Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Il metodo per migliorare le proprie foto che la maggior parte dei fotografi non utilizza

Ci sono molti metodi per migliorare come fotografo, ma non tutti forniscono gli stessi risultati. Uno dei metodi più efficaci e ben documentati per migliorare qualsiasi abilità è anche quello non intrapreso dalla maggior parte dei fotografi.

Ho un tratto della personalità generalmente negativo, ma a volte utile: sono ossessionato dalle cose. Quando qualcosa mi interessa, non riesco a trattenermi dall’andare nella tana del bianconiglio e consumare quante più informazioni possibili sull’argomento. 

Quando ho preso in mano la mia prima macchina fotografica, la fotografia non era molto diversa da quella di oggi. Trascorro ogni secondo libero a scattare foto, leggere articoli, vedere il lavoro di altri fotografi, guardare video, acquistare libri, documentari e così via. Durante la mia ricerca spasmodica di informazioni e sapere, si è rivelato efficace un elemento in particolare e per di più, quasi per caso; qualcosa di cui in seguito avrei imparato il nome e come utilizzarlo correttamente.

All’epoca (e non solo) cercavo di ricreare stili di immagini. Questo non vuol dire che volessi imitare un’immagine, ma piuttosto volevo creare il mio scatto ma usando uno stile che avevo visto e apprezzato. Questo di solito riguardava l’illuminazione o la post-produzione. Un esempio di questo che ricordo è avvenuto alcuni anni dopo che avevo iniziato a fare fotografie, ed erano i ritratti di Lee Jeffries.

Senza titolo

I primi lavori di Jeffries erano una versione meno raffinata del suo lavoro più recente, come l’immagine sopra. Ha scattato ritratti monocromatici (principalmente dei senzatetto), ravvicinati e intimi nell’angolazione, e poi ha usato quello che presumo sia un filtro High Pass per far risaltare i dettagli al di sopra e al di là di ciò che sarebbe considerato realistico, anche se questo non è in nessun modo da intendersi come una critica. Il risultato sono stati ritratti grintosi e accattivanti che sono stati senza dubbio memorabili. Volevo ricreare questo stile. L’impulso non era quello di tentare di assorbire parte del suo successo, o di usare le immagini per raggiungere i clienti, o anche di creare una mia serie nel suo stile. Volevo semplicemente capire come ha creato quella ripresa a un livello tale da poterla replicare. Ma non era certamente mia intenzione farne il mio marchio di fabbrica. Infatti, ho scattato solo un’immagine con uno stile simile e con un solo soggetto, mio ​​nonno. La mia curiosità era voler sapere com’era stato realizzato uno scatto ad un livello di comprensione in cui avrei potuto spiegare anche le minuzie del processo.

Il mio scatto usando quello stile è stato molto vicino in termini di post-produzione ed estetica finale, ma, come ci si potrebbe aspettare, con espressione e mood completamente differenti. Quello che stavo facendo durante il reverse engineering di stili distinti all’interno della fotografia e il tentativo di replicare un certo aspetto era una tecnica importante ed efficace per la crescita in qualsiasi abilità.

Pratica: Il fattore differenziante

Ho sempre avuto un forte interesse per quelle persone che sono ai vertici del loro campo, in particolare gli atleti. Non ho mai creduto che fosse un’abilità innata fornita da Dio a loro conferita alla nascita, ma l’etica del lavoro da sola non spiega i risultati estremi in nessun campo. Ho iniziato a leggere molto materiale sull’argomento, sperando di raccogliere un po ‘di saggezza da applicare alla mia scrittura e alla mia fotografia. Più leggevo, tuttavia, meno ovvio sembrava essere il percorso.

Le storie di estremo successo spesso si sentivano così diffuse e arbitrarie che ho iniziato a chiedermi se c’era davvero qualcosa di significativo che puoi imparare sulla crescita intenzionale. Poi, ho letto un libro che ha cambiato la direzione della mia indagine. Questo articolo è formato da una serie di diversi discorsi, podcast, libri, articoli, documenti e così via, ma direi che l’80% della comprensione che ho acquisito è stata solo ed esclusivamente grazie a due libri. Il primo è stato “Grit: The Power of Passion and Perseverance” di Angela Duckworth e il secondo è stato “Talent is Overrated” di Geoff Colvin; in inglese entrambi e non ancora tradotti.

Implorerei chiunque sia interessato a spingere al massimo un’abilità, o anche solo un interesse, di leggere questi due libri. Da lì, ho iniziato a capire cosa devi fare per migliorare costantemente e avere la possibilità di essere bravo in qualsiasi cosa tu faccia. 

Come scrive Colvin, la maggior parte delle persone che conosci coinvolta in qualcosa per decenni , ad esempio un hobby o un lavoro, si troverà ad avere a che fare con risultati mediocri. Non c’è niente di sbagliato in questo ma di sicuro pochi sono partiti con la mediocrità come loro aspirazione principale.

Gli studi hanno dimostrato che l’esperienza nella maggior parte delle professioni non ti rende più efficace. Allora, quali sono gli ingredienti proposti per superare questo problema nel tuo caso? Perseveranza, certo, e pratica deliberata.

Che cos’è la pratica deliberata e in che modo differisce dalla pratica ordinaria?

La pratica deliberata può essere meglio caratterizzata come pratica focalizzata, organizzata e sistematica con l’obiettivo esplicito di miglioramento, utilizzando il feedback e qualsiasi analisi disponibile per misurare e regolare le proprie prestazioni. 

Questo può spesso insinuarsi nella pratica ordinaria, ma in genere non lo sarà, almeno in misura significativa. Con la pratica ordinaria, svolgi semplicemente compiti coinvolti in un certo insieme di abilità più e più volte, quasi a memoria. Quando stai cercando di imparare una nuova abilità o hai intrapreso un nuovo hobby, questa non è una brutta cosa; sentire l’abilità senza restrizioni o critiche è prezioso. Quando raggiungi un certo livello di abilità, tuttavia, i rendimenti decrescenti entreranno in gioco e ti ritroverai a crescere a un ritmo molto più lento.

Probabilmente scoprirai di esserti condizionato ad eseguire le attività automaticamente. Con la fotografia, ad esempio, potresti mettere la tua fotocamera nello stesso tipo di impostazioni, illuminare il soggetto più o meno nello stesso modo e modificare l’immagine secondo i tuoi gusti abituali. Fare questo più e più volte può produrre miglioramenti, ovviamente, ma la crescita sarà stentata. Questo tipo di pratica è lontano da come appare la pratica deliberata e i suoi risultati sono altrettanto diversi.

Come funziona la pratica deliberata?

La pratica deliberata è per molti versi ancora poco compresa, sebbene la maggior parte del suo processo sia chiaro: è necessario suddividere un’abilità in parti diverse e quindi valutarle ciascuna, cercando di capire come migliorare in ciascuna di esse. Ci sono una serie di esempi di questo modo di fare nello sport, in particolare il golf, che è presente in molti lavori sull’argomento, ma un esempio che ho letto di recente era nel già citato “Talent is Overrated”, e per me aveva un po ‘più senso.

A Benjamin Franklin è stato detto che non era particolarmente bravo a scrivere, cosa che presumibilmente ha preso a cuore. Quindi ha cercato di trovare i migliori esempi di scrittura e, utilizzando tecniche come la riscrittura e il confronto, ha capito come era lui diverso (e peggiore) e come poteva migliorare. Franklin ha identificato le aree in cui era debole – se ricordo bene, una era il vocabolario – e poi ha lavorato per migliorarle. Questo ha avuto un effetto molto più che semplicemente scrivere sempre più spesso. Misurando i tuoi progressi e cercando feedback laddove possibile, puoi continuare a crescere oltre il punto in cui potresti normalmente rallentare.

Pratica deliberata in fotografia

In modo confuso, non stavo intraprendendo deliberatamente la pratica deliberata. Stavo impiegando elementi di pratica deliberata quasi per caso mentre cercavo un obiettivo diverso. 

Ho analizzato le fotografie che mi piacevano nei vari modi in cui sono state create, poi ho lavorato su ciascuna. 

Ad esempio, con le immagini di Lee Jeffries, come discusso sopra, ho evidenziato quanto segue: ritratti ravvicinati, obiettivo grandangolare, profondità di campo ridotta, vignettatura pesante, dettagli elevati, monocromatico, contrasto elevato e così via. 

Quindi, una volta che ho provato a scattare immagini con uno stile simile in mente, stavo valutando quanto bene ho fatto in tutti gli elementi chiave del processo. Per fare meglio, avrei dovuto cercare altre opinioni e critiche.

Guardando indietro ai miei risultati, posso imparare ancora di più ora che ho un decennio in più di esperienza nella fotografia. So che avevo bisogno di usare un obiettivo più ampio, mi sono avvicinato al mio soggetto, ho chiuso il diaframma per assicurarmi che una parte maggiore del viso fosse nitida, persuaso un’espressione più emotiva del soggetto e così via. Se avessi voluto continuare a provare a creare immagini come quella di Jeffries (non l’ho fatto), allora avrei potuto prendere le mie immagini e esaminare ogni elemento e giudicare quanto bene ci avevo lavorato. 

In alternativa, avrei potuto chiedere a un fotografo di cui mi fido una critica costruttiva; la valutazione costante dei risultati in ogni modo in cui è possibile suddividere un’abilità è fondamentale per la pratica deliberata. In effetti, come scrive Colvin, spesso rende un compito piacevole non piacevole, ma tale è la ricerca di una crescita continua.

Se stai cercando di intraprendere una pratica deliberata, ti consiglio quanto segue: in primo luogo, identifica ciò che vuoi ottenere ed essere il più specifico possibile; “Voglio essere un fotografo migliore” non sarà affatto utile, anzi onestamente sarà un obiettivo talmente generico da risultare inutile e controproducente. Invece ad esempio, potresti mirare a realizzare foto come quelle dei paesaggi che vengono premiati nei concorsi (non quelli online su facebook…quelli non servono a nulla, ma dai uno sguardo a concorsi più importanti come quelli visti nell’articolo della settimana scorsa). Quindi, trova i fotografi che sono al livello in cui tu desideri essere ed analizza davvero il loro lavoro, decifrando cosa rende il loro lavoro così buono. 

Confrontalo con il tuo lavoro attuale e sii il più critico possibile su ciò che rende le tue immagini peggiori delle loro. 

Analizza tutti i modi in cui scatti le foto che vuoi scattare e scopri come potresti migliorare in ciascuno. Quindi, arriva al centro della pratica deliberata: fallo in modo persistente e misura i tuoi risultati sia te stesso che usando gli altri ove possibile.

Conclusioni e una parola di avvertimento

Sto usando questo approccio pratico deliberato nella scrittura e nella fotografia da diversi anni ormai e, a rischio di sembrare come se avessi un pregiudizio di conferma, credo ai risultati più di quando li ho letti per la prima volta. È un modo efficace per crescere e migliorare in qualsiasi abilità, e la fotografia è un buon candidato come qualsiasi altro per la pratica deliberata. Ho già accennato ai pericoli di questa pratica, ma voglio renderla esplicita: Colvin ha notato che questo livello di scrutinio, critica e tenacia del tuo lavoro può togliere molto divertimento ed entusiasmo. Potrebbe non essere un rischio che sei disposto a correre, ma se lo è, fammi sapere come te la stai cavando 🙂

Hai mai usato la pratica deliberata per sviluppare un’abilità? La consiglieresti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti