebbero essere trascurati.

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/11 | 1/250 | ISO 1000
Ho scattato questa immagine con un obiettivo macro. Grazie alle capacità di primo piano dell’obiettivo, non ho avuto bisogno di ritagliare la foto ottenuta.

Se non hai un obiettivo macro dedicato, prova a scattare con il tuo cellulare; molti smartphone sono in grado di avvicinarsi ai soggetti molto di più rispetto alle comuni DSLR e agli obiettivi delle fotocamere mirrorless.

Alcuni smartphone hanno anche una modalità macro progettata specificamente per i primi piani e funziona benissimo per gli occhi. Anche se i risultati non saranno così nitidi o strabilianti come le immagini create da un obiettivo macro dedicato, vale sicuramente la pena provare e potrebbe darti dei buoni scatti senza il costo di una vera ottica macro.

Tentar non nuoce no? 🙂

2. Utilizzare un adattatore

Se non hai un obiettivo macro o un telefono cellulare moderno, ci sono alcune ottime opzioni che costituiscono un’ottima via di mezzo e che non ti svuoteranno il portafoglio. La maggior parte delle fotocamere è dotata di un obiettivo in kit che può utilizzare filtri per i primi piani per ottenere un ingrandimento significativo. Un set decente di filtri per i primi piani può essere acquistato per meno di 50 euro e, sebbene il loro utilizzo richieda un po’ di pratica, sarai in grado di produrre ottimi risultati con un po’ di pazienza. Al link poco sopra ho inserito un filtro della NiSi davvero davvero ottimo, costa un pò di più ma i risultati sono decisamente superiori.

fotografare gli occhi
Nikon D750 | Nikon 50mm f/1.8G con filtro per i primi piani | f/8 | 1/250 | ISO 280

Ci sono anche altre opzioni, come tubi di prolunga e persino adattatori che ti consentono di utilizzare l’obiettivo al contrario . Quest’ultimo potrebbe suonare un po’ strano, ma la tecnica funziona ed è un buon modo per immergerti nella fotografia macro senza spendere troppo.

Ci sono anche adattatori macro economici per telefoni cellulari – come Olloclip – che fanno miracoli; sono incredibili, non solo per gli occhi, ma per molti soggetti in primo piano.

3. Usa la messa a fuoco automatica invece della messa a fuoco manuale

I fotografi macro spesso rinunciano all’autofocus a favore della precisione ottenuta mettendo a fuoco manualmente. Come mai? Quando si scatta vicino al soggetto, la profondità di campo è incredibilmente ridotta, quindi spesso è possibile mettere a fuoco in modo più preciso tramite l’anello di messa a fuoco manuale.

Tuttavia, questa tecnica non si applica necessariamente quando si scattano fotografie agli occhi. Gli occhi umani hanno quello che è noto come movimento saccadico , che è un continuo movimento o vibrazione involontaria che si verifica più volte al secondo. Questo movimento, unito alla difficoltà di tenere una testa umana assolutamente ferma, rende la messa a fuoco manuale molto meno utile per gli occhi rispetto a soggetti statici come fiori e foglie.

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/4.2 | 1/250 | ISO 3600

Non sto affermando che l’autofocus risolverà tutti i tuoi problemi di fotografia macro, ma per le persone nuove a questo tipo di fotografia, renderà sicuramente le cose più facili. Potresti comunque trovare difficile bloccare la messa a fuoco su una parte specifica dell’occhio, ma l’autofocus ti aiuterà.

Dopo aver fatto abbastanza pratica, potresti provare a mettere a fuoco manuale, ma se sei un principiante, l’autofocus è un buon modo per iniziare.

4. Evita di usare il treppiede e abilita la stabilizzazione dell’immagine

Con la maggior parte delle forme di fotografia macro, otterrai risultati significativamente migliori quando lavori con un treppiede. Un treppiede consente tempi di posa più lunghi , aperture più piccole e valori ISO bassi , il che si traduce in scatti macro nitidi, a condizione che i soggetti rimangano fermi e facili da controllare. Ed è proprio questo che rende i treppiedi una scelta sbagliata per la fotografia macro.

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/8 | 1/250 | ISO 400

È quasi impossibile che i soggetti umani rimangano abbastanza fermi da poter scattare una foto con un treppiede. Quindi, invece di utilizzare un treppiede, sfrutta la potenza della stabilizzazione dell’immagine; in questo modo, puoi tenere in mano la tua fotocamera e otterrai risultati molto migliori.

Molte fotocamere mirrorless hanno la stabilizzazione dell’immagine basata su sensore, il che significa che non è necessario un obiettivo con stabilizzazione dell’immagine, ma diversi obiettivi macro offrono la stabilizzazione. Ognuna di queste opzioni ti aiuterà a ottenere immagini nitide senza avere l’obbligo di mantenere la fotocamera perfettamente ferma!

5. Cerca la luce migliore per fotografare gli occhi

Mentre ottenere la luce giusta è fondamentale per qualsiasi tipo di fotografia, lo è ancora di più quando si scattano foto macro di occhi.

Per prima cosa, trova una grande fonte di luce, quindi chiedi al soggetto di guardare in quella direzione. Se non conosci la fotografia macro, non ti consiglio di usare un flash (una luce intensa potrebbe facilmente causare affaticamento e affaticamento degli occhi ai tuoi soggetti). Invece, usa un lampadario o un’altra fonte di luce dall’alto e fai in modo che il tuo soggetto guardi nella direzione della fonte di luce senza fissarla direttamente.

Un’altra opzione è quella di uscire e utilizzare la fonte di luce più grande di tutte: il sole. Ma assicurati che il tuo soggetto non guardi nella direzione generale del sole in quanto ciò causerà ombre dure e un’illuminazione irregolare che non è particolarmente godibile

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/8 | 1/200 | ISO 200
Guardando il sole si ottengono ombre dure e un forte contrasto.

Per ottenere foto migliori, fai in modo che il tuo soggetto distolga lo sguardo dal sole e assicurati di poter vedere il cielo riflesso nei suoi occhi:

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/5.6 | 1/200 | ISO 640
Questo è lo stesso soggetto nello stesso punto, ma è girato e distoglie lo sguardo dal sole.

6. Usa le finestre come fonti di luce

Anche se potresti pensare che il sole fornisca l’illuminazione ideale per la fotografia macro, non può darti il ​​bellissimo riflesso scintillante che bramano i fotografi macro.

A parte l’acquisto di ombrelli e altri dispositivi di illuminazione fuori dalla fotocamera, il modo migliore ed economico per ottenere brillanti riflessi è utilizzare le finestre come fonte di luce principale. Una finestra produrrà straordinari riflessi negli occhi del tuo soggetto e ti aiuterà a far risaltare le tue foto dal resto.

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/8 | 1/90 | ISO 6400

La tecnica è piuttosto semplice. Posiziona semplicemente il soggetto in modo che guardi nella direzione di una finestra, dritto o di lato.

Quindi avvicinati per ottenere i tuoi scatti macro (prova a fotografare da diverse angolazioni con la tua fotocamera). Con un po’ di sperimentazione, comprese diverse dimensioni e forme delle finestre, troverai rapidamente una configurazione che funziona per te e si tradurrà in bellissime fotografie degli occhi!

7. Inizia con f/8 e poi allarga

Se non hai mai usato un obiettivo macro, potresti rimanere sorpreso da quanto sia ridotta la profondità di campo quando lavori a distanze ravvicinate.

Prova a riprendere un soggetto di un ritratto da una distanza convenzionale a f/2,8 e di solito puoi misurare la profondità di campo in centimetri, ma quando scatti ad ampie aperture mentre fai fotografie ravvicinate, la profondità di campo viene misurata in millimetri .

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/8 | 1/250 | ISO 5600

Questo rende difficile mantenere l’occhio nitido, motivo per cui consiglio di usare solo un’apertura più piccola, soprattutto se sei un principiante. Un’apertura di f/8 è un ottimo punto di partenza; ti aiuterà a tenere sotto controllo la profondità di campo e assicurerà anche che la velocità dell’otturatore non scenda troppo in basso e che l’ISO non sia troppo alto (a condizione che tu abbia una luce decente).

Una volta che hai degli scatti che ti piacciono, puoi sempre aumentare la dimensione del diaframma e provare a ottenere un effetto di profondità di campo ridotta , ma è sempre bene iniziare a f/8 (o anche più stretto) e allargare il diaframma da lì.

8. Usa una velocità dell’otturatore elevata (ma non troppo veloce!)

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/8 | 1/200 | ISO 900

Trovare la corretta esposizione dell’immagine è un atto di bilanciamento. Devi trovare l’apertura, la velocità dell’otturatore e il punto ottimale ISO per ottenere l’immagine che desideri e, sebbene ci siano situazioni in cui hai molto spazio di manovra, aiuta a ricordare alcune linee guida specifiche quando fai la fotografia macro.

Una linea guida chiave: usa una velocità dell’otturatore abbastanza veloce da bloccare il movimento, ma non farlo così veloce da dover scattare con un ISO elevato o un’apertura ultra ampia senza vantaggi evidenti.

Gli occhi umani si muovono molto, anche quando guardano dritto davanti a sé. La maggior parte delle persone muove gli occhi di riflesso almeno tre volte al secondo senza nemmeno pensarci, e questo può causare alcune difficoltà quando si fanno scatti ravvicinati degli occhi.

Pertanto, è meglio mantenere la velocità dell’otturatore tra 1/60 e 1/200. Velocità dell’otturatore inferiori a 1/60 corrono il rischio di scatti sfocati a causa del movimento degli occhi o del movimento della fotocamera, e velocità dell’otturatore superiori a 1/200 non sono realmente necessarie poiché non stai cercando di catturare azioni rapide.

9. Usa l’ISO automatico per fotografare gli occhi

Se c’è una cosa che puoi sacrificare quando trovi le giuste impostazioni di esposizione per la fotografia macro, è l’ISO. I moderni sensori di immagine sono così validi che puoi scattare foto fantastiche a ISO elevati, anche a ISO 6400 e oltre.

Inoltre, i software di post-elaborazione come Lightroom e Luminar dispongono di eccellenti algoritmi di riduzione del rumore che puoi utilizzare per perfezionare le tue immagini.

fotografare gli occhi
Nikon D750 | AF-S VR Micro-Nikkor 105mm f/2.8G IF-ED | f/4 | 1/250 | ISO 4500

Naturalmente, valori ISO più bassi risulteranno sempre in immagini più pulite con una maggiore flessibilità di editing, ma un’immagine nitida di un occhio con ISO elevati è migliore di uno scatto con ISO bassi che è sfocato a causa di un otturatore lento o perché ha un’immagine troppo bassa profondità di campo.

Ti consiglio di usare l’automatismo sugli ISO in modo che la tua fotocamera regoli l’ISO (ma tu imposti i limiti). Se utilizzi una moderna fotocamera, puoi impostare comodamente il valore ISO massimo su 6400. E se utilizzi una moderna fotocamera full frame, puoi impostare un ISO massimo fino a 12.800 senza problemi significativi.

Si noti che, una volta che l’ISO automatico raggiunge il limite impostato, ridurrà automaticamente la velocità dell’otturatore invece di aumentare l’ISO. Questo è un ottimo modo per pensare a cose come l’illuminazione e la composizione senza preoccuparsi degli ISO. Lascia che sia la tua fotocamera adoccuparsene!

10. Modifica l’iride

La post-elaborazione è una componente importante del flusso di lavoro di quasi tutti i fotografi ed è importante considerare come utilizzare gli strumenti software per rendere le foto degli occhi macro il più belle possibile.

L’iride, o parte colorata dell’occhio, è il punto in cui i tuoi spettatori guarderanno quando vedranno per la prima volta i tuoi scatti fotografici macro, quindi fai un po’ di editing! Puoi utilizzare Lightroom o altri software per aumentare la nitidezza, il contrasto e la saturazione dell’iride (oppure puoi cambiarne del tutto il colore…anche se a me fa un pò storcere il naso questa cosa…però è una possibilità).

fotografare gli occhi
Scatto con il normale colore dell’iride.

Lightroom ha un preset di mascheramento che si chiama Iris Enhance che è un ottimo punto di partenza; aggiunge un tocco di luminosità e chiarezza all’iride che attirerà immediatamente l’attenzione dei tuoi spettatori. Puoi giocare con i cursori per personalizzare l’effetto a tuo piacimento e puoi persino creare un nuovo pennello predefinito che può essere utilizzato al volo.

Un altro trucco è utilizzare una regolazione Tonalità per alterare il colore dell’iride, che può essere un modo efficace per migliorare sottilmente le tue immagini e fare impressione sul tuo pubblico.

fotografare gli occhi
Modificato utilizzando la maschera del pennello Iris Enhance in Lightroom.

11. Illumina la sclera

La parte bianca dell’occhio al di fuori dell’iride è chiamata sclera e puoi eseguire alcune semplici modifiche alla sclera per far risaltare davvero le foto degli occhi macro dal resto.

Non troverai un preset del pennello Lightroom per regolare la sclera, ma puoi facilmente trovare una combinazione di cursori che si adatta ai tuoi gusti e fa quello che ti serve. Inizia sollevando l’Esposizione e i Bianchi, quindi gioca anche con il dispositivo di scorrimento Alte luci.

fotografare gli occhi
La sclera, o porzione bianca dell’occhio, può essere illuminata per un maggiore impatto visivo. Questa è l’immagine originale senza alcun ritocco.

I risultati che otterrai dalla modifica della sclera non saranno immediatamente evidenti, ma aggiungeranno un ulteriore livello di lucidatura e raffinatezza ai primi piani degli occhi. Puoi utilizzare lo strumento Correggi in Lightroom, Photoshop o qualsiasi altro editor di immagini per rimuovere anche le sottili vene rosse negli occhi.

fotografare gli occhi
Schiarire la sclera aggiunge un buon livello di contrasto e un impatto visivo extra all’immagine.

Macrofotografia dell’occhio: ultime considerazioni

Pensavo che la fotografia macro degli occhi non fosse per me. Credevo che fosse qualcosa che i principianti e i fotografi occasionali non potevano ottenere. Pensavo avessi bisogno di migliaia di dollari, uno studio dedicato e un team di modelli per ottenere immagini sbalorditive degli occhi, ma a quanto pare non è affatto così.

Anche le fotocamere DSLR e mirrorless entry-level possono catturare scatti incredibili dell’occhio umano e, se non hai l’obiettivo giusto, puoi utilizzare filtri per primi piani economici o persino uno smartphone. Tutto ciò che serve è un po’ di pratica e un po’ di studio.

Hai suggerimenti o scatti macro preferiti che vorresti condividere? Lascia i tuoi consigli e le tue immagini nei commenti qui sotto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In questo articolo parliamo di

Categorie
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti

Composizione Intuitiva – Teoria e pratica

Impara a padroneggiare tutte le tecniche di composizione per ottenere scatti sempre ottimamente composti e foto sempre perfette

Alcune caratteristiche

  • formato PDF facilmente trasportabile

  • 50 schede per padroneggiare la composizione

  • BONUS: Manuale corso base di fotografia

  • accesso al gruppo riservato

  • supporto via forum e gruppo su telegram

Grazie alle 50 Schede di facile lettura che ti guideranno passo passo nel mondo della composizione otterrai scatti sempre perfetti, inoltre le schede sono fatte per essere stampate ed eventualmente plastificate o, ancora meglio potresti caricarle nel tuo smartphone in modo da averle sempre con te!