fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

11 Modi per migliorare la nitidezza delle tue fotografie – parte 1

Hai mai scaricato le immagini dalla tua fotocamera su pc, ingrandito al 100% e rimasto un po’ deluso dai risultati? Hai mai avuto difficoltà a capire cosa è andato storto? In questa (breve) serie, esamineremo le cause principali della scarsa nitidezza e come affrontarle. Con un po ‘di pratica, sarai in grado di dare un’occhiata a un’immagine e sapere come correggerla.

In questa serie di articoli, esamineremo 11 diversi fattori che possono influenzare la nitidezza dell’immagine, dal design di un obiettivo all’impostazione ISO con cui scegli di scattare. Fornirò una spiegazione delle cause sottostanti di ciascuno e degli esempi di come appaiono tipicamente nell’immagine finale. Ti suggerirò anche modi per rimediare a ciascuna delle cause così la prossima volta che sarai sul campo sarai pronto ad ottenere immagini super nitide.

Iniziamo con alcuni dei fattori più comuni che influenzano la nitidezza dell’immagine e procediamo fino ad alcuni dei problemi meno comuni ma non meno importanti che possono influire negativamente sulla nitidezza dell’immagine. I primi tre fattori saranno trattati in questo articolo, mentre i restanti fattori verranno trattati nelle prossime settimane. 

[Nota: Corsofotografico è supportato dai lettori. I collegamenti ai prodotti su Corsofotografico sono collegamenti in affiliazione. Se usi uno di questi link e compri qualcosa, guadagniamo un po’ di soldi e ci permette di andare avanti nella produzione di contenuti.
Se vuoi eliminare i banner pubblicitari nel sito ed accedere ai contenuti in anteprima non devi fare altro che diventare un sostenitore su Patreon, ti stai domandando quanto costa? Una colazione al mese. Oppure se devi fare acquisti su amazon ti basta cliccare qui.
Hai bisogno di maggiori informazioni?]

Design ottico dell’obiettivo

Uno dei fattori più significativi che influenzano la nitidezza dell’immagine è il design e l’assemblaggio dell’obiettivo. Questo vincola tutto il resto che segue. Lente morbida, immagine morbida. Fare una piccola ricerca in anticipo può influire sulla chiarezza delle immagini che produciamo per gli anni a venire.

Uno sguardo all’interno del mockup di un obiettivo moderno. La progettazione e l’integrazione di elementi ottici complessi, l’uso di materiali e rivestimenti per lenti e il processo di assemblaggio finale possono essere fondamentali per produrre una lente in grado di contribuire a immagini nitide e con una bassa aberrazione.

Cosa causa effettivamente la perdita di nitidezza?

Cosa causa una perdita di nitidezza nelle lenti? In breve: le aberrazioni. Esistono circa una mezza dozzina di tipi principali di aberrazione (sfocatura, curvatura di campo, aberrazione sferica, aberrazione cromatica, astigmatismo, coma) insieme a dozzine di tipi più sottili e complessi. 

Cosa sono le aberrazioni?

Le aberrazioni sono solo modi in cui i raggi di luce provenienti da una singola sorgente puntiforme possono non convergere in una singola posizione sul piano dell’immagine (o non riuscire a convergere nella posizione corretta). Tutti gli obiettivi hanno aberrazioni; la domanda è semplicemente fino a che punto.

Sfortunatamente, ridurre al minimo le aberrazioni può essere costoso. Maggiore è il grado di riduzione, maggiore è la complessità e l’ottimizzazione dei design degli obiettivi in ​​genere; e più è probabile che questi design coinvolgano forme, materiali e rivestimenti di elementi di lenti particolari. Tutto questo concorre a far aumentare il costo di un obiettivo. Roger Cicala, a LensRentals, riserva grande importanza alla nitidezza delle lenti sul suo blog , inclusi alcuni dati di esempio reali.

I problemi però non si fermano alla fase di progettazione. Anche le imperfezioni nella produzione degli elementi dell’obiettivo e nel loro assemblaggio possono portare a una perdita di nitidezza complessiva. Un buon controllo di qualità può aiutare in modo significativo, ma è costoso. Ognuna di queste cose: design, produzione, assemblaggio e controllo di qualità contribuiscono al costo complessivo di un obiettivo e sono il motivo per cui gli obiettivi professionali di fascia alta possono facilmente raggiungere $ 10.000 o più. 

Che aspetto ha questa perdita di nitidezza?

Diversi tipi di aberrazioni hanno aspetti caratteristici diversi. Un design o un gruppo di lenti scarsamente focalizzato produrrà in genere una sfocatura isotropica. L’aberrazione cromatica causa la comparsa di bande di colore. La coma crea code simili a comete. Eccetera.

Questa immagine è stata scattata con un obiettivo economico. Come puoi notare questa lente riesce a fare un pessimo lavoro nel far sì che quelli che dovrebbero essere raggi di luce coincidenti finiscano nello stesso punto sul sensore. È essenzialmente un po ‘fuori fuoco ovunque. (Yarram Gap Road, Victoria, Australia.) E se te lo stai chiedendo…si è una lente in kit.

Una discussione completa dei molti tipi di aberrazione e del loro aspetto va oltre lo scopo di questo articolo. Due dei più comuni sono la sfocatura (sopra) e l’aberrazione cromatica (sotto). Entrambe le immagini sono state scattate con un obiettivo economico da kit alcuni anni fa. Quando siamo tornati da quel viaggio, ho investito nel mio primo grandangolare e non ho mai rimpianto la scelta.

La stessa lente è stata usata per realizzare questa immagine. Notare che i rami hanno una sfumatura magenta su un lato e ciano sull’altro che è caratteristica dell’aberrazione cromatica. Naturalmente, c’è la stessa morbidezza complessiva vista nell’immagine precedente. (Parco nazionale di Grampians, Victoria, Australia.)

Come possiamo gestirla?

Da un lato, questi problemi sono in qualche modo insiti nell’obiettivo. Tentiamo di fargli fronte effettuando le nostre ricerche prima di effettuare un acquisto, cercando di capire cosa è importante per noi e quali compromessi siamo disposti a fare entro i nostri limiti di budget.

Detto questo, possiamo quasi sempre trarre vantaggio dalla conoscenza dell’attrezzatura che abbiamo, dove sono le sue singole insidie ​​e come trarne il massimo. 

La nitidezza complessiva di un obiettivo, ad esempio, tende a variare sia con l’apertura che con la posizione all’interno del campo visivo

Quando acquisto un nuovo obiettivo, di solito scatto un mucchio di foto ai libri che ho dall’altra parte della stanza dalla mia scrivania. Mi forniscono un’ampia superficie in gran parte piatta con una tonnellata di dettagli raffinati. Il passaggio attraverso le aperture da tutto aperto a completamente chiuso (scattando due o tre immagini a ciascuna apertura e rifocalizzando ogni volta) di solito produce molte informazioni utili sull’obiettivo. Prendo appunti mentali su eventuali aperture in cui la nitidezza dell’immagine inizia a diminuire, controllo gli angoli e prendo nota di qualsiasi morbidezza o aberrazione cromatica. Questa attività mi aiuta quando sono sul campo perché conosco già tutti i compromessi che dovrò probabilmente fare per enfatizzare un aspetto della qualità dell’immagine rispetto a un altro. Ad esempio un Nikon 24mm f / 1.8G ED , è nitido da f/2.8 in su, ma inizia a subire un certo degrado al di sotto di f/2.5. Se voglio quella luce in più, so che la scambierò per un po ‘di sfocatura nell’immagine finale.

Messa a fuoco mancata

Cosa causa effettivamente la perdita di nitidezza?

Ci sono un paio di cause principali della mancata messa a fuoco.

Movimento del soggetto fuori dal piano focale

Il primo può verificarsi quando un soggetto si avvicina o si allontana dalla fotocamera. Se il soggetto si muove rapidamente perpendicolarmente al piano focale, il motore dell’autofocus potrebbe non essere in grado di tenere il passo. In alternativa, il motore potrebbe essere abbastanza veloce, ma la fotocamera potrebbe dire all’obiettivo di mettere a fuoco alla distanza sbagliata in un punto che è in ritardo rispetto al soggetto. Ogni volta che facciamo uno scatto, la fotocamera deve capire qual è la distanza attuale del soggetto, fare in modo che l’obiettivo metta a fuoco in quel punto, attendere che l’obiettivo lo faccia e rilasciare l’otturatore. A quel punto, il soggetto potrebbe non trovarsi più sullo stesso piano focale, con conseguente perdita di nitidezza. 

Imprecisione nella messa a fuoco

La seconda causa della mancata messa a fuoco può verificarsi anche con un soggetto fermo. Solo perché posizioniamo un punto di AF su qualcosa nel nostro campo visivo e attiviamo l’autofocus non significa che la combinazione corpo macchina/obiettivo si concentri necessariamente su quel soggetto o quella distanza. Nessun sistema di messa a fuoco automatica è perfettamente preciso. Se utilizzi il sistema di messa a fuoco automatica per riacquistare la messa a fuoco, la messa a fuoco sarà effettivamente a una distanza leggermente diversa ad ogni ripetizione. Se vuoi approfondire ulteriormente l’argomento dai un’occhiata al post sul blog di Jim Kasson . Confronta l’accuratezza e la precisione dei sistemi di messa a fuoco automatica della Nikon D850 e della Nikon Z 7. La D850 utilizza un sistema di autofocus a rilevamento di fase standard con l’unità di messa a fuoco automatica completamente separata dal sensore. La Z 7 utilizza un sistema di autofocus a rilevamento di fase sul sensore in molte modalità e può supportarlo con il rilevamento del contrasto per la regolazione di precisione. Nella mia esperienza, la D850 è in genere più veloce, a volte in modo significativo. Ma Kasson dimostra che quella velocità può avere un costo. Il sistema di messa a fuoco automatica sulla Z 7 può essere un po ‘più lento, ma in genere è anche più accurato e più preciso.

Che aspetto ha questa perdita di nitidezza?

Nel punto di interesse, la messa a fuoco mancata può sembrare identica alla sfocatura con l’obiettivo che appare semplicemente morbido. Se c’è un altro piano dell’immagine nitidamente a fuoco, tuttavia, sarà evidente che non c’è un problema di nitidezza generale con l’obiettivo, ma solo che l’obiettivo era alla distanza focale sbagliata. Nella figura seguente, ad esempio, il corridore è perfettamente a fuoco nell’immagine scattata per prima (a sinistra). Mentre si avvicinava alla fotocamera, tuttavia, il motore dell’autofocus non è stato in grado di tenere il passo, permettendole di correre attraverso il piano focale (a destra). Il fatto che la sua coda di cavallo sia a fuoco a pochi centimetri indietro è una chiara indicazione della mancata messa a fuoco.

Qualcuno che corre direttamente verso la fotocamera rappresenta una situazione molto difficile per il sistema di messa a fuoco automatica, in particolare con un obiettivo più lungo (questo scatto è stato realizzato con un 300 mm f/4). Il motore dell’autofocus potrebbe semplicemente non essere in grado di tenere il passo.

Come possiamo gestirlo?

I corpi e gli obiettivi delle fotocamere di fascia alta, in particolare quelli destinati ai fotografi sportivi e naturalistici, avranno spesso processori migliori e motori di messa a fuoco automatica più veloci rispetto ai modelli entry-level. Entrambi possono aiutare a seguire i soggetti in movimento. Molti corpi macchina includono anche una modalità di tracciamento della messa a fuoco predittiva 3D che regola continuamente il piano focale in modo che segua il soggetto in tempo reale, prevedendo dove sarà quando l’otturatore viene rilasciato piuttosto che dove si trovava quando è stata effettuata la misurazione. Nella mia esperienza, è straordinariamente buono.

Per quanto riguarda i soggetti fissi, alcune delle nuove fotocamere mirrorless potrebbero superare le loro controparti DSLR in termini di accuratezza e precisione. Fare un po’ di ricerca e test prima del tuo prossimo acquisto può aiutarti a ottenere un corpo che soddisfi le tue esigenze in termini di compromessi tra velocità, accuratezza e precisione.

Molti corpi macchina ti permetteranno anche di correggere piccoli problemi di messa a fuoco anteriore / posteriore su base obiettivo per obiettivo. Ciò può migliorare la precisione in alcuni casi, ma raramente la precisione. Per gestire la precisione, spesso faccio più scatti, sfocando manualmente l’obiettivo leggermente dopo ciascuno, quindi rimettendo a fuoco il bersaglio. Facendo questo 3-4 volte si ottengono quasi sempre degli scatti leggermente più nitidi di altri, permettendomi di cogliere il migliore in post.

Soggetti in movimento

Abbiamo visto nell’ultima sezione come i soggetti in movimento possono causare una perdita di nitidezza a causa della mancata messa a fuoco. Anche il movimento di un soggetto all’interno dell’inquadratura mentre l’otturatore è aperto può causare sfocature.

Cosa causa effettivamente la perdita di nitidezza?

Se un soggetto si muove mentre l’otturatore è aperto, un singolo punto del soggetto potrebbe essere proiettato su più pixel del sensore. Più a lungo l’otturatore è aperto, più soggetti in movimento saranno sfocati. La quantità di sfocatura che si verifica dipende dalla velocità dell’oggetto, dalla distanza dell’oggetto dalla fotocamera, dalla lunghezza focale dell’obiettivo e dalla durata dell’esposizione. Più un soggetto è vicino alla fotocamera e più lungo è l’obiettivo, maggiore è il potenziale di sfocatura da movimento. 

Che aspetto ha questa perdita di nitidezza?

Quando è in scala macroscopica, questo tipo di sfocatura è banale da individuare. I soggetti in movimento rispetto al sensore della fotocamera si trasformano in lunghe strisce. Se la velocità o la direzione del movimento non è uniforme, le strisce possono formare curve complesse con colori e luminosità variabili lungo la loro lunghezza. Questa sfocatura di movimento su larga scala può effettivamente essere utilizzata per ottenere un grande effetto artistico.

Il motion blur macroscopico ha un aspetto distintivo e spesso artistico.

Quando il motion blur è di dimensioni inferiori, tuttavia, è raramente esteticamente gradevole. Mentre questo volatile sottostante ( Sula Granti ) si pavoneggiava, il suo becco era in movimento quasi costante. Le immagini sottostanti sono state scattate a pochi istanti di distanza, entrambe a 1/320 di secondo. L’immagine a sinistra mostra come questo movimento possa tradursi in una perdita di nitidezza. Concentrati sui dettagli intorno all’occhio. È morbido con un aspetto caratteristico, un’asimmetria, facilmente identificabile con un po ‘di pratica. L’immagine a destra, d’altra parte, ha catturato un punto lento nel movimento, producendo un’immagine quasi nitida. (Entrambi sono ritagli al 100% da immagini molto più grandi.)

Left ImageRight Image

Il movimento della testa durante questo pavoneggiarsi della Sula Granti ha portato a sfocature di movimento intorno all’occhio nell’immagine a sinistra. L’immagine a destra, scattata pochi istanti dopo, ha catturato un punto lento nel movimento e ha prodotto una fotografia molto più nitida. Entrambi sono stati scattati a 1/320 di secondo. (Isla Genovesa, Galapagos)

Come possiamo gestirlo?

Esistono diversi modi per gestire il la perdita di nitidezza causata dal movimento.

Velocità dell’otturatore

Il primo è attraverso l’uso di una velocità dell’otturatore più elevata. La velocità dell’otturatore richiesta dipende dalla velocità e dalla direzione verso cui il soggetto si muove, dalla lunghezza focale dell’obiettivo utilizzato e dalla distanza del soggetto dalla fotocamera. Un essere umano che cammina potrebbe richiedere una velocità dell’otturatore di 1/250 di secondo, gli uccelli e molti altri animali a riposo spesso richiedono almeno 1/500 di secondo e un uccello in volo spesso richiede 1/2000 di secondo o più. Tuttavia, velocità dell’otturatore molto elevate pongono limiti severi alla quantità di luce che può essere raccolta. Questo, a sua volta, può aumentare la quantità di rumore, che può anche ridurre la nitidezza effettiva (come vedremo in un articolo successivo). Questo è uno dei motivi per cui tendiamo a vedere fotografi professionisti di sport e fauna selvatica che portano obiettivi enormi con aperture enormi.

Scatti multipli

Come accennato in precedenza, un secondo modo per gestire la sfocatura da movimento consiste nello scattare più scatti. Questo ovviamente non funziona in alcune situazioni, ad esempio cercando di catturare i partecipanti a un triathlon che sono in costante movimento. Ma per i soggetti che subiscono movimenti variabili o intermittenti, come pavoneggiarsi, scattare molte immagini può spesso consentire di gestire il rumore in modo efficace.

Panning

Si può anche coordinare il movimento della telecamera con il movimento del soggetto, come un panning al passaggio di un ciclista. Questo in realtà non rimuove la sfocatura da un’immagine ma, invece, ne altera le parti dell’immagine interessate. Con un po ‘di pratica, potresti riuscire a tenere a fuoco un ciclista che scatta o un ghepardo, consentendo allo stesso tempo di sfocare altre parti dell’immagine. L’effetto può spesso migliorare la composizione dell’immagine ammorbidendo i dettagli che distraggono sullo sfondo.

Anche gli astrofotografi usano la stessa idea, sebbene tipicamente con l’aiuto di attrezzature sofisticate. Le montature motorizzate possono eseguire la panoramica di cielo stellato andando in sincronia con il tempo di movimento delle stelle, in modo da poter effettuare esposizioni lunghe ore anziché secondi.

Nei prossimi articoli, esamineremo altri otto potenziali fattori che possono influire sulla nitidezza dell’immagine. Se hai suggerimenti o trucchi per migliorare la chiarezza dell’immagine che non menzioniamo in un articolo, fammelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti