fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come impostare la fotocamera per la fotografia immobiliare per le foto di esterni

Saper scattare foto di immobili implica diverse abilità che possono essere facilmente apprese. Capire le giuste impostazioni della fotocamera per le foto in esterni è un po’ diverso dalla fotografia all’aperto che abbiamo trattato in un precedente articolo, principalmente a causa della necessità che i dettagli vengano mostrati chiaramente nelle aree in ombra e in quelle illuminate dal sole.

Quali sono le migliori impostazioni della fotocamera immobiliare per le foto di esterni? Molte delle nostre moderne fotocamere digitali dispongono di sistemi di misurazione che funzionano in tutti i tipi di situazioni di esposizione, comprese alcune che potrebbero essere considerate difficili.

Ciò che di solito rende diverse le impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare è che tra l’altro ci interessa più che raggiungere quella che potrebbe essere considerata un’esposizione corretta, è cogliere l’intera gamma dinamica della scena.

Cos’è la gamma dinamica?

Che cos’è la gamma dinamica, perché dovremmo preoccuparcene e perché viene così spesso alla ribalta quando si parla di consigli sulla fotografia immobiliare?

La gamma dinamica, fotograficamente parlando, è l’intera gamma che va dal chiaro allo scuro all’interno di una scena. Quello che ci interessa è che l’esposizione corretta per le parti luminose della scena di solito renderà illeggibile tutto ciò che è nelle ombreEd è vero anche il contrario, l’esposizione corretta per le aree in ombra farà sì che le parti più luminose non abbiano dettagli.

Parlare di gamma dinamica è un consiglio utile per la fotografia immobiliare perché stiamo cercando una resa più accurata di quella artistica. Artisticamente, usiamo il gioco tra ombra e luce a nostro vantaggio. 

Quando si dedicano alla fotografia immobiliare, le persone che vedono le nostre immagini non vogliono vedere una visione artistica, vogliono vedere per cosa potrebbero spendere decine o centinaia di migliaia di dollari.

Bracket e Merge o HDR per le foto di esterni

Il che ci porta a cercare di capire le impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare. Una delle cose migliori delle fotocamere digitali di alta qualità è la loro capacità di catturare e utilizzare le informazioni sull’esposizione e sul colore in modi a malapena immaginati ai tempi d’oro della fotografia su pellicola.

Per domare il problema di un’ampia o alta gamma di valori di luce nella fotografia su pellicola e carta, ci affidiamo a calcoli dell’esposizione, utilizzo di filtri, variazioni di elaborazione della pellicola per il controllo del contrasto e tecniche avanzate di aggiunta o sottrazione selettiva del valore di esposizione durante la stampa.

Digitalmente, possiamo prendere diverse esposizioni ottimizzate per le diverse parti della scena e fonderle insieme in un’immagine finale. Questo è chiamato HDR o fotografia ad alta gamma dinamica, dal nome stesso del problema. A volte viene anche chiamato bracket e merge , in base alla tecnica e al metodo effettivi utilizzati per gestire la gamma dinamica di luci e ombre.

L’HDR, o bracket and merge, può essere utilizzato per foto di interni ed esterni di immobili, nonché per immagini più artistiche come la fotografia al crepuscolo. Le foto fatte al crepuscolo sono ottimi scatti per gli annunci immobiliari. Ecco un utile video di YouTube che parla della tecnica di bracketing per la fotografia immobiliare.

Suggerimenti per la fotografia di esterni immobiliari

Dovresti dare un’occhiata agli altri articoli sulla fotografia immobiliare, poiché discutiamo di diversi aspetti e diamo molti suggerimenti sulla fotografia immobiliare che abbiamo imparato da altri professionisti e che ci siamo adattati da altri aspetti della fotografia.

Per chiudere questo articolo di suggerimenti, esaminiamo diverse impostazioni per la fotografia di esterni immobiliari e alcune impostazioni effettive della fotocamera per la fotografia di immobili.

Prima di tutto, supponiamo che tu stia per provare la tecnica HDR per le immagini. Una serie di 5 esposizioni, a 2 stop di distanza, è un buon punto di partenza. Ciò fornisce un intervallo iniziale di 9 stop in 5 esposizioni, +4, +2, 0, -2, -4. Se l’esposizione 0 viene calcolata per il valore di luce medio della scena, ciò fornirà una straordinaria quantità di gamma dinamica nella foto finale.

Per impostare al meglio il valore 0 della scena ricorda di usare il metodo di misurazione dell’esposizione corretto.

Dovrai utilizzare un treppiede poiché ti serviranno delle immagini tutte uguali che variano praticamente solo per l’esposizione e quindi il software che effettuerà l’unione fonderà insieme i diversi scatti. Chiaramente tu non desideri che ci siano artefatti nelle tue foto vero? 🙂 

L’ora del giorno è una variabile enorme, mi piace consigliare la tarda mattinata o il primo pomeriggio. Se possibile, evita assolutamente mezzogiorno in punto poiché le ombre saranno estremamente profonde e rigide. Troppo presto o tardi durante la giornata e la luce è invece molto direzionale. Quindi, 2, 3 o 4 ore prima o dopo mezzogiorno vanno bene.

Impostazioni della fotocamera per foto di esterni

Speriamo che sia una bella giornata, quindi possiamo usare la nostra Regola del 16 soleggiato per le nostre impostazioni di partenza. Utilizzando ciò che sappiamo sul triangolo di esposizione relativo alle impostazioni della fotocamera, la velocità dell’otturatore per un’apertura dell’obiettivo di f/16 in una giornata di sole sarà il reciproco dell’impostazione ISO. 

Quindi, se stiamo girando in una giornata limpida intorno alle 10:00 o alle 15:00 e la sensibilità ISO della nostra fotocamera sarà impostata su ISO 400, la nostra velocità dell’otturatore a f/16 sarebbe 1/400 di secondo. Arrotondiamolo a una velocità dell’otturatore che corrisponda a quella indicata su molte fotocamere, 1/500 di secondo. Per i nostri scopi, questo funzionerà perfettamente.

Con il bracketing impostato per 5 esposizioni che variano di 2 stop ciascuna, le nostre impostazioni di velocità dell’otturatore finali sarebbero 1/30, 1/125, 1/500, 1/2000, 1/8000. L’f-stop o l’apertura dell’obiettivo dovrebbero rimanere gli stessi perché quell’impostazione influisce anche sulla profondità di campo nella nostra messa a fuoco e sembra strano che la profondità di messa a fuoco cambi.

Ovviamente, potremmo cambiare l’ISO in modo che sia meno sensibile, il che riduce il rumore digitale e fornisce una gamma diversa di velocità dell’otturatore. A ISO 100, la nostra velocità dell’otturatore iniziale sarebbe 1/125, con esposizioni aggiuntive a 1/8, 1/30, 1/500 e 1/2000. 

Unisci queste esposizioni separate grazie ad un programma di fotoritocco e produrrai un’immagine finale con dettagli che mostrano in modo accurato e naturale tutti i dettagli sia nelle ombre più profonde che nei punti più luminosi della casa o dell’attività da fotografare.

Ricorda però che questo è tutto un punto di partenza. La tua lettura iniziale dell’esposimetro potrebbe farti decidere di impostare la macchina in un altro modo in quanto ci sono molteplici variabili che possono impattare quali il periodo dell’anno, la latitudine, le nuvole, molti alberi ad alto fusto e altre cose possono alterare l’esposizione iniziale. 

Una revisione delle immagini sullo schermo della fotocamera o su un dispositivo collegato in modalità wireless confermerà in che direzione è necessario regolare. Esercitati a casa tua per vedere quali impostazioni iniziali funzioneranno per te e se hai necessità, scrivi nei commenti o nel forum.

2 Responses

  1. Molto interessante e tecnico, questo articolo serve per comprendere la difficoltà di fotografie che all’apparenza sembrano semplici.

    1. Ti ringrazio Daniele, dopo anni nello staff di AirBnb qualche consiglio mi sembra doveroso darlo anche perché vedere proprietà penalizzate da foto orribili…ma anche no… 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti