fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come usare il contrasto per guidare immediatamente l’occhio verso gli elementi più importanti nelle tue immagini

L’estrazione del contrasto è uno degli aspetti più importanti dell’elaborazione visiva. Ha un ruolo enorme nel modo in cui vediamo le immagini, dove i nostri occhi sono attratti per primi e dove si soffermano. In questo articolo impareremo alcuni semplici trucchi per creare fotografie più coinvolgenti ma soprattutto capiremo perché funzionano.

Le radici evolutive della percezione del contrasto – ovvero come non farsi mangiare

Immagina di essere fuori per una passeggiata nella savana africana una sera. Fragili erbe dorate si estendono verso il sole soffocante mentre si staglia nel cielo. L’orizzonte è punteggiato qua e là da piccoli affioramenti di arbusti e acacie sottili. Alcune mosche ronzano languidamente intorno al tuo viso. Mentre li spazzoli via con un tocco della mano, senti un rumore molto basso. Un ringhio? Inizi a osservare con maggior interesse quanto ti circonda con un po’ di più, diciamo … interesse.

Ma cosa succederebbe se tu fossi lì e non potessi vedere il contrasto circostante? Con questo, non intendo cosa vedresti se quello che ti circonda non avesse contrasto ma intendo se non avessi il meccanismo neurale per registrare il contrasto? Guarda le due immagini qui sotto. Nell’immagine a sinistra il contrasto tonale è stato completamente eliminato. Questo potrebbe essere più o meno come si sperimenterebbe il mondo se non avessero adattamenti neurali per elaborare le differenze relative di luminosità. Questo non è inconcepibile. Il morbo di Parkinson , ad esempio, può causare un tale degrado.

L’immagine a destra, d’altra parte, mostra qualcosa di come potrebbe apparire il mondo se potessi elaborare le differenze di luminosità, ma solo con un’acuità abbastanza bassa. Al centro del nostro campo visivo abbiamo dei nervi chiamati gangli sulla nostra retina che possono tipicamente registrare differenze di luminosità su scale di pochi centesimi di grado. Alla periferia, tuttavia, queste regioni possono essere di 3-5 gradi meno sensibili. L’immagine a destra, quindi, fornisce un’idea di come potrebbe apparire il mondo se solo avessimo questo grado minore di acutezza ovunque. L’immagine è un po’ più informativa, ma lascia ancora molto a desiderare.

Left ImageRight Image

Come sarebbe se non potessi percepire affatto le differenze di luminosità, a sinistra; o con un’acuità relativamente bassa, giusto.

È interessante notare che in entrambi i casi il canale del colore è stato lasciato completamente inalterato. Si noti che è davvero difficile dire cosa sta succedendo in entrambe le immagini, anche quando sono disponibili informazioni complete sul colore. Questo da solo suggerisce qualcosa su quanto siano critiche le differenze di luminosità per la nostra percezione (almeno in alcuni casi). Ora guarda l’immagine qui sotto. È lo stesso di quelli sopra, ma con le informazioni sulla luminosità lasciate intatte. Il contrasto può essere utile, eh?

L’immagine di cui sopra come ci appare normalmente

Come reagisce il cervello al contrasto?

L’estrazione del contrasto è una delle otto “leggi” neuroestetiche che Ramachandran e Hirstein hanno ipotizzato in The Science of Art . La loro affermazione era che non è solo il contrasto può essere utile, ma è così utile che ci siamo evoluti per trovarlo emotivamente piacevole e per cercarlo attivamente.

Perché? Bene, se pensiamo a una scena visiva come contenitore di informazioni, le densità di informazioni più elevate si trovano tipicamente nelle aree in cui il contrasto è elevato. Queste sono le aree con bordi e confini; sono le aree che differenziano le forme, le aree che definiscono gli occhi e le orecchie – e i denti. Il nostro cervello ha una quantità limitata di tempo e attenzione che può dedicare all’elaborazione visiva. È fondamentale, quindi, allocare quell’attenzione nel modo più efficiente possibile, dando la priorità alle aree con un alto contenuto di informazioni in modo da cogliere il leone nell’erba o la griglia del camion che viene giù per la strada verso di noi il più rapidamente possibile, piuttosto che fissare il cielo azzurro brillante sopra mentre uno dei due ci colpisce.

I ricercatori dell’Istituto di scienze cognitive in Germania hanno eseguito un esperimento davvero interessante per esplorare questo comportamento – per quantificare come il contrasto influisce sulla nostra attenzione quando guardiamo le fotografie. Innanzitutto adattano a ciascuno dei partecipanti allo studio un dispositivo che consentirebbe ai ricercatori di monitorare il movimento degli occhi. Hanno quindi mostrato ai partecipanti una serie di immagini di scene diverse e hanno monitorato il modo in cui gli occhi dei partecipanti si muovevano attraverso ciascuna immagine, dove i loro occhi si soffermavano e dove evitavano di guardare. Quindi hanno apportato modifiche a piccole porzioni di ciascuna scena, aumentando o diminuendo il contrasto locale di vari gradi. Confrontando il tempo trascorso dai partecipanti a visualizzare le stesse regioni delle immagini modificate e non modificate, sono stati in grado di quantificare l’impatto delle variazioni di contrasto sull’attenzione visiva. Una versione qualitativa dei loro risultati è mostrata nella figura alla fine di questo paragrafo.

Left ImageRight Image

Esempio che mostra la riduzione del contrasto locale in una porzione di un’immagine, simile al tipo di modifica apportata nello studio.

Quello che hanno scoperto è che quando il contrasto aumenta in una piccola porzione di un’immagine attira la nostra attenzione. L’effetto è in realtà più evidente quando guardiamo per la prima volta un’immagine che suggerisce che non solo passiamo più tempo ad esaminare queste regioni, ma i nostri occhi sono attratti dall’esplorarle prima. D’altra parte, i partecipanti hanno trascorso meno tempo a riflettere sulle aree di un’immagine in cui il contrasto era diminuito, fino a un certo punto. Se il contrasto è stato diminuito troppo, forse la diminuzione stessa ha iniziato a risaltare e attirare l’attenzione.

Impatto della modifica del contrasto sull’attenzione relativa. 
L’aumento del contrasto locale attira l’attenzione mentre le diminuzioni tendono a diminuirlo.

Guidare l’attenzione con i livelli di regolazione

Ora, se sei uno di quei tipi malvagi, potresti strofinarti i palmi delle mani a questo punto pensando che tutto ciò suoni in qualche modo intrigante. Come potremmo usarlo a nostro vantaggio dal momento che sembra implicare che possiamo – almeno in una certa misura – convincere chi guarda le nostre foto a prestare attenzione alle cose che vogliamo e a non essere distratti da altro?

Esistono diversi modi in cui è possibile manipolare il contrasto durante la ripresa e la successiva elaborazione:

  • Se sei un fotografo ritrattista e utilizzi le luci da studio, probabilmente hai un po’ di controllo sulla quantità e sulla posizione del contrasto anche prima di scattare un’immagine;
  • Quasi tutti i fotografi possono utilizzare un’apertura più ampia nelle giuste condizioni per ridurre il contrasto degli elementi che distraggono sullo sfondo di una scena (qualcosa di simile a volte può essere ottenuto con l’uso abile della sfocatura in Photoshop);
  • L’uso della vignettatura, mentre scurisce o schiarisce il perimetro di un’immagine, ha spesso anche l’effetto collaterale di diminuire il contrasto in quelle zone;
  • La nitidezza o l’uso di un filtro High Pass (passa alto) possono essere utilizzati per aumentare il contrasto;
  • I livelli di regolazione delle curve, che esploreremo più in dettaglio qui, possono essere utilizzati anche per manipolare il contrasto.

Come esempio di quest’ultimo metodo, diamo un’occhiata a una foto di strada con una composizione relativamente semplice. L’immagine originale era a colori (come mostrato in basso a sinistra). Per consentirci di concentrarci sull’impatto dei perfezionamenti del contrasto, tuttavia, lavoreremo con una versione in scala di grigi.

Left ImageRight Image

L’immagine originale, a sinistra; e una versione in scala di grigi, giusto.

Per modificare il contrasto useremo un livello di regolazione delle curve. Se non l’hai mai eseguito, in Photoshop, all’inizio può essere un po’ scoraggiante, ma vale la pena dedicare del tempo a imparare a usarlo. Può essere incredibilmente potente. Ci consente di variare in modo indipendente la luminosità o l’oscurità dei pixel con una data luminosità. Potremmo rendere le ombre più scure, ad esempio, e le luci più chiare. Ciò aumenterebbe il contrasto.

Nella figura seguente sono mostrati tre esempi della finestra di dialogo Proprietà per i livelli di regolazione delle curve. Lo stato predefinito senza regolazione viene visualizzato a sinistra. Fondamentalmente è costituito da un grafico quadrato con una linea diagonale che va da sinistra in basso a destra in alto. L’asse orizzontale mostra il valore corrente della scala di grigi dei pixel nella nostra immagine. L’asse verticale indica il valore della scala di grigi in cui vorremmo tradurlo. Una diagonale perfetta di 45 gradi, quindi, indica l’assenza di regolazioni. Un valore di 128 sull’asse orizzontale verrebbe tradotto nello stesso valore di 128 sull’asse verticale. L’istogramma dietro il grafico mostra il numero di pixel di ciascun valore nell’immagine non modificata.

La finestra di dialogo delle proprietà per un livello di regolazione delle curve corrispondente a nessuna modifica (sinistra), aumento del contrasto (centro) e diminuzione del contrasto (destra).

E se volessimo aumentare il contrasto complessivo della nostra immagine, come abbiamo detto sopra? In tal caso potremmo usare un livello Curve per rendere i valori più scuri un po ‘più scuri e i valori più chiari un po’ più luminosi. Il pannello centrale nell’immagine sopra mostra come potrebbe apparire. D’altra parte, se volessimo diminuire un po’ il contrasto complessivo, avremmo bisogno di schiarire le zone scure diminuendo le luci, come mostrato nel pannello a destra. (C’è molto di più che puoi fare, ovviamente, con un livello di regolazione delle curve, ma questo va ben oltre lo scopo di questo articolo.)

Inoltre, non dobbiamo farlo solo per l’immagine nel suo insieme. Includendo una maschera di livello possiamo alterare selettivamente il contrasto solo in una parte dell’immagine. Nell’esempio seguente, abbiamo due livelli di regolazione delle curve mascherati: uno aumenta il contrasto nella finestra di visualizzazione, l’altro diminuisce il contrasto sulla parte superiore del corpo della donna.

Più livelli di regolazione delle curve con maschere possono essere utilizzati per aumentare o diminuire il contrasto in più regioni della stessa immagine.

Quindi, come fa questo effetto a indirizzare la nostra attenzione? Due esempi sono mostrati qui sotto affinché tu possa confrontare il tutto. L’immagine a sinistra corrisponde alle regolazioni effettuate nell’illustrazione sopra. Il contrasto in vetrina è stato aumentato, mentre è stato diminuito il contrasto sul viso e sulla parte superiore del corpo della donna. Nell’immagine a destra è stato diminuito il contrasto all’interno della vetrina (e della fioriera sottostante), mentre è stato aumentato il contrasto sul viso e sul corpo della donna. Scorrendo tra le due immagini, sospetto che noterai una differenza significativa nel punto in cui il tuo occhio è attratto per primo, così come nel punto in cui si sofferma o ritorna nel tempo.

Left ImageRight Image

Coppia di immagini che illustra la differenza tra le regolazioni del contrasto che evidenziano la finestra del display rispetto a quelle che evidenziano la figura.

Si noti, ovviamente, che queste sono modifiche abbastanza forti utilizzate a scopo illustrativo. A volte però potresti davvero voler apportare modifiche così pesanti. Altre volte scoprirai che anche piccoli aggiustamenti possono avere un impatto significativo su dove cade la tua attenzione. Non aver paura di giocare un po’ : prova qualcosa, alzati dalla sedia, esci dalla stanza e poi torna di nuovo. Guarda come l’immagine su cui stai lavorando cattura la tua attenzione da lontano. Dove va il tuo occhio per primo? Dove continua a tornare? Se si sposta naturalmente nelle aree che desideri ed evita le regioni che non sono importanti, fantastico! In caso contrario, potresti aver bisogno di un altro livello di regolazione o avere ancora un piccolo ritocco da fare.

Un po ‘di divertimento gratuito

Un’immagine in scala di grigi è stata sovrapposta con una griglia abbastanza rada resa a colori. Le uniche informazioni sul colore nell’immagine erano fornite su quella griglia, tuttavia, se ti allontanavi un po’ da essa, l’immagine sembrava come se fosse a colori. Piuttosto sorprendente dato che solo il 10-20% dei pixel conteneva effettivamente informazioni sul colore! E se provassimo la stessa cosa con la luminosità, fornendo informazioni tonali solo su una griglia?

Immagine a colori con informazioni tonali fornite solo su una griglia sparsa.

Non produce esattamente gli stessi risultati. Questo probabilmente illustra ulteriormente le differenze nei ruoli che il colore e la luminosità giocano nella nostra percezione (almeno in alcune circostanze) e il tipo di informazioni che ricaviamo da ciascuno. Il nostro cervello utilizza le informazioni sui colori principalmente per riempire l’aspetto superficiale delle forme. Sembra che si utilizzi il contrasto di colore per distinguere tra caratteristiche o confini in misura leggermente inferiore rispetto al contrasto di luminosità. Di conseguenza, un po’ di informazioni sul colore fornite su grandi scale spaziali è sufficiente per indicare al nostro cervello informazioni sufficienti per colmare lacune anche abbastanza grandi.

Le differenze di luminosità, d’altra parte, sembrano giocare un ruolo molto più significativo nel distinguere i confini tra le regioni e nell’identificare le caratteristiche chiave in una scena. Ciò, tuttavia, richiede informazioni finemente dettagliate, informazioni che il nostro cervello non può dedurre o ricostruire da pochi punti. Abbiamo bisogno dei dettagli. Fantastico, eh?

Hai altri modi in cui usi il contrasto per guidare l’occhio nelle tue immagini? Altre intuizioni sulla percezione del contrasto? Facci sapere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti