fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come fotografare cascate: guida per tutti

Le cascate sono il soggetto preferito dei fotografi di viaggi, paesaggi e outdoor. La fotografia delle cascate viene generalmente eseguita in due modi diversi. Un modo è con l’acqua congelata nel tempo, che è il modo più semplice, e l’altro è con l’acqua in movimento sfocata artisticamente, per questo metodo è necessaria un po’ più di tecnica.

Come fotografare le cascate

Imparare a fotografare le cascate ti richiederà di andare un po’ oltre le fantastica automazioni delle nostre moderne fotocamere digitali in termini di regolazione creativa delle impostazioni della fotocamera per le cascate. Inoltre, sarà utile conoscere alcuni suggerimenti sulla composizione della cascata e quali accessori aggiuntivi possono essere utilizzati.

Alcune di queste idee per fotografare le cascate saranno simili ai suggerimenti per la fotografia per principianti che già conosci. Applicheremo questi suggerimenti e tecniche che conosci alle impostazioni e alle tecniche per fotografare le cascate.

Attrezzatura fotografica per fotografare le cascate

Prima di tutto, la fotocamera e gli obiettivi che già possiedi hanno tutte le capacità, le impostazioni e le funzionalità necessarie per la fotografia creativa a cascata. Una reflex digitale o una fotocamera mirrorless entry level con il suo obiettivo kit offre livelli sorprendenti di nitidezza e fedeltà dei colori. 

Finché la fotocamera consente di regolare i controlli dell’esposizione, sei a posto. Se hai obiettivi extra, hai tutte queste opzioni a tua disposizione nella fotografia di cascate come faresti in qualsiasi altra opportunità scenica di paesaggi. 

Un paio di accessori extra saranno molto utili per la fotografia a cascata, un treppiede e filtri per obiettivi. I filtri per obiettivi più utili per fotografare le cascate sono i filtri a densità neutra graduata (GND), a densità neutra (ND) e polarizzatori circolari (C-Pol).

Anche le scelte di treppiedi sono numerose. Possiamo usare un treppiede a grandezza naturale, resistente, treppiedi da viaggio leggeri o un monopiede.

Le impostazioni della macchina fotografica per fotografare una cascata

La regolazione delle impostazioni della fotocamera per le cascate è il modo in cui realizziamo le nostre immagini con il movimento dell’acqua che cade congelato e nitido o sfocatoEntrambi i metodi si tradurranno in buone foto, possiamo catturare entrambi gli stili di immagini nello stesso viaggio fotografico.

Movimento dell’acqua congelato con i tempi veloci

Come accennato in precedenza, l’immagine con il movimento dell’acqua congelato e nitido è il modo più semplice per ottenere l’immagine. Puoi anche lasciare la fotocamera in modalità di esposizione completamente automatica e le impostazioni della fotocamera per l’esposizione alla luce del giorno di solito hanno un’apertura dell’obiettivo moderata e una velocità dell’otturatore relativamente elevata.

Per catturare l’intera portata della cascata, o almeno gran parte di essa, dovremo metterci abbastanza distanti dalla cascata; probabilmente ci posizioneremo all’estremità dell’angolo più ampio del nostro obiettivo per scattare adeguatamente la scena. 

Queste immagini sicuramente mostreranno a noi e ai nostri amici la bellezza della cascata che abbiamo trovato. Ma se invece volessimo valorizzare un po’ la cascata e scattare in modo più artistico? Continua a leggere, non te ne pentirai 

Usare tempi lenti per fotografare le cascate

La più grande differenza che vedrai tra molte immagini di bellissime cascate e immagini fotografiche di cascate che si distinguono e attirano l’attenzione è l’acqua in movimento che si mostra come una morbida sfocatura. 

C’è una cosa da fare per creare quella sfocatura morbida: rallentare la velocità dell’otturatore. Tutto il resto sulle impostazioni della fotografia a cascata con movimento sfocato ruota attorno a quell’impostazione di esposizione della fotocamera. 

A seconda della velocità e del volume della cascata, della distanza dalla posizione della fotocamera e della giornata, è possibile utilizzare un numero qualsiasi di diverse velocità dell’otturatore. Per un movimento a cascata moderatamente sfocato, potremmo impostare una velocità dell’otturatore che ci permette di tenere in mano la fotocamera grazie alla funzione di stabilizzazione dell’immagine (ove presente). Altrimenti avremo bisogno di un supporto. 

Per questo stile di immagine, la velocità dell’otturatore potrebbe essere compresa tra 1/8 e 1/30 di secondo. Per ottenere tale velocità dell’otturatore, disattivare la modalità di automazione completa o l’auto programmata e scegliere invece la priorità del diaframma o la priorità della velocità dell’otturatore o la modalità manuale.

Usa il triangolo di esposizione

Uno dei primi suggerimenti per fare fotografia appresi dalla maggior parte delle persone è il triangolo dell’esposizione anche se io preferisco parlare del quadrato dell’esposizione . Il triangolo dell’esposizione mostra che ci sono tre variabili che controllano l’esposizione fotografica. Velocità dell’otturatore, apertura dell’obiettivo (AKA F-stop) e ISO.

Modificare uno di questi e sarà necessario modificare una o entrambe le altre impostazioni per mantenere l’esposizione corretta. Quindi, se una scena misura a ISO 400, 1/250 di secondo e f/8,0, per ottenere una velocità dell’otturatore di 1/30, dobbiamo cambiare l’apertura dell’obiettivo a f/22, ISO a 50 o una combinazione di ciò che la nostra fotocamera potrebbe avere a disposizione come ISO 200 e f/16 per utilizzare una velocità dell’otturatore di 1/30.

Come creare più sfocatura

Per catturare un’immagine fotografica di una cascata con un movimento dell’acqua notevolmente sfocato, abbiamo bisogno di velocità dell’otturatore o tempi di esposizione misurati in secondi e non in frazioni di secondo, se possibile. Ciò significa che abbiamo bisogno di un’apertura dell’obiettivo molto piccola, inferiore a f/22, o un ISO molto basso, significativamente inferiore a ISO 100. 

Tuttavia, la maggior parte delle fotocamere si spinge fino a ISO 100 o 200. Potremmo considerare un’apertura f/stop o dell’obiettivo più piccola, ma la maggior parte degli obiettivi attuali si ferma a f/22. Cosa possiamo fare a riguardo?

Filtri per lenti: Polarizzatore

È qui che i filtri dell’obiettivo menzionati in precedenza diventano uno strumento prezioso per le nostre impostazioni di fotografia a cascata. I filtri ND e i filtri C-Pol aggiungono densità al percorso della luce di qualsiasi obiettivo su cui sono montati.

Aggiungere densità significa sottrarre luce, più o meno. Puoi ottenere una spiegazione più dettagliata in alcuni dei nostri altri articoli che insegnano specificamente l’uso del filtro o il controllo dell’esposizione. Ciò significa che ora possiamo rallentare la velocità dell’otturatore poiché è necessario per ottenere un’esposizione adeguata per la scena. 

Un filtro C-Pol aggiunge circa 2 stop di densità di esposizione, forse un po’ meno a seconda del filtro esatto. I polarizzatori aiutano anche a controllare i riflessi dall’acqua ferma, dalle foglie delle piante, dal vetro e da altre cose. 

Inoltre, i filtri polarizzatori controllano il contrasto e possono essere utilizzati per intensificare i contrasti di colore, ad esempio facendo risaltare nuvole bianche da un cielo blu scuro. Tutte cose buone per qualsiasi immagine di fotografia di paesaggio che stiamo catturando. 

Filtri per lenti: densità neutra

I filtri ND o densità neutra possono essere trovati in varie intensità da circa 4 stop a 10 stop. Essendo di colore neutro, l’unica cosa che influenzano è l’esposizione. Possiamo trovare filtri C-Pol e ND in normali montature a vite o potremmo investire in un sistema portafiltri

Un sistema di portafiltri è un buon investimento per chiunque abbia intenzione di fare molte fotografie di paesaggi, poiché possiamo trovare decine di usi per scattare con più filtri che possono portare a immagini straordinarie.  

Se vogliamo provare i filtri ND graduati, un sistema portafiltri è praticamente una necessità. Per molte situazioni di fotografia a cascata, un filtro ND completo è generalmente più utile dei filtri GND.

Quanto possiamo andare lenti?

L’impostazione della fotocamera per le cascate può essere notevolmente influenzata dai filtri C-Pol e ND. Prendendo l’esempio di esposizione discusso in precedenza, ISO 400, 1/250 di secondo e f/8.0, vediamo quale velocità dell’otturatore o tempo di esposizione possono darci questi filtri.

Abbiamo già cambiato le nostre impostazioni su ISO 200 e f/16 per utilizzare quella velocità dell’otturatore di 1/30. L’aggiunta di un filtro C-Pol con circa 2 stop di densità ci dà una velocità dell’otturatore di 1/8. Un filtro ND da 10 stop si traduce in una velocità dell’otturatore di 32 secondi, che ora di solito chiamiamo tempo di esposizione anziché velocità dell’otturatore. Stessa cosa, solo una formulazione migliore per lunghi periodi.

Usando la stessa scena, se aggiungessimo un filtro C-Pol a un portafiltro e montassimo anche un filtro ND da 10 stop (i sistemi di portafiltri consentono di montare più filtri insieme), potremmo finire con un tempo di esposizione di 128 secondi, più di due minuti interi! È più che sufficiente per offuscare seriamente qualsiasi movimento dell’acqua.

Ovviamente, qualsiasi tempo di esposizione di quella lunghezza richiederà l’uso di un treppiede o di un altro metodo per garantire l’assoluta assenza di movimento della fotocamera durante il tempo di apertura dell’otturatore. Anche un telecomando elettronico, cablato o wireless, è una buona idea, oltre ad un peso agganciato al centro del treppiede per dare maggior stabilità.

Suggerimenti per la composizione

Probabilmente stai già utilizzando alcuni dei suggerimenti e delle tecniche di composizione per la fotografia di paesaggi come la regola dei terzi, le linee guida e lo spazio negativo mentre acquisisci immagini di fotografia a cascata.

Una considerazione importante oltre alle impostazioni di esposizione per la fotografia a cascata è il movimento implicito dell’attenzione dello spettatore all’interno della scena fotografata. Le cascate sono spesso leggermente arcuate in una leggera curva, che tende a suggerire il movimento. 

Quindi, se abbiamo uno spazio negativo e abbiamo la linea principale della cascata che si muove in esso, l’uso più equilibrato dei terzi ci farebbe posizionare la maggior parte dello spazio con l’arco o la curva della cascata che si muove in esso. Una cascata posizionata dall’altra parte, con la maggior parte dello spazio dietro di essa, sembra meno naturale che farla fluire nell’area dei 2/3 dell’immagine.

Scatta anche tu!

La fotografia delle cascate è molto divertente da fare e ancora più divertente quando mostriamo le nostre immagini ad altri, di persona o online. Puoi utilizzare questi suggerimenti e tecniche con la fotocamera e gli obiettivi che hai ora, inoltre puoi fare ancora di più con pochi accessori fotografici extra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti