Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come realizzare sempre foto ben esposte. Parte 2 – Gestire l’esposizione

Questo è il secondo articolo di una serie di tre che parla di come realizzare fotografie ben esposte. Il primo articolo riguarda la scelta del soggetto, alcune idee sbagliate comuni sull’esposizione e l’intenzione del fotografo.

Come realizzare sempre foto ben esposte

Dopo aver identificato il soggetto, la gestione dell’esposizione è la cosa più importante.
Queste cose influenzeranno l’esposizione della tua fotografia:

• Punto di vista
• Scelta dell’obiettivo
• Scelta dei tempi
• Leggere la luce
• Impostazioni di esposizione

Noterai che ho inserito le “Impostazioni di esposizione” in fondo a questo elenco.
Questo perché è l’aspetto più ovvio della gestione della tua esposizione e perché voglio che tu consideri come gli altri elementi dell’elenco influenzano le tue scelte di impostazione dell’esposizione.

Punto di vista

Il luogo in cui scegli di scattare la foto può influire in modo significativo sulla tua esposizione. La luce è alle tue spalle? Oppure è alle spalle del tuo soggetto? O ancora lateralmente?

Semplicemente: modificando la tua posizione puoi gestire ciò che vedi sullo sfondo e come influenza la quantità di luce che entra nell’obiettivo.

In questa foto, il riflesso sull’acqua costituisce una grande porzione dello sfondo. Se non fossi stato attento con l’esposizione il soggetto avrebbe potuto essere sottoesposto. In questa foto, ho compensato lo sfondo luminoso utilizzando un flash di riempimento.

Cambiare il punto di vista in modo da non includere più il lago sullo sfondo significava poter esporre bene il soggetto. La luce riflessa dalla superficie dell’acqua non ha più influenzato la mia esposizione. In questa foto, non avevo bisogno di usare il flash perché non c’era una forte retroilluminazione per compensare.

Scelta dell’obiettivo

La composizione è parzialmente influenzata dalla scelta dell’obiettivo. L’uso di un teleobiettivo ad esempio includerà meno sfondo. In questo modo, puoi limitare più facilmente le fonti luminose e le aree luminose della composizione. Se utilizzi invece un obiettivo grandangolare, è molto più probabile che vengano incluse maggiori porzioni di cielo o altre aree luminose che possono influire sulla tua esposizione.

Nella foto di cui sopra, se avessi usato una lente più ampia per fotografare queste risaie, avrei incluso il sole al tramonto nella mia composizione. Ciò avrebbe avuto sicuramente un forte impatto sulla mia esposizione e sull’intero aspetto della mia foto.

Avrei potuto eliminare del tutto l’effetto del sole usando una lente con una lunghezza focale leggermente più lunga. Avrei anche potuto inclinare leggermente la fotocamera verso il basso, ma il primo piano era poco attraente e, dopo tutto, mi piace lo sprazzo di sole.

Scelta del tempo

Il tempo che scegli di usare per fare la tua foto può anche influenzare la tua esposizione. Può significare aspettare fino a quando il sole si trova in un posto diverso nel cielo per una foto di paesaggio. Oppure potresti dover calcolare quando premere il pulsante di scatto per evitare i fari luminosi di un’auto di passaggio. Questo è stato il caso in cui ho fotografato l’immagine qui sotto.

Il tempismo per le foto durante la cosiddetta ora blu è particolarmente importante. È necessario attendere che la luce ambientale si bilanci con qualsiasi altra fonte di luce presente nell’inquadratura. Questo intervallo di tempo varia in base alla vicinanza all’equatore.

Ad esempio, in Thailandia, ci sono una decina di minuti ogni sera per catturare un ricco cielo blu con le luci elettriche incluse nella composizione.

Leggere la luce

Per poter impostare l’esposizione è necessario utilizzare un esposimetro o lasciare che la fotocamera esegua i calcoli e le impostazioni in modo autonomo.

Lasciare questa scelta completamente alla tua fotocamera è raramente la cosa migliore in quanto la tua fotocamera non sa cosa stai fotografando. Le tue foto potenzialmente mancheranno di creatività.

La tua fotocamera ha un’intelligenza artificiale incredibile al suo interno, ma non può vedere il modo in cui tu vedi le cose e discernere quale sia il tuo argomento principale. Lasciando le impostazioni della fotocamera in modo che lo strumento sia impostato per ottenere una lettura media e sia su qualsiasi modalità automatica o semi-automatica, la fotocamera ha il controllo. È possibile utilizzare la compensazione dell’esposizione o impostare manualmente la fotocamera per assumere il controllo della propria esposizione.

Uno dei modi più semplici per leggere la luce è usare la vista dal vivo e guardare il monitor. Alcune fotocamere non dispongono di questa funzionalità, quindi è necessario consultare il manuale ed eseguire alcuni test per scoprire se è possibile utilizzare questo metodo.

Il controllo dell’esposizione con live view funziona quando la fotocamera è impostata sulla modalità manuale. È facile guardare i valori di luce sul monitor cambiare quando si modificano l’apertura, la velocità dell’otturatore e ISO. Ti consiglio di utilizzare questo metodo insieme all’istogramma in modo da poter verificare se si sta verificando una bruciatura ad esempio dei toni delle alte luci .

Se usi il tuo esposimetro impostato in modo da calibrare la lettura in base a tutto il fotogramma, la macchina fotografica calcolerà un’esposizione media su tutto quanto e questo va bene quando la luce e il tono sono uniformi.

Ma cosa succede se non hai luce e toni uniformi, ovvero quando c’è contrasto nella scena?

Quando c’è un certo contrasto nella scena, è bene impostare la fotocamera sul metodo spot, in questo modo saremo in grado di leggere l’esposizione basandoci esattamente sul punto che vogliamo. Questo ti fornirà le informazioni specifiche sulla luce che si riflette sulla parte più importante della composizione, ovvero il soggetto.

Per questa fotografia, è stata impostata la modalità spot e la lettura è stata fatta sulla suora buddista, poiché era necessario che fosse esposta bene. Se la macchina fotografica fosse stata impostata in modalità media, nei suoi calcoli avrebbe incluso la luce intensa all’esterno e l’interno scuro. Tutto questo avrebbe fatto in modo che il mio soggetto sarebbe stato sottoesposto.

Impostazioni di esposizione

Una volta effettuata la lettura dell’esposizione e accertato in che modo la luce influisce sulla composizione, è necessario impostare l’esposizione.

Puoi decidere che il soggetto sarà ben esposto impostando l’apertura, la velocità dell’otturatore e l’ISO in modo che l’indicatore indichi zero. Puoi preferire che venga letto sovraesposto o sottoesposto, a seconda del valore del tono del soggetto e dell’espressione creativa.

Inoltre ti segnalo che ci sono delle fotocamere con cui è meglio sottoesporre ed altre in cui è meglio scattare con una leggera sovraesposizione poiché memorizzano più informazioni e quindi avrai maggior possibilità di elaborazione del file quando andrai a post produrlo.

Quando il soggetto è molto scuro o molto chiaro, è possibile che si desideri modificare le impostazioni di esposizione per compensare. Quando impostiamo la misurazione in un qualsiasi modo, la fotocamera viene calibrata sul grigio medio, quello che cambia quindi è il punto che viene utilizzato come base di partenza . Ciò significa che un soggetto nero o bianco apparirà grigio nella foto se lo strumento sta leggendo zero.

Devi decidere il tono che vuoi che abbia il soggetto principale. Vuoi un soggetto chiaramente esposto? Avrà un aspetto migliore se appare più luminoso di quanto non sia in realtà? Vuoi una silhouette?

Per questa foto di fiori di orchidea rosa, è stato scelto di sovraesporre dalla lettura che stava dando il misuratore per produrre una sensazione più morbida nell’immagine.

Chiaramente, avendo la padronanza di quello che si vuol fare, se avessi fatto la fotografia per documentare accuratamente il fiore e il suo colore, non l’avrei sovraesposta. Il mio intento non era quello di fare una rappresentazione tecnicamente accurata del fiore.

Se l’accuratezza tecnica fosse ciò che volevo avrei cambiato il mio punto di vista per evitare la retroilluminazione. Avrei impostato la mia esposizione in modo che il colore e il tono fossero corretti in base all’aspetto del fiore ai miei occhi.

Prova tu stesso e renditi conto di persona

Trova un soggetto bianco o nero da fotografare. Fai una lettura del misuratore spot e imposta la tua esposizione in modo che il misuratore sia a zero. Scatta una foto.

Ora, per un soggetto nero, modifica l’impostazione in modo che la misurazione spot indichi che si tratta di due stop sottoesposti. Per un soggetto bianco, fai le tue impostazioni in modo che siano sovraesposte di due stop.

Quale fotografia è più attraente? La foto esposta “correttamente” o la foto sotto o sovraesposta? 🙂

Se ti va posta qui sotto il risultato!

 


Conclusioni

E’ sempre buona cosa la sperimentazione quando l’illuminazione e il materiale del soggetto sono difficili. Se non sei sicuro al 100% di avere un’esposizione perfetta, (non lo sono mai), fai una serie di foto ogni volta che puoi.

Modifica le impostazioni di apertura e / o velocità dell’otturatore tra ogni esposizione. Non apportare enormi cambiamenti in queste impostazioni, ma quanto basta in modo da avere alcune opzioni da guardare quando si tratta di post-elaborarle.

Mi piacerebbe che tu lasciassi i tuoi commenti qui sotto per farmi sapere se questo articolo ti ha aiutato a capire meglio l’esposizione.

Il prossimo articolo di questa serie tratterà delle tecniche di post-elaborazione che miglioreranno le tue scelte di esposizione.

Ti piace questo articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest
Condividi su email
Condividi via Email
Condividi su print
Stampa l'articolo

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento

2 Responses

  1. Sì, mi è piaciuto l’articolo! Solo che devo ancora comprare una macchina fotografica come si deve! Finora ho usato il cellulare o macchine automatiche non digitali risalenti a 20 anni fa. Avrei anche una macchina fotografica degli anni ’60, ma non so se va bene.
    Cmq grazie, e spero di comprarne una prossimamente!

    Isabella d’Aurizio

    1. Ciao Isabella, su cellulare c’è possibilità quasi su tutti i modelli di fascia medio/alta di operare con i comandi come se si fosse in manuale…ma purtroppo l’usabilità è una mezza schifezza. La macchina degli anni 60 … bellissima ma hai l’inconveniente delle pellicole che rende il processo di apprendimento molto costoso.
      Ci sono modelli ottimi a prezzi davvero convenienti magari ti basta non prendere proprio l’ultimo modello uscito e puoi avere comunque una gran bella macchina fotografica 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *