Borsa fotografica: quale scegliere per viaggiare

Borsa fotografica: quale scegliere per viaggiare
5 (100%) 8 votes
Un accessorio di cui nessun amante della fotografia può fare a meno è la borsa fotografica.
Fino ad oggi ho acquistato un numero davvero elevato di borse fotografiche e le ho utilizzate praticamente in ogni circostanza, per cui una buona idea me la sono fatta e voglio condividere con te quanto fino ad oggi ho scoperto.
Quello che nessuno ti dirà mai è che acquisterai un numero indefinito di borse fotografiche 🙂 ma la buona notizia è che io ti darò tutti gli strumenti per spendere il meno possibile.

Come scegliere la borsa fotografica

Al fine di poter individuare la borsa fotografica adatta alle mie esigenze, nel tempo ho individuato quattro parametri che mi consentono di poter valutare velocemente qualsiasi borsa:
  • Capienza
  • Impermeabilità
  • Resistenza
  • Mimetizzazione
Ho volutamente tralasciato la parte meramente estetica in quanto avere una borsa fotografica “troppo bella” può attirare spiacevoli sguardi indiscreti. 
Purtroppo sono frequenti i casi in cui dei fotografi sono stati seguiti e rapinati di tutta la loro attrezzatura fotografica, per cui quando vado a scegliere un modello di borsa tento sempre di prenderne uno adatto all’ambiente in cui ho intenzione di usarlo. Il che non vuol dire che bisogna prendere dei modelli brutti ma solo che si mimetizzino quanto più possibile con il contesto in cui verranno utilizzati.

Capienza

La capienza indica sia la quantità di attrezzatura che puoi metterci all’interno, sia la disposizione della stessa.
Le domande che devi farti quando osservi l’interno di una borsa fotografica sono le seguenti:
Quanta roba posso metterci dentro? Com’è organizzata internamente? Posso rimuovere gli scomparti ed adattarla alle esigenze del momento?
Presta attenzione anche ad eventuali scomparti posizionati in modo strategico in modo da recuperare degli spazi altrimenti inutilizzati, sono un ottimo valore aggiunto.

Impermeabilità

Purtroppo non è una caratteristica molto diffusa nelle borse a basso costo, tuttavia la buona notizia è che salvo piogge intense è sempre presente un certo grado di protezione dall’acqua.
Da quando faccio fotografia, mi è capitato solo una volta di trovarmi improvvisamente sotto una pioggia torrenziale non prevista. Chiaramente una sola volta basta a rovinare la propria attrezzatura, quindi se la borsa fotografica che hai intenzione di comprare non presenta alcun tipo di impermeabilizzazione, fa in modo da acquistare almeno la parte interna dotata di tale caratteristica.

Resistenza

Fondamentale, semplicemente fondamentale. Durante un viaggio o in genere durante una qualsiasi uscita fotografica una borsa fotografica viene letteralmente strapazzata, strattonata e trattata senza troppi riguardi. Se la borsa scelta non è fatta bene potresti rischiare di rimanere senza borsa in un qualsiasi momento. Per capire al meglio se una borsa è resistente dai un occhio alle cuciture e dove si intersecano, l’ideale è avere le parti cucite che si intrecciano profondamente con la struttura della borsa stessa. Un plus è costituito da elementi in cuoio e/o metallo.

Mimetizzazione

Anche tu sei geloso della tua attrezzatura? Anche tu odieresti essere derubato della tua sudata attrezzatura? Anche tu preferisci passare inosservato? Se hai risposto si ad almeno due delle domande allora il fattore mimetizzazione è fondamentale, specie se ti muovi in ambienti urbani. In tal caso a volte meglio perdere qualche caratteristica di una tipica borsa fotografica in favore della possibilità di passare quanto più inosservato possibile. Scegli il modello in base all’ambiente in cui lo userai. Più l’ambiente è cittadino maggiore deve essere il fattore di mimetizzazione della borsa. Segui questa regoletta e ti troverai bene nella quasi totalità delle situazioni.

Consigli per viaggiare al meglio

Quando si parte in viaggio ci si vuole portare sempre tutto con sé, ma questo a volte può significare portarsi dietro troppa roba, per cui il consiglio principe è: stai sempre leggero.
Perché dovresti rimanere il più leggero possibile? Semplicemente perché in questo modo potrai concentrarti sulla fotografia e non su altro come ad esempio la stanchezza che deriva dal trasportare un carico per tanto tempo.
Che lente utilizzare quando si viaggia? 
Altra domanda di difficile risposta in quanto dipende da molteplici fattori. Anche qui la regola precedente rimane valida, per cui se hai una lente che copre le focali da grandangolo a tele, come ad esempio un 15-85, ti basterà solo questa lente per la maggior parte degli scatti.
Se invece sei un pò più smaliziato e desideri avere maggiori possibilità il mio consiglio è quello di non superare i 2 zoom o le 3 ottiche fisse.
Che accessori devo portare con me?
Io porto sempre con me:
– Un kit di filtri nd da 77mm e tutti i relativi adattatori, in questo modo posso montare lo stesso filtro su qualsiasi lente
– Diverse schede SD
Non porto altro, in quanto per me il “viaggiare leggeri” vale sempre ed in qualsiasi contesto.
Un tempo viaggiavo con oltre 10kg di roba, oggi viaggio con al massimo 3kg di roba anche in virtù del fatto che ho cambiato sistema e sono passato al mirrorless.
Altri accessori che potrebbero esserti utili sono un coltellino svizzero, uno spago, qualche busta di plastica trasparente, un paio di bulloni che entrino perfettamente all’interno dell’attacco della fotocamera dedicato al cavalletto ed una spugna (quelle per lavare i piatti vanno benissimo).
Ti stai chiedendo perché di spago e bulloni vero?
Semplicemente in alcune circostanze potresti aver bisogno di maggior stabilità, per cui potresti utilizzare uno spago per costruire al volo uno stabilizzatore, semplicemente srotola abbastanza spago da coprire l’altezza che va dalla tua macchina fotografica mentre la usi in posizione corretta al terreno, poi lega i due bulloni e avvitane uno sotto al corpo della tua macchina fotografica mentre con un piede tieni l’altro fisso a terra con lo spago in tensione. Bravo! Hai appena fabbricato un rudimentale stabilizzatore! 🙂
A cosa serve una spugna per i piatti?
Supponiamo che le uniche superfici dove poter appoggiare la macchina fotografica o la lente siano muretti o superfici che potrebbero danneggiare queste componenti. Cosa potresti fare con una spugna? Semplice! La puoi mettere sotto alla componente che rischia di essere rovinata. In questo modo ottieni anche una superficie più stabile.

Borse fotografiche sotto i 60 euro

Borse fotografiche tra 60 e 150 euro

Come trasformare qualsiasi borsa in una borsa fotografica

Se vuoi trasformare qualsiasi borsa in tuo possesso in una borsa fotografica dotata di un minimo di protezione per la tua attrezzatura, ti suggerisco l’acquisto della custodia DOMKE F34M la quale è semplicemente un “fazzoletto” quadrato imbottito di 38cm di lunghezza (ci sono altre misure) fatto di maglia imbottita velcro-compatibile e un retro in nylon antigraffio con linguette di velcro su tutti e quattro gli angoli. In questo modo potrai adattare questa custodia alla borsa e/o all’attrezzatura che stai usando in quel momento. Io la uso molto quando uso la mia normale messenger o nello zaino da trekking.

Ti è piaciuto il post? Metti un like o scrivi un commento.

Vuoi sapere cosa ti serve ora? Prendi la tua macchina fotografica e scatta, scatta e sperimenta sempre e poi se vuoi, mostrami i tuoi risultati :)

 
 

Potrebbe interessarti anche

Tutti gli articoli