Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come realizzare sempre foto ben esposte. Parte 3 – Post produzione

In questo terzo ed ultimo articolo esploreremo come andare ad effettuare una post produzione volta all’ottimizzazione dell’esposizione dei nostri soggetti fotografici.

Nel primo articolo abbiamo affrontato la tematica della scelta del soggetto, alcune idee sbagliate comuni sull’esposizione e l’intenzione del fotografo. Nel secondo articolo invece abbiamo affrontato la gestione dell’esposizione ed ora chiudiamo il cerchio andando a vedere come comportarci in camera chiara.

La fotografia digitale consente un incredibile margine di manovra sui nostri computer per migliorare e manipolare le immagini. L’ottimizzazione delle esposizioni durante la post-produzione può trasformare una fotografia opaca e piatta in una molto più vibrante e interessante.

Ora vedremo come!

bianco e nero vibrante in post produzione

Il mio approccio alla post-elaborazione nella maggior parte dei casi è quello di far sembrare le mie foto come quando le ho scattate o con qualche variazione del tono di sfondo. Poiché i nostri occhi vedono una gamma più dinamica rispetto alle nostre fotocamere, ciò significa che sto lavorando per bilanciare la mia esposizione e il modo in cui la luce appare nella foto.

RAW o Jpg? L’eterno dilemma

Se le tue foto vengono salvate solo come jpg, la tua fotocamera avrà già apportato alcune modifiche e tu non ti sarai accorto di nulla. Ad esempio potrebbe aver aggiunto un po’ di nitidezza, bilanciamento del colore, modifiche al contrasto e possibilmente manipolato la fotografia in altri modi. Immagini jpg progettate per apparire bene direttamente in fotocamera potrebbero addirittura non richiedere alcuna post-produzione.

Se in ogni caso decidi di lavorare sui tuoi file jpg, dovrai affrontare delle limitazioni a causa della qualità del file.

Mentre la fotocamera salva i file jpg, li comprime e scarta alcune delle informazioni dalle foto. I jpg pertanto sono tecnicamente di qualità inferiore, il che significa che non resistono alla post-elaborazione quanto i file RAW.

I file RAW contengono tutte le informazioni acquisite dalla fotocamera quando è stato premuto il pulsante di scatto. Non sembrano grandi foto quando li vedi per la prima volta perché la fotocamera non li ha alterati durante il processo di acquisizione e salvataggio, tutto questo si traduce in una fotografia spesso piatta, grezza.

Per rendere un file RAW bello, è necessario apportare alcune modifiche manualmente o utilizzare una preimpostazione o un’azione. La qualità tecnica di un file RAW è superiore perché non ci sono dati persi da ciò che la videocamera ha registrato.

Hai una maggiore capacità di manipolare questi file senza perdere la qualità.

Raw vs Jpg

Scegli le tue foto migliori

Vi capita mai di scattare tante foto durante una vostra sessione fotografica? A me si, sempre, prima molto più di adesso devo essere sincero.

Da ogni serie di fotografie che fai, spero che avrai una serie di opzioni di esposizione tra cui scegliere quando ti siedi al computer.

Scegliere le migliori immagini su cui lavorare è la prima parte della post-elaborazione.

Naturalmente, dovrai prestare la massima attenzione al soggetto principale nella tua foto. È esposto nel modo in cui vuoi che sia? Riesci a vedere che ci sono dettagli sufficienti in quelle aree della tua composizione?

In alcuni casi, ad esempio quando hai realizzato una silhouette o stai utilizzando un’illuminazione scura e un contrasto elevato, potresti avere poco o nessun dettaglio nel soggetto. Va bene se è quello che vuoi.

Tuttavia, se esporre per i dettagli era la tua intenzione e non c’è abbastanza dettaglio nella tua foto, guarda ad altre foto in cui hai utilizzato impostazioni di esposizione diverse.

Anche l’esposizione dello sfondo è importante. Migliora ed esalta il tuo soggetto principale? È troppo luminoso o troppo scuro? Ancora una volta, guarda per vedere se ci sono dettagli.

Quando non ci sono dettagli, a causa della sovraesposizione o della sottoesposizione, sarà più difficile manipolare queste aree.

fare le foto esposizione fotografica

Utilizziamo bene l’istogramma

L’istogramma ti fornisce informazioni sui valori tonali nelle tue immagini. Ti mostra dov’è il maggior numero di dettagli e se hai perso i dettagli nelle parti chiare o scure delle tue composizioni.

Se il tuo istogramma è raggruppato a sinistra o a destra del grafico, con la grafica che tocca la parte superiore, ciò significa che non ci saranno dettagli registrati in quelle aree.

Se riesci a vedere un istogramma raggruppato a destra e colpire la parte superiore, avrai perso i dettagli nelle alte luci. Se è raggruppato a sinistra e colpisce la parte superiore, hai perso i dettagli nelle aree scure.

Se il soggetto principale rientra in questo intervallo e si desidera che contenga dettagli, è necessario scegliere una foto con un’impostazione di esposizione diversa su cui lavorare.

Usare i preset o post produrre le foto a mano

Lightroom e Photoshop sono dotati di preset e azioni. Queste possono essere usate sicuramente per aiutarti a bilanciare l’esposizione delle tue foto, ma non solo, puoi anche scaricarne molti altri o crearne e salvarne uno tuo. Questi strumenti possono migliorare e accelerare il flusso di lavoro di post-produzione.

Quando ho iniziato il mio viaggio nel mondo della fotografia ho spesso scelto una delle varie impostazioni predefinite. Raramente applico un preset senza poi modificarlo ulteriormente. Ogni esposizione che fai è diversa, quindi per ottenere le tue foto al meglio, in genere è meglio post produrre manualmente le foto.

Lavorare sulle alte luci e sulle ombre

Avendo cura di esporre bene il soggetto principale, potresti già essere soddisfatto dei suoi valori tonali. Tuttavia, alcune parti della composizione potrebbero ancora aver bisogno di modifiche per farle apparire nel modo desiderato.

Alte luci e ombre post produzione

Quello che importa è solo l’obiettivo che vuoi raggiungere con la tua foto. Come vuoi che appaia la tua fotografia?

Ecco due esempi di manipolazioni diverse fatte sullo stesso file RAW.

Esempio uno: sfondo scuro

Volevo rendere lo sfondo più scuro per far risaltare le rose. Utilizzando una preimpostazione in Lightroom, ho quindi apportato ulteriori regolazioni manuali. Ho controllato i cursori Blacks, Dehaze, Contrast e Shadows.

Quando si esegue questo tipo di regolazione per manipolare lo sfondo dell’immagine, presta attenzione anche al soggetto principale. Questi cursori apportano modifiche universali alle tue foto, quindi influiscono anche sul soggetto principale.

Con un soggetto principale dai toni chiari e uno sfondo prevalentemente scuro, le modifiche che ho apportato non hanno avuto molto effetto sulle rose.

fotografia con sfondo scuro

Ho quindi aperto la foto, con le regolazioni di Lightroom, in Photoshop. A questo punto, ho scurito la parte più chiara della foto per ridurre la gamma di tonalità complessiva.

Esistono molte tecniche per scurire o schiarire aree specifiche di una foto. Per fare ciò preferisco usare gli strumenti Scherma e Brucia impostati con un’opacità bassa. Ho anche usato lo strumento Patch per rimuovere alcune delle aree più luminose sullo sfondo.

Di conseguenza, lo sfondo è più scuro e le luci sulla rosa non sono così luminose.

rosa modificata in post produzione

Esempio due: sfondo chiaro

Per dare un aspetto più leggero e morbido, ho spostato il cursore Dehaze verso sinistra e le Ombre verso destra. Ho aggiunto un po ‘più di nero e un po’ di contrasto, altrimenti l’immagine sarebbe sembrata troppo piatta.

Successivamente, usando Photoshop, ho modificato leggermente le alte luci in modo che non fossero così luminose.

sfondo chiaro e soggetto in chiaro

In entrambi questi esempi, il mio obiettivo principale era quello di migliorare le rose perché sono il mio argomento principale.

Anche il tono di sfondo è importante. Tra i due esempi la differenza maggiore è nel tono dello sfondo. Ciò ha un grande impatto sulla sensazione generale della foto.

Conclusione

Come per tutte le post-elaborazioni, esistono diversi metodi che è possibile utilizzare per ottenere risultati simili. Qui ho dimostrato alcune tecniche con cui mi sento confidente.

Concentrarsi principalmente sul tono del soggetto principale in relazione allo sfondo è un buon punto di partenza durante la post-elaborazione. Dopo aver apportato le modifiche di cui sei soddisfatto, puoi procedere e apportare altre modifiche alle tue foto, se lo desideri.

Cerca di esporre il soggetto principale nel modo desiderato al momento della realizzazione delle foto. Ciò consente una maggiore flessibilità per apportare modifiche in fase di post-produzione e non perdere qualità. Ricordati che se i tuoi scatti sono troppo sottoesposti o sovraesposti, sarai limitato a quanto puoi ottenere in fase di post produzione.

La sperimentazione è il modo migliore per scoprire come ti piace lavorare con il software di manipolazione fotografica. Non esiste un modo giusto o sbagliato di lavorare con le tue foto fintanto che ottieni il risultato che desideri.

Ti piace questo articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest
Condividi su email
Condividi via Email
Condividi su print
Stampa l'articolo

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento

2 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *