Andre Kertesz: I grandi fotografi e le loro opere

Home » Andre Kertesz: I grandi fotografi e le loro opere

Andre Kertesz: I grandi fotografi e le loro opere

Tempo di lettura: 2 minuti

Andre Kertesz

Andre Kertesz: I grandi fotografi e le loro opere
Vota questo post
Andre Kertesz nasce a Budapest, in Ungheria, il 2 luglio 1894. Il suo interesse per la fotografia diviene palese fin dalla giovane età quando, dopo essersi diplomato all’accademia commerciale di Budapest (1912), acquista la sua prima macchina fotografica (una ICA-Bébé che funziona con lastre da 4,5×6 cm).

A 21 anni si arruola nell’esercito austro-ungarico e da volontario parte per il fronte russo-polacco ma anche in guerra non riesce a mettere da parte la sua passione, e con una Goerz Tenax, realizza una straordinaria testimonianza sulla vita di trincea e le infinite marce dei soldati.
Durante questa esperienza riporta anche una ferita ad una mano che lo renderà inabile per oltre un anno.

Ritornato a Budapest Kertesz continua incessantemente la sua attività fotografica in un modo ,per così dire, famigliare, in quanto i soggetti principali dei suoi servizi sono la madre ed il fratello Jeno. Dopo poco si trasferisce a Parigi dove stringe un forte legame d’amicizia con Brassaï, che gli insegna i fondamentali della fotografia e soprattutto della ripresa notturna.

Nel 1927 riesce ad organizzare una mostra alla galleria Au sacre du printemps, attirando la curiosità degli addetti ai lavori e l’anno seguente acquista una Leica a 35mm. Successivamente inizia a lavorare per la rivista Vu assieme ad un altro grande della fotografia, Henri Cartier-Bresson.

Nel 1929 Kertész prende parte con alcuni grandi nomi alla prima mostra indipendente di fotografia realizzata proprio nella capitale francese e quattro anni più tardi la rivista Le Sourire gli offre cinque pagine da riempire liberamente. Andre Kertesz per l’occasione affitta uno specchio deformante e realizza un servizio fotografico con protagoniste due modelle; è così che nasce la serie Distorsioni.

Dopo qualche tempo si trasferisce con la moglie a New York dove inizia a lavorare come fotografo per la rivista Keystone e successivamente come fotografo freelance per le riviste Harper’s Bazaar, Vogue, Look, Coronet, Town and Country e Coller’s. Seguono anche una serie di importanti mostre personali che gli valgono la consacrazione a livello internazionale ed anche una laurea honoris causa targata Bard College.

Nel 1962 espone le sue opere anche in Italia, a Venezia, e l’anno successivo viene premiato alla IV Mostra Biennale Internazionale della Fotografia.

Nel 1977 la moglie Elisabeth muore di cancro e Kertész le dedica From my window, un libro composto interamente da fotografie di nature morte realizzate dalla finestra di casa (dodicesimo piano a Washington Square Park) servendosi di una Polaroid e di un obiettivo zoom.

Ci lascia il 28 settembre 1985 a New York e un’eredità di oltre 100.000 negativi.

André Kertész in breve

André Kertész è nato a Budapest, Ungheria nel 1894.
Si trasferisce a Parigi, Francia nel 1925 e successivamente negli Stati Uniti nel 1936, dove divenne cittadino statunitense nel 1944.
Kertész muore a New York nel 1985.

Known for:
Still life meditativo, fotografia di strada (street) che cattura il “misticismo del reale”

Most Popular Images:
“Melancholic Tulip”, “Satyric Dancer, 1926”, “Chez Mondrian”

Lo sapevi che … ?
• Sia Robert Capa che Brassai hanno dichiarato che André Kertész sia stato uno dei fotografi che ha esercitato maggior influenza su di loro
• Divenne allergico agli elementi chimici usati in camera oscura e si servì di un assistente fin dal 1960

Quote:
“Faccio quello che sento”

 

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  •  
    2
    Shares
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
By |2017-01-16T01:20:03+00:0008 / 09 / 2016|I grandi fotografi, Risorse|0 Comments

About the Author:

Mi chiamo Giovanni D'Addabbo e mi occupo sia di informatica che di fotografia. Ho creato CorsoFotografico per condividere con chiunque tutte le conoscenze che nel corso del tempo ho maturato e che maturerò. Sono fermamente convinto che chiunque possa scattare ottime fotografie con qualsiasi mezzo conoscendo i concetti base della fotografia.

Leave A Comment