fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Il potere della fotografia riflessiva

Abbiamo trattato la fotografia di paesaggio già in diversi articoli, con questo articolo invece andiamo ad esplorare cosa accade nella nostra mente quando iniziamo a soffermarci su tutti i dettagli mentre stiamo scattando.

È facile pensare troppo alla fotografia di paesaggio (come sto per fare ora). Per chiunque sia incline a dubitare di sé, come me, scattare fotografia di paesaggio può essere addirittura paralizzante.

Sto scegliendo la posizione giusta? È un luogo migliore per l’alba o il tramonto? Come reagiranno il mio pubblico o i miei clienti a questa immagine? Avrà successo sui social media? In che modo questa immagine si adatterà al mio lavoro più ampio? Queste domande, prese in massa, possono trasformare rapidamente una piacevole gita fotografica in una triste. L’analisi critica, durante il processo creativo, ovvero quando la fotocamera è nelle tue mani, garantisce risultati quasi mediocri.

Tornato a casa, ho trascorso anni a fotografare quasi quotidianamente. Ho conosciuto ogni piega, sporgenza, faccia e cresta delle montagne locali in ogni stagione. Questo, ovviamente, non è stata necessariamente una cosa negativa in quanto ogni anno che passava il mio livello è migliorato. Sfortunatamente, man mano che le immagini diventavano più raffinate, i miei standard, in particolare per la luce e il tempo atmosferico, si avvicinavano al regno di ciò che raramente è raggiungibile. Avevo, inavvertitamente, creato abitudini di movimento (i miei luoghi preferiti per fare escursioni e scattare foto), stabilito aspettative per tempo / luce ideali (sulla base di anni di fotografare quel tempo / luce) e sviluppato uno stile per come volevo comunicare quei luoghi in quelle condizioni (grandangolo esagerato nei primi piani). Questi tre fattori hanno ostacolato il mio sviluppo creativo. Mi sono trovato meno disposto a scattare perché ritenevo le condizioni insoddisfacenti. Guardavo fuori dalla finestra, vedevo il cielo azzurro e dicevo “meh”.

Per essere chiari, non ho rimpianti per l’approccio di cui sopra. Ma forse avevo innescato troppe abitudini fuorvianti. In ogni caso, credo che impegnarsi in un luogo, pianificare le riprese in base alle condizioni ed esplorare le aree possa produrre risultati eccezionali. Personalmente penso che sia un modo di fare che porta enorme valore ma, dopo mesi di viaggio, ho scoperto che l’approccio ha un difetto fatale.

Mentre vagavo per il South Rim del Grand Canyon, ho iniziato a esplorare i limiti del mio processo creativo. Sebbene il seme dell’idea sia stato piantato nella Death Valley, è stato solo nel canyon più grande che i pensieri hanno cominciato a fondersi. È sempre stato importante per me trovare le parole giuste per descrivere quello che sto facendo. Il Grand Canyon, in quanto paesaggio vasto e complesso, è un bel posto per rimuginare sugli spunti linguistici che incorniciano il modo in cui penso alla fotografia. Concentrarmi sulle parole pianificazione, scouting e stile, come avevo fatto a casa, semplicemente non stava dando i suoi frutti e non era per nulla pratico. Mi avvicinavo a un paesaggio e invece di cercare ciò che c’era e bello, iniziavo a immaginare quale potesse essere lo scatto migliore. Ovviamente, alla fine stabilivo che il tempo e la luce non erano ottimali e, a causa degli impegni, non potevo aspettare giorni o settimane che le condizioni migliorassero. La maggior parte delle volte, la mia macchina fotografica è rimasta nella borsa.

Percorrendo con cautela i sentieri, la parola “riflessivo” continuava a comparire nella mia mente. La parola ha forti connotazioni di reattività inconscia che valorizza gli istinti – l’occhio – di un individuo.

Tramonto dal South Rim, Parco Nazionale del Grand Canyon

Entrare nella fotografia riflessiva

Ovvero l’atto di lasciarsi guidare dall’inconscio con la propria macchina fotografica. Questo non è un atto di azione e reazione, termini che lasciano intuire l’essere colti alla sprovvista. Piuttosto, la fotografia riflessiva è la risposta innata a una scena. La fotografia riflessiva viene esercitata in un dato paesaggio e apre la mente al paesaggio senza limiti. Non c’è nient’altro: solo tu e la scena. Dove viene attratto il tuo occhio, lo è anche la tua fotocamera. È così semplice. L’approccio lascia spazio alla sorpresa: luce interessante in una direzione che non avresti potuto prevedere, morfologie avvincenti che prima ti erano sconosciute, fauna selvatica che passa, ad esempio la sorpresa crea spazio per il nostro inconscio per comportarsi in modo riflessivo rispetto alla scena. In quello spazio, creiamo qualcosa di fresco, non pianificato e nuovo.

La fotografia riflessiva non ha niente a che fare con nessun altro. La frase non ha alcuna somiglianza con le ultime tendenze di composizione o elaborazione su Instagram. La frase ha a che fare solo con te: la tua visione, i tuoi interessi, la tua sensibilità. È il modo in cui rispondi in modo riflessivo a una scena. Se la fotografia di paesaggio è l’arte di catturare l’interazione tra forma e luce, allora siamo tutti studenti dell’osservazione, rispondendo con le nostre macchine fotografiche agli elementi che ci obbligano. La nostra predilezione per una scena rispetto a un’altra è di fondamentale importanza. È molto significativo che, quando due persone osservano lo stesso paesaggio, otterranno scatti completamente differenti in quanto l’inconscio guiderà la macchina fotografica in del tutto differenti. Quelle differenze e quel cambio di prospettiva sono tutto.

Nella Death Valley, mi sono ritrovato a lottare per dare un senso alla Terra messa a nudo. È un luogo essenziale, in gran parte privo di vita vegetale, definito da trame e sottili variazioni di colore. Ho lottato immensamente per dare un senso fotografico al luogo. Mi alzavo per l’alba ogni mattina, dopo aver pianificato e esplorato la sera prima, solo per trovarmi privo di ispirazione da cieli informi e luce cruda. I miei scatti panoramici grandangolari programmati non funzionavano. Ho passato il caldo della giornata all’ombra delle pareti del canyon. Il tramonto arrivava ogni giorno come una gioia, non perché offrisse un’altra opportunità per scattare, ma perché segnava una tregua dal sole cocente.

Frustrato dal fatto che il mio approccio fotografico standard non funzionasse, ho deciso di fare un passo indietro rispetto alla fotografia e di portare semplicemente la macchina fotografica a fare una passeggiata: nessuna aspettativa, nessun piano, solo passeggiando per luoghi interessanti. Per evitare il caldo, ho iniziato a fare escursioni al chiaro di luna. All’improvviso, il paesaggio si è trasformato. Ho cominciato a vederlo, letteralmente, sotto una nuova luce. La morbida luce della luna ha dato forma alle curve sinuose delle dune. Immediatamente, mi sono sentito obbligato a tirare fuori la mia macchina fotografica e sperimentare l’interazione tra luce e forma. Era del tutto riflessivo.

Mesquite Dunes al chiaro di luna, Parco nazionale della Valle della Morte

Per molti altri giorni mi sono avventurato tra le dune al chiaro di luna. L’esperienza è stata trascendente. Ha rinnovato tutto ciò che amo della fotografia. La fotografia dovrebbe essere un’estensione, non lo scopo, del mio legame con il paesaggio. Solo attraverso la connessione posso iniziare a vedere.

Invece di ragionare con la mia macchina fotografica, sto imparando a ragionare con i piedi e gli occhi. Sto lavorando attivamente per ridurre le aspettative e aprirmi alla sorpresa. Oggi quando mi approccio allo scatto della fotografia di paesaggio cerco di ripercorrere quel percorso e affrontare il tutto come una passeggiata e nessuna inquadratura specifica.

E tu hai mai avuto questi blocchi? Se si come ne sei uscito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti