fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Distanza iperfocale facile: dimentica grafici e calcolatrici

La maggior parte dei fotografi di paesaggi tende a preferire mantenere l’intera scena a fuoco sia dietro che avanti al punto di messa a fuoco, utilizzando aperture più piccole per mantenere una maggiore profondità di campo. Usando questa semplice tecnica, qualsiasi fotografo può trovare rapidamente la distanza iperfocale, ovvero la distanza di messa a fuoco alla quale un obiettivo, data qualsiasi apertura e lunghezza focale, produrrà la massima profondità di campo

Scattare immagini davvero nitide

Molti fotografi si attengono alla regola pratica di mettere a fuoco un terzo del percorso all’interno della scena. Questo metodo funziona abbastanza bene, a condizione che la tua apertura sia abbastanza piccola, la tua lunghezza focale abbastanza ampia e supponendo che non ci siano oggetti in primo piano vicini che vorresti mantenere a fuoco. Nell’era della condivisione dei media digitali, la maggior parte dei fotografi condivide le proprie immagini dai propri telefoni cellulari, partendo dal presupposto che la maggior parte del pubblico guarderà anche dai propri telefoni cellulari. Ciò significa che gli errori di messa a fuoco spesso passano inosservati mentre una corretta messa a fuoco spesso non viene apprezzata. Ad esempio, l’immagine sopra ha richiesto molta attenzione per mantenere a fuoco i ciottoli in primo piano, mantenendo allo stesso tempo lo sfondo all’interno del piano focale, tuttavia sui social media il file viene compresso e ridimensionato, per cui non si nota alcuna differenza e non si possono cogliere le particolarità della foto. 

Nonostante Instagram, a molti di noi piace ottenere il massimo dei dettagli e della chiarezza in tutte le nostre immagini, sia per realizzare stampe di qualità superiore, sia semplicemente per la soddisfazione di creare un’immagine di qualità che abbia un bell’aspetto in tutte le dimensioni. Molti fotografi invidiano le immagini nitide di una fotocamera full frame ad alta risoluzione, incolpando dei loro risultati morbidi un sensore più piccolo o un obiettivo economico quando in realtà, la maggior parte dei loro problemi sono probabilmente dovuti a una scarsa tecnica di messa a fuoco. L’immagine sopra è abbastanza nitida per la stampa di grandi dimensioni ed è stata realizzata con un obiettivo con messa a fuoco manuale “economico” ( Rokinon 12mm f / 2.0 ) e una fotocamera APS-C ( Fujifilm X-T2 che oggi non si trova più sul mercato in quanto è uscita la Fujifilm X-T4). 

Distanza iperfocale

Il metodo tipico per trovare la distanza iperfocale prevede l’utilizzo di grafici o calcolatrici disponibili online o con app come  PhotoPills . Calcolare la distanza iperfocale è una cosa, ma mettere a fuoco l’obiettivo a quella distanza esatta è una sfida completamente separata. Anche con una scala della distanza sull’obiettivo o nella fotocamera, può essere difficile assicurarsi di essere a fuoco alla distanza iperfocale, poiché quelle scale sono spesso calibrate male. Quando hai preparato meticolosamente una ripresa, specie nella fotografia di paesaggio, vuoi essere sicuro che le tue immagini siano a fuoco quando torni a casa per elaborarle. Il metodo infallibile per trovare la distanza iperfocale non richiede nemmeno calcoli o grafici e può essere eseguito completamente nel momento precedente al rilascio dell’otturatore.

Il medoto

  • Inizia impostando l’apertura come dettata dalla scena, tenendo presente che più piccola è l’apertura, più vicina sarà la distanza iperfocale.
  • Quindi, imposta l’obiettivo sulla messa a fuoco manuale e mettilo a fuoco alla distanza più vicina consentita.
  • Utilizzando lo zoom del display della fotocamera al massimo, visualizza un’area nella parte più lontana della scena che ha dettagli precisi su cui mettere a fuoco, come una montagna lontana o un oggetto vicino all’orizzonte.
  • Infine, ruota la ghiera di messa a fuoco verso l’infinito finché i dettagli più fini non appaiono per primi nel modo più nitido. Questa è la distanza iperfocale per la lunghezza focale corrente e l’impostazione dell’apertura. E ‘così semplice. Se vai oltre questo punto, perderai profondità di campo in primo piano, poiché la distanza iperfocale si allontanerà dalla fotocamera.

Una volta trovata la distanza iperfocale, puoi comporre la scena sapendo di aver già stabilito la massima profondità di campo possibile per l’apertura scelta. Tieni presente che trovare la distanza iperfocale non significa che tutto sarà a fuoco. Significa semplicemente che hai trovato la distanza di messa a fuoco alla quale la tua profondità di campo sarà maggiore. Gli oggetti vicini in primo piano potrebbero essere ancora fuori fuoco e possono essere composti fuori dalla scena, messi a fuoco selezionando un’apertura più piccola e ripetendo i passaggi precedenti, o mettendo a fuoco, se tutto il resto fallisce. 

Questo metodo è ideale perché si basa sul feedback visivo, piuttosto che sulla fiducia nelle scale di distanza fornite dall’obiettivo o dalla fotocamera. Con questo metodo che ti ho appena illustrato potrai scattare una foto in assoluta sicurezza sapendo di aver catturato tutto con dettagli nitidi. 

2 Responses

  1. Un articolo molto interessante e scritto in un modo molto semplice e comprensivo.
    Grazie e buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti