fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Perché fare fotografia di paesaggio?

La fotografia di paesaggio non porta quasi alcun beneficio alla società, alla natura o al mondo in generale. Per la maggior parte delle persone, anche il valore commerciale è piuttosto basso. Allora perché dovresti farlo?

Negli ultimi mesi mi sono ritrovato a fotografare sempre più paesaggi ed ho messo in discussione lo scopo delle mie fotografia. Dopotutto, i paesaggi non documentano realmente un viaggio e non raccontano una storia sul mio umore. Sì, certamente sono fotografie spesso molto belle ed evocative. Ma sono scatti utili?

La dura verità

Ammettiamo la verità: se sei una delle poche persone fortunate che guadagna dalla fotografia di paesaggio, le tue fotografie probabilmente non sono la principale fonte di guadagno. O organizzi viaggi in Islanda, Mongolia, Isole Faroe o Patagonia o sei uno YouTuber che porta le persone a vivere un’avventura. In entrambi i modi, non stai guadagnando soldi con le tue fotografie ma con il tuo insegnamento o intrattenimento. Forse scrivi anche articoli su testate online o offline e le tue fotografie completano solo il testo scritto.

La fotografia di paesaggio è una delle aree della fotografia, dove è davvero difficile fare soldi. Il Web è già pieno di immagini stock di prima classe di quasi tutti i luoghi della terra. Solo se sei davvero bravo e hai una grande agenzia fotografica alle spalle o un piede nella porta dell’ufficio di un editore di una rivista, potresti persino ricevere un incarico ogni tanto. Che sogno! Ma questo non diventa quasi mai vero per la maggior parte di noi.

È tutta una questione di bellezza?

Naturalmente, questi pensieri considerano solo il valore commerciale di una fotografia, ma non sempre è possibile convertire il valore estetico in denaro. Le fotografie di paesaggi mostrano la bellezza del nostro pianeta, dopotutto. È vero, ma quando i tuoi amici e la tua famiglia hanno davvero guardato più da vicino le tue fotografie? Senza che fosse necessario un doppio tocco sullo schermo del tuo smartphone. Quando è stata l’ultima volta che hai stampato le tue fotografie e le hai appese in una galleria, dove centinaia di persone interessate trascorrono un’ora o più a guardare le tue bellissime creazioni?

E se le tue fotografie sono piaciute ad altri, avevano un altro scopo? Oltre a far ingelosire le persone e magari prenotare un viaggio nella stessa località solo per scoprire che non è così bella come nelle tue foto perché non si sono alzati alle cinque del mattino?

La fotografia di paesaggio è per te

Ok, stop al cinismo e affrontiamo un’altra verità: ogni giorno, centinaia di migliaia di fotografi paesaggisti si attrezzano ed escono per scattare in luoghi che abbiamo visto da tutte le angolazioni possibili con qualsiasi tempo possibile. Altri riprendono soggetti privi di significato come alberi su un campo, solo perché c’è una bella luce. 

Qual è il senso di quella fotografia?

La fotografia di paesaggio rende felici i fotografi: è così semplice! Nella fotografia di ritratto o commerciale, hai un cliente ed è tuo compito renderlo felice. Vogliono una foto e tu la devi consegnare. Può essere divertente – e di solito lo è – ma è tutto incentrato sul prodotto. Puoi anche collaborare con artisti in un progetto non commerciale e lavorare un po’ di più per te stesso, o almeno consegnare un messaggio.

La fotografia di paesaggio è più semplice: madre natura è la tua cliente, ma non ti dirà cosa le piace o cosa non le piace. Il tuo gusto è tutto ciò che conta e non devi collaborare con nessuno se non vuoi. In questo modo, la fotografia di paesaggio porta la fotografia a un livello molto semplice: cerca i luoghi e poi lavora con loro nel modo che preferisci.

Non si tratta solo della fotografia

La fotografia stessa è solo un risultato della fotografia di paesaggio, ma molto più importante è tutto ciò che accade intorno ad essa. È semplice come ti dirà il tuo biscotto della fortuna: il viaggio è la ricompensa. La fotografia di paesaggio per me è creare ricordi e rilassarmi lasciando andare via tutte le pulsioni negative e lo stress. Racconti su quello che ho fatto, dove sono andato e anche un tributo alla nostra bellissima natura. Non è importante se altre persone “consumeranno” le mie fotografie, anche se è bello vedere che alcuni mostrano interesse e sono impressionati da ciò che c’è là fuori.

Parliamo di invidia: anche se penso che molte fotografie di paesaggi (specialmente quelle con persone che agitano le mani in aria proprio come quella cascata fosse una rock star) hanno solo lo scopo di suscitare invidia tra gli spettatori, soddisfano uno scopo. Un grande pubblico inizia a pensare alla bellezza della natura (o alla sua rappresentazione modificata) e diventa consapevole della fragilità del nostro pianeta. Anche se raramente avvia cambiamenti nel comportamento di consumo delle persone, è un primo passo verso la comprensione del nostro pianeta e imparare ad amarlo. 
Il lato oscuro invece è che sempre più persone si recano nei famosi hotspot fotografici, provocando molte emissioni e togliendo anche lo spirito naturale dei luoghi. Inizia con un parcheggio e termina con una recinzione e le tasse di iscrizione.

La fotografia di paesaggio è la definizione di “Tempo per sé stessi”

La cura di sé è diventata piuttosto importante. Non solo durante l’ultimo anno, ma anche a causa della nostra vita veloce in generale. Il burnout e le malattie legate allo stress sono diventati più presenti che mai. La fotografia di paesaggio ha lo scopo di portarti fuori dalla frenetica vita quotidiana e imparare a goderti la natura come non hai mai fatto prima.

Prima di immergermi più a fondo nella fotografia di paesaggio, non avrei mai pensato di alzarmi prima dell’alba se non avessi dovuto farlo per motivi di lavoro o di studio. Non avrei mai pensato di fermarmi ovunque stavo guidando o camminando solo per abbracciare il cielo serale o le imponenti formazioni nuvolose. La fotografia di paesaggio mi ha letteralmente insegnato a vedere il nostro mondo con occhi diversi. Inizio a cercare i dettagli nella bella luce anche se non porto con me una macchina fotografica.

Fotografia di paesaggio e osservazione del paesaggio

Avendo scattato sempre più fotografie di tramonti mozzafiato, cieli stellati o le prime luci del giorno, ho imparato a godermi la semplice presenza della bellezza nella natura. All’inizio, ogni volta che non portavo una macchina fotografica mi spaventavo, ma ho imparato ad accettare che non si trattava della fotografia ma della mia esperienza. Certo, è bello condividere quell’esperienza online, ma posso anche tenerla per me e per le persone con cui sto.

Condividere la tua esperienza e le tue impressioni proprio nel momento in cui accade può anche essere di grande valore per gli altri. La mia ragazza è diventata più brava di me nel vedere bellissimi dettagli nella natura. Sono ancora un fotografo paesaggista ma insieme siamo diventati un team di osservatori paesaggisti professionisti.

Tutto sommato, la fotografia di paesaggio non riguarda la fotografia in sé, ma l’atto di fotografare il mondo: crea gioia. Aggiunge un po ‘più di senso alla tua vita.

Qual è la tua opinione a riguardo? Cosa ti fa alzare presto e scattare fotografie di paesaggi? Ci guadagni anche qualcosa? Sono ansioso di leggere la tua opinione nei commenti.

2 Responses

  1. Non sono un fotografo professionista per cui difficilmente una delle motivazioni che spingono i miei click sono di ordine economico.
    Ho iniziato da “bambino” per cui ho fotografato un po’di tutto, ma in particolare ho sempre avuto interesse verso i ritratti per cogliere momenti ed espressioni e verso la natura di cui sono da sempre innamorato della natura che si tratti della “Madre Terra” o delle sue creature.
    Spesso assieme ad un caro amico con cui condivido quest’ultimo interesse faccio delle levatacce per raggiungere “punti strategici” dove trovare animali selvatici dagli stambecchi ai gufi (a titolo di esempio) nei loro habitat, anche se la fortuna non sempre ci assiste.
    Quando fotografo un paesaggio invece è perché quel paesaggio mi trasmette delle sensazioni intense (non sono “di bocca buona”) che cerco di catturare ed esprimere con la mia fotografia, questa è la mia sfida che, ahimè, non sempre vinco.
    Lo faccio prevalentemente per me stesso ed in parte per poter condividere a posteriori quel momento con qualche persona cara non presente al momento dello scatto. Solo a volte pubblico i miei scatti su social o simili in generale (il 20/30%).

    1. Ciao Alessandro, ti capisco perfettamente in quanto lo scatto per me è il momento in cui libero nell’aria le pulsioni negative e solo in seconda battuta penso al “prodotto foto” non so se ho reso l’idea 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti