fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Fotografia boudoir: ottieni risultati migliori

Spesso e volentieri osserviamo sui social network e non solo, fotografia boudoir il cui risultato medio è spesso scadente e in alcuni casi offensivo nei confronti del soggetto che ha accettato di posare.

In questo articolo parleremo solo della fase relativa allo scatto e non scenderemo in alcun modo nel dettaglio relativo alla posa, alle luci o alla scelta dell’ottica per ottenere la profondità di campo migliore per cui magari in futuro faremo ulteriori approfondimenti.

La fotografia boudoir ha meno a che fare con la quantità di pelle mostrata e più a che fare con la creazione di un ambiente e le successive serie di immagini che aiutano il tuo soggetto ad apparire, sentire ed essere il meglio di sé nella propria pelle. Certo, ci sono elementi intrinseci di intimità, sensualità, romanticismo ed erotismo, ma il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di aiutare il tuo cliente o modella/o a vedere se stessa in un modo unico per loro e per chiunque veda le foto. La fotografia boudoir è nata come un modo per il soggetto e i suoi partner romantici di godersi il lato più sensuale dell’individuo.

Il glamour, il nudo artistico e persino le varie versioni della fotografia erotica sono molto distinte dal boudoir perché il pubblico previsto è radicalmente diverso. Piuttosto che essere eccessivamente suggestivo, l’idea del boudoir è quella di avvicinarsi alla sessualità, all’intimità e persino alla nudità in un modo che è più progettato per un pubblico privato piuttosto che per un pubblico televisivo. Il tuo soggetto potrebbe essere un cliente o una modella, ma il tuo approccio dovrebbe essere incentrato sulla storia dell’individuo. Ricorda che la fotografia Boudoir nasce principalmente per il tuo soggetto e per le persone a lui vicine con cui condividono le immagini.

Alcune delle forme più notevoli della prima fotografia di boudoir includono poster di pinup dell’era della seconda guerra mondiale, che ha iniziato a normalizzare la forma femminile nella pubblicità, ma si è evoluta nel tempo per tornare alla creazione di un mezzo pensato per l’ambientazione intima. La parola stessa deriva dalla lingua francese, dove è principalmente attribuita al camerino o alla camera da letto di una donna. Lo stile nel suo insieme non è mai stato pensato per le masse; è qui che entrano in gioco gli stili glamour ed erotico.

Perché i fotografi boudoir pensano troppo ai loro scatti?

È facile perdersi nel tentativo di creare quello scatto perfetto, con la luce perfetta, del corpo perfetto. Ma è molto più importante ricordare che la tua missione è costruire il tuo soggetto indipendentemente da ciò che scelgono per gli abiti o da come si presentano fisicamente. Il tuo lavoro è “semplice”: creare un’immagine che evochi un’emozione positiva. Idealmente, l’emozione che le tue immagini evocano sarà di natura in qualche modo sensuale, ma non tutti i clienti del boudoir vorranno immagini di se stessi che siano così evidenti. 

Ovviamente, dal momento che scelgono di lavorare con te, vogliono una sessione che mostri il loro lato più vulnerabile, persino sessuale, ma una chiara comunicazione con il tuo cliente/modella/modello ti aiuterà a capire come catturarli veramente in un modo che li mostri come la loro versione migliore

Come progettare una sessione di fotografia boudoir

Ecco alcuni suggerimenti per progettare una sessione che consenta al tuo cliente boudoir di sentirsi a suo agio ed eccitato per la sua sessione:

  • Discuti il ​​guardaroba con largo anticipo. Gli abiti possono creare confusione e raramente i tuoi clienti boudoir avranno un’idea perfettamente chiara di cosa vogliono indossare. Sei tu quello che crea l’immagine; dare suggerimenti utili che funzionano nelle loro zone di comfort e budget per scegliere abiti che li aiutino ad apparire al meglio.
  • Scegli la location giusta. Alcuni vorranno lavorare con te in uno studio; lo spazio e la tranquillità li aiuteranno a sentirsi a proprio agio. Altri clienti potrebbero sentirsi più a loro agio se scatti con loro a casa loro. Non limitarti a un unico luogo per i tuoi scatti di boudoir. Essere flessibili ti consentirà di conquistare un mercato di riferimento più ampio.
  • Una sessione di Boudoir è una sessione in cui il soggetto è vulnerabile. Alcuni dei tuoi soggetti vorranno portare con loro un amico o un familiare in modo che si sentano al sicuro. Non scoraggiarti, è normale. Se il tuo soggetto si sente a disagio, sarà assolutamente visibile sul suo viso e nelle immagini che catturerai.
  • Attieniti al tuo stile. Il soggetto è venuto da te per un motivo, quindi sii fiducioso nel tuo approccio. La fotografia Boudoir è molto aperta all’interpretazione e i tuoi clienti/modelle/i ti hanno scelto per come interpreti lo stile.
  • La fotografia di Boudoir ha sempre avuto a che fare con il miglioramento della persona. Prova a chiedere al tuo soggetto di descrivere quali pensano siano alcune delle loro migliori qualità e usale per adattare le tue composizioni per completare ciò che già vedono in se stesse.

Obiettivo della fotografia boudoir

La fotografia boudoir è davvero semplice. Forse alcune sessioni sono più impegnative di altre, ma l’obiettivo finale è e sarà sempre lo stesso. L’obiettivo è creare una serie di immagini uniche per un individuo in un modo che consenta loro di vedersi come attraenti, sensuali e fisicamente desiderabili, è sempre un’opportunità divertente. Più il genere si è diffuso, maggiore è la gamma di stili che abbiamo iniziato a vedere, e sta solo crescendo in popolarità e varietà.

Il consiglio migliore per migliorarti o per iniziare la strada in questo genere fotografico è quello di osservare i grandi fotografi. Magari seguendone da tre a cinque tra quelli i cui stili sono quelli che desideri emulare. Studia quegli stili e prova anche a ricreare alcuni degli sguardi che vedi. Il reverse engineering della foto di un altro ti insegnerà molto su come padroneggiare il tuo stile.

Per i fotografi boudoir più esperti, adoro sempre quando uno si dirama e crea qualcosa di completamente originale dai loro stili preesistenti. Prova qualcosa di nuovo, anche se hai già una formula che funziona. Non sai mai cosa potrebbe venirne fuori. Provare cose nuove nel regno del boudoir può essere tanto divertente per te quanto per coloro che fotografi.

La fotografia boudoir non si limita al genere, sia come fotografo che come soggetto, ma è diventata una forma di espressione artistica molto più flessibile. Ciò che questo significa per te come fotografo è che dovresti pensare a come mettere a tuo agio ciascuno dei tuoi soggetti davanti alla tua fotocamera. Poiché questo è un regno fotografico che è intrinsecamente più vulnerabile, ci sono alcune considerazioni a cui i fotografi maschi dovrebbero riflettere quando il loro soggetto è femmina; lo stesso si può dire se i ruoli di genere del fotografo e del soggetto vengono invertiti. 

Sfortunatamente, viviamo in un mondo in cui è risaputo che i fotografi usano un servizio fotografico come mezzo per avvicinarsi a qualcuno in modo inappropriato. Sii intelligente, pensa a ciò che vorresti come scatto di una sessione di boudoir per sentirti a tuo agio e crea un ambiente positivo che consenta a chi si trova di fronte alla tua fotocamera di essere veramente se stesso.

Fintanto che il tuo cliente si sente a suo agio, felice e fiducioso durante la sua sessione, allora l’hai assolutamente reso felice.

Attrezzatura per fotografia boudoir 

Due parole sull’attrezzatura al momento maggiormente utilizzata dai fotografi boudoir. La maggior parte dei fotografi professionisti di questo genere utilizza obiettivi a focale fissa con una larga apertura, quindi parliamo ad esempio di:

Per quanto riguarda invece i sistemi di luce, qui possiamo andare da qualche centinaio di euro a migliaia di euro, chiaramente dipende dagli obiettivi da raggiungere e dalle possibilità economiche, ma una marca che nel corso del tempo ho seguito e apprezzato per il suo rapporto qualità prezzo è la godox che ti consiglio assolutamente sia in termini di resistenza che di qualità intrinseca di prodotto. Chiaramente ti serviranno anche altri ausili quali ad esempio softbox o ombrelli, ma questi argomenti li approfondiremo in altri articoli.

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti