fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come impostare la fotocamera per la fotografia immobiliare per le foto di interni

Ti piacerebbe vedere alcune impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare e altri utili suggerimenti per la fotografia di interni immobiliari? Continuare a leggere!

Nell’articolo precedente abbiamo visto come impostare la nostra macchina fotografica per la fotografia immobiliare per esterni, in questo articolo invece andiamo a vedere le impostazioni ottimali per la fotografia immobiliare per interni

Sapere come scattare foto di immobili è un’abilità utile per i fotografi che desiderano aggiungere un ulteriore flusso di entrate o per gli agenti immobiliari che vogliono essere in grado di creare immagini appropriate per le proprie inserzioni e farne quindi aumentare il valore.

Per molti fotografi seri che pensano di fare fotografie di immobili, le impostazioni della fotocamera per le foto di interni potrebbero causare confusione. 

Come esporre perfettamente le fotografie immobiliari per interni

E’ facile scattare in condizioni di scarsa o forte illuminazione, i problemi iniziano a sorgere con la tipica illuminazione mista presente all’interno delle case composta da luci estremamente luminose, come la vista attraverso una finestra alle ombre più scure di un angolo non illuminato o sotto un mobile. Ecco mettere in luce tutti i dettagli degli immobili è la cosa più complicata da affrontare e per farlo ci sono diverse tecniche che è possibile adottare.

La fotografia di interni immobiliari è una situazione speciale in quanto generalmente non cerchiamo un’immagine artistica con un contrasto interessante. Ciò che lo spettatore si aspetta di vedere in un annuncio è una rappresentazione accurata delle stanze

Tuttavia, poiché spesso abbiamo un mix di chiaro e scuro nella scena che supera la gamma di ciò che il sensore può rilevare, abbiamo un problema da risolvere. Perché se esponiamo accuratamente per i punti salienti della scena, come la vista della finestra, le aree in ombra della stanza oscureranno i dettagli. Allo stesso modo, se esponiamo per il dettaglio dell’ombra, le alte luci verranno mozzate e non avranno dettagli.

Quindi proviamo un approccio a metà strada, esponendo per i mezzitoni, ma poi di solito finiamo per perdere alcuni dettagli sia nelle luci che nelle ombre. Questo è chiamato un problema di intervallo dinamico.

Risolvere i problemi della gamma dinamica

La gamma dinamica di un sensore della fotocamera è lo spettro totale dall’ombra più chiara all’ombra più scura che può essere registrata mostrando dettagli accurati. Misuriamo la gamma dinamica in stop di esposizione

Come esempio di possibili impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare in cui potremmo imbatterci, misuriamo quella finestra luminosa e l’angolo buio, vediamo quali sarebbero le impostazioni. 

Una finestra luminosa in pieno giorno sarà molto vicina a un valore di esposizione esterna. Quindi, se abbiamo impostato la nostra fotocamera con ISO pari a 200, la nostra velocità dell’otturatore e l’apertura dell’obiettivo o f-stop potrebbero essere circa 1/250 e f/11 o giù di lì. Questi valori di esposizione cattureranno accuratamente la vista esterna attraverso la finestra se la usiamo come impostazioni della nostra fotocamera per la fotografia immobiliare. 

Il resto della stanza sembrerà molto buio, però, ad eccezione delle parti esposte dalla luce del sole che entra dalla finestra. Anche quando accendiamo tutte le luci della casa, ci saranno comunque aree relativamente spente. Non troppo utile per le foto degli immobili vero?

Ora guarda verso l’area sotto il mobile o un angolo non illuminato e fai una lettura lì. Se vogliamo avere un’apertura che fornisca una profondità di campo sufficiente, potrebbe benissimo suggerire 2 secondi interi con la stessa apertura dell’obiettivo. 

Sono 9 stop di differenza rispetto ai precedenti valori di esposizione. Esporre correttamente per mostrare dettagli adeguati in quelle aree più scure della stanza sovraespone seriamente tutto ciò che è illuminato dalla finestra e tutto ciò che viene visto attraverso la finestra. Inaccettabile anche per le foto dell’inserzione immobiliare, per cui come fare?

Tecnica dell’HDR con bracketing e unione

Ci sono due tecniche o metodi utilizzati per superare questa sfida. Aggiungi ulteriore illuminazione artificiale o usa la fotografia High Dynamic Range (HDR). Entrambi sono buoni metodi, entrambi richiedono più input del fotografo e le impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare sono sostanzialmente diverse tra i due.

Per bilanciare l’illuminazione in una stanza con luci fotografiche artificiali, utilizziamo unità flash o luci continue, le posizioniamo e modifichiamo la loro potenza per ottenere un aspetto naturale. Per ottenere i migliori risultati, vengono utilizzati elementi per modificarne la luce, come softbox o flash che rimbalzano o luci a LED dal soffitto. 

Usando bracket e unisci fotografia HDR , prendiamo diverse esposizioni con le impostazioni della fotocamera per l’illuminazione coinvolta. Un’esposizione ottimizzata per le alte luci, un’esposizione ottimizzata per le ombre profonde e l’ultima per i toni medi. Nota che molte macchine fotografiche ormai hanno la possibilità di scattare a forcella ovvero scattare da 3 scatti a in sù ognuno ad un certo intervallo di esposizione. Quindi le esposizioni separate vengono fuse insieme in un’immagine finale utilizzando un programma progettato per questo come ad esempio Photomatix Pro.

Oltre al bel tutorial collegato sopra, ecco un utile video di YouTube su come utilizzare l’esposizione a forcella per l’HDR, la tecnica di unione e come calcolare le impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare.

Impostazioni della fotocamera per foto di interni

A seconda delle circostanze, io a volte aggiungo luce extra con luci a LED o flash della fotocamera (con qualche accortezza) o con un flash esterno (io uso il flash della Godox V860 II), ma onestamente preferisco di gran lunga il metodo HDR per la fotografia immobiliare in quanto mi consente di ottenere risultati assolutamente strabilianti senza dovermi sovraccaricare di attrezzatura.

Chiaramente l’imperativo categorico per effettuare molteplici scatti è l’utilizzo di un treppiede in modo da evitare che in post produzione ci siano (troppi) artefatti da rimuovere.

Oltre a bilanciare i problemi di esposizione della gamma dinamica in una scena, i programmi di elaborazione HDR offrono molte opzioni per la messa a punto delle immagini finali. 

Quindi ora arriviamo a capire le reali impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare utilizzando la tecnica di bracketing e unione della fotografia HDR. Scegliamo una fotocamera e un obiettivo rappresentativi, una fotocamera APS-C prosumer con un obiettivo zoom grandangolare. 

Montare la fotocamera e l’obiettivo su un buon treppiede, fare in modo che sia tutto livellato usando la livella inclusa nella fotocamera o quella esterna del treppiede se ne ha una. Inquadra la più ampia porzione di scena possibile con una composizione degna di nota ed effettua gli scatti necessari.

La nostra fotocamera prosumer (e diversi modelli entry level più recenti) ha un controllo etichettato AEB per il bracketing automatico dell’esposizione. Imposta il controllo per 5 esposizioni con bracketing, a 2 stop di distanza. Imposta l’AEB in modo che cambi la velocità dell’otturatore, non l’apertura dell’obiettivo. Questo ci fornirà un intervallo di valori di esposizione di ben 7 stop. Facendo riferimento all’esempio di prima che vedeva una scena tipica con 9 stop, queste impostazioni lasciano solo 2 stop di valore di esposizione non contemplato.  

Ora troviamo uno spazio della parete di colore neutro in un valore di tono medio della scena per ottenere l’impostazione di esposizione di base. Considera che in ogni caso potresti usare un fantastico cartoncino grigio al 18% per il bilanciamento del bianco in quanto non in tutte le case è facile trovare un tono medio che sia tale. Dall’esperienza in diverse centinaia di stanze e in tutti i tipi di edifici, dalle piccole case alle grandi fabbriche, probabilmente scatterai a ISO 400, f/8,0 e 1/8 di secondo, prova tu stesso. 

Nessuna A, S o P sulla ghiera di controllo per queste foto, usa sempre la modalità manuale M. Disattiva anche l’autofocus e metti a fuoco manualmente fino a 1 metro, poiché un obiettivo da 10 mm a f/8.0 ha molta profondità di campo.

Con il controllo AEB che modifica le velocità dell’otturatore per fornire le esposizioni tra parentesi, la fotocamera esporrà a 1/125, 1/30, 1/8, ½ e 2 secondi interi, il tutto a f/8,0 e ISO 400. Scatto su un treppiede con uno scatto remoto, possiamo inserire questi file di immagine nel nostro programma di fusione senza perdere alcun dettaglio sia nella parte più chiara della scena che nelle ombre più scure.

Usa queste impostazioni della fotocamera per la fotografia immobiliare come punto di partenza per le tue situazioni specifiche e perfezionale mentre procedi.

Se invece hai dubbi o altro commenta l’articolo, ti risponderò senza alcun problema.

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti