Il corso online gratuito di fotografia a portata di click

Il corso online gratuito di fotografia a portata di click

Condividi su facebook
0
Condividi su pinterest
0
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
0
Condividi su pocket
0
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Il marketing fotografico e il potere delle immagini

Tempo di lettura: 2 minuti
Vota questo post

Molti si domandano, parlando del marketing online, se siano più importanti le parole o le immagini. Senza dubbio entrambi gli elementi sono fondamentali per una strategia valida: ma, come è inutile una bella foto accompagnata da un testo scritto male, ancora di più è inefficace una pubblicità priva di immagini.

Queste ultime evocano ricordi, pensieri, fanno scattare determinati meccanismi nella mente dei clienti. Per questo motivo, chi deve promuovere un prodotto su internet non può trascurare il lato grafico e deve arricchire il testo con foto di grande impatto visivo.

Ciò significa che il rapporto tra web marketing e fotografia sta diventando sempre più stretto, a tal punto che si parla di marketing fotografico.

Le immagini, in effetti, costituiscono un mezzo utile per raccontare una storia.

Il concetto di storytelling non riguarda solo le parole: anche una rappresentazione grafica può avere un elevato potenziale narrativo. Uno spot, che sia trasmesso in televisione oppure in rete, deve colpire l’occhio degli utenti, attirarli, far leva sulla loro immaginazione.

La fantasia e la creatività sono alla base di una buona pubblicità, anche perché al giorno d’oggi ne esistono così tante che diventa necessario distinguersi dalla massa. Per scegliere fotografie adatte a un determinato prodotto, inoltre, è essenziale riflettere su due elementi basilari, ossia il target e l’obiettivo.

Con il primo termine si indicano le persone cui la promozione è destinata, in parole povere il pubblico: un messaggio rivolto agli adolescenti andrà impreziosito con immagini diverse rispetto a quelle utilizzate per comunicare con le donne single, con gli uomini d’affari o con le madri, per fare qualche esempio.

Per quanto riguarda invece l’obiettivo, esso a sua volta condiziona il tipo di fotografie da inserire nella pubblicità. Gli scopi del web marketing sono vari: in alcuni casi si mira ad aumentare il numero di clienti, in altri a far conoscere un nuovo brand, in altri semplicemente a informare.

L’intento va definito con attenzione prima di selezionare le foto.

Alcuni consigli per fare marketing fotografico

Molti social network, attualmente, basano il proprio successo sul potere delle immagini.

Di conseguenza è importante che le fotografie siano semplici da condividere: ciò significa curare una serie di dettagli, primo fra tutti l’apposito bottone per la condivisione. In aggiunta, è indispensabile che le immagini siano contraddistinte da un nome non solo immediato, ma anche ottimizzato in maniera adeguata per i motori di ricerca.

Con questi piccoli accorgimenti la diffusione di un prodotto sui social sarà molto più facile. Le grandi piattaforme come Facebook e Instagram sono uno strumento estremamente vantaggioso per far circolare un messaggio, soprattutto se visivo: basta monitorare i dati relativi alle ricerche sul web per rendersene conto.

Le persone usano i social ogni giorno, e non è raro che acquistino un prodotto soltanto dopo averlo visto raffigurato in una bella fotografia su internet.

La pubblicità, comunque, è un lavoro collettivo. Chi si occupa di marketing non opera quasi mai da solo: bisogna circondarsi di un team fidato, in grado di trarre ottimi risultati dal gioco di squadra. A tal proposito non si parla solo dei colleghi di lavoro, ma anche dei clienti, il cui parere è fondamentale per cogliere l’essenza di un certo prodotto.

Ascoltare il cliente è la prima regola del marketing, fotografico o meno: nessuno conosce meglio di lui ciò che si va a promuovere. Un’immagine deve raffigurare il cuore del brand e suggerire un collegamento immediato con l’azienda. Per svolgere un lavoro del genere ci si affida alla creatività e all’inventiva, senza tuttavia rinunciare a quel pizzico di razionalità e a quella coerenza necessarie in ambito pubblicitario.

Ti piace questo articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest
Condividi su email
Condividi via Email
Condividi su print
Stampa l'articolo

Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *