fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come scegliere le migliori proporzioni per le foto di paesaggi

Le proporzioni nella fotografia di paesaggio possono essere estremamente importanti, tanto importanti quanto l’immagine stessa.

Spesso basta scegliere una proporzione errata per mandare all’aria uno scatto ed ottenere un risultato non soddisfacente o addirittura mediocre.

Le proporzioni sono la forma della tua immagine. È il rapporto tra la larghezza e l’altezza del frame detto anche fotogramma ovvero lo spazio che inquadra la tua fotocamera.

Ma non sei limitato alle proporzioni native della tua fotocamera e del mirino. Utilizzando in modo creativo le proporzioni, puoi influenzare il modo in cui gli spettatori interpretano le tue immagini.

Esploriamo le scelte che hai e le migliori proporzioni per la fotografia di paesaggio.

Abbiamo recentemente analizzato tutto quello che c’è da sapere in merito al bilanciamento del bianco e al ritmo in fotografia con questo articolo invece andiamo a capire cosa sono e come sfruttare al meglio i rapporti di proporzione nella fotografia di paesaggio

Paesaggio in formato 4:3. 
Questo taglia i lati sinistro e destro, ma l’interesse visivo è al centro dell’inquadratura.

Cosa sono le proporzioni?

Un rapporto di proporzioni o proporzioni altro non è che il rapporto tra la larghezza e l’altezza dell’immagine. Questa relazione è espressa in proporzione. I rapporti comuni sono 1:1, 3:2, 4:3, 5:4, 16:9 e 2:1. I rapporti possono andare in entrambi i modi. 3:2 è uguale a 2:3.

Un rapporto di aspetto 1:1 pronunciato uno a uno significa che l’altezza e la larghezza dell’immagine sono le stesse. Hai un quadrato. Una proporzione 3:2 significa che un lato dell’immagine è il 50% più lungo dell’altro. Un rapporto di aspetto 3:1 significa che un lato è tre volte la lunghezza dell’altro.

Confronto delle proporzioni di 1:1, 16:9, 2:1 e 3:1. 
Nota cosa è incluso e cosa è ritagliato dalla cornice.

Ciascuna proporzione può essere convertita in molte dimensioni. Ad esempio, una foto 8×10 ha un rapporto di 4:5. Una foto con questo rapporto può essere stampata a 4×5”, 8×10” o 16×20”. Le proporzioni e la forma dell’immagine saranno le stesse.

Anche le proporzioni vengono convertite in pixel! La dimensione del sensore determina il numero di pixel lungo ciascun bordo. Ma la proporzione di pixel seguirà il rapporto nativo della tua fotocamera. Ad esempio, la mia fotocamera da 24 MP crea immagini da 6000 × 4000 pixel. Questo è un rapporto 3:2.

Orientamento orizzontale e verticale

L’immagine può avere un orientamento orizzontale , con la larghezza maggiore dell’altezza. O un orientamento verticale in cui l’altezza dell’immagine è maggiore della larghezza. Entrambi possono funzionare nella fotografia di paesaggio in base al nostro soggetto. Se c’è più interesse verticale, considera l’orientamento verticale. Se c’è più interesse orizzontale, l’orientamento orizzontale è la scelta migliore. Vediamolo con un esempio.

L’interesse visivo in questo paesaggio è la cascata verticale. 
Scattarlo con orientamento orizzontale significa includere gran parte della foresta circostante. 
Questo rende la cascata più piccola in confronto.
Con un orientamento verticale, ingrandisci la cascata verticale per renderla la caratteristica centrale dell’immagine. 
Naturalmente, puoi ancora vedere la foresta circostante, ma non occupa una percentuale così grande dell’inquadratura.

Selezione di un rapporto di aspetto nella fotografia di paesaggio

La tua fotocamera ha un rapporto di aspetto predefinito. Per molte fotocamere, questo rapporto è 3:2. Utilizzando un sistema micro quattro terzi , la fotocamera scatta in un rapporto 4:3 (“quattro terzi”). Questo è anche il rapporto utilizzato da iPhone e altre fotocamere mobili.

La tua fotocamera utilizza questo rapporto per impostazione predefinita, ma non devi mantenere quella forma dell’immagine. Alcune fotocamere possono cambiare le proporzioni native. L’iPhone, ad esempio, può passare facilmente da 4:3, 1:1 e 16:9.

La fotocamera dell’iPhone ti consente di passare da un formato all’altro

Il vantaggio è che puoi vedere rapidamente come le diverse proporzioni cambiano l’impatto della tua immagine. Ma non limitare permanentemente le tue opzioni. Successivamente, potresti decidere di rimodellare la tua immagine.

È utile sul campo essere in grado di visualizzare l’aspetto della composizione in diversi rapporti. Ma molti fotografi usano le loro proporzioni native sul campo. Quindi, modifica le proporzioni più avanti nella post-elaborazione. Ma fatti un’idea di quali proporzioni potrebbero funzionare meglio prima di scattare. Non c’è niente di peggio che portare a casa la tua immagine e scoprire che non hai lasciato abbastanza spazio per il ritaglio. Molti hanno bisogno di ritagliare l’immagine e tu vuoi assicurarti di aver catturato abbastanza scena per consentirti flessibilità nella post-elaborazione.

Ritaglio in post-elaborazione

È utile sul campo essere in grado di visualizzare l’aspetto della composizione con forme diverse. Ma molti fotografi usano le proporzioni native della loro fotocamera sul campo. Quindi, cambiano la forma dell’immagine più avanti nella post-elaborazione.

Ma fatti un’idea di quale forma dell’inquadratura potrebbe funzionare meglio prima di scattare. Non c’è niente di peggio che scoprire in seguito che non hai lasciato abbastanza spazio per il ritaglio. Vuoi aver catturato abbastanza scena per consentire flessibilità nella post-elaborazione. Molti programmi di fotoritocco hanno preimpostazioni di ritaglio delle proporzioni integrate.


Screenshot dello strumento di ritaglio di Lightroom. 
Lightroom include impostazioni predefinite per le proporzioni oppure puoi creare una dimensione personalizzata.

Quando ritagli in base alle proporzioni, puoi regolare dove cadono gli elementi principali della tua composizione nella cornice. Puoi ingrandire e rimuovere spazio extra e distrazioni intorno al centro di interesse. È possibile spostare il soggetto a sinistra o a destra, in alto o in basso nell’inquadratura. Puoi anche capovolgere l’immagine se sembra migliore.

Qual è il rapporto d’aspetto migliore per la fotografia di paesaggio?

Non ci sono davvero le migliori proporzioni per la fotografia di paesaggio. Il rapporto migliore dipende da dove si trova l’interesse visivo nella tua composizione. Ciascuno dei rapporti di aspetto standard ha pro e contro. Alcuni funzioneranno meglio con alcune scene rispetto ad altre.

Cerca in particolare gli elementi in primo piano . Inoltre, quanto il cielo contribuisce alla composizione complessiva. Alcune forme dell’immagine ti danno troppo cielo nei paesaggi. Se il cielo non è interessante, includerlo riduce l’impatto della tua foto. Se il cielo non aggiunge nulla all’immagine, usa un formato diverso e ritaglialo.

Se la maggior parte dell’interesse visivo si trova da sinistra a destra lungo l’orizzonte, usa una forma che enfatizzi la larghezza della tua foto. Un rapporto di aspetto panoramico come 16:9 potrebbe essere il migliore. Se c’è un interesse sia verticale che orizzontale, usa un rapporto che bilancia l’altezza e la larghezza. Un rapporto di aspetto come 4:5 potrebbe essere il migliore. Questo può accadere quando hai un elemento in primo piano o quando la tua fotografia include un cielo interessante.

Questa immagine ha interesse sia verticale che orizzontale. 
Il rapporto di aspetto di 4:3 enfatizza entrambi.

Rapporto d’aspetto quadrato 1:1

Iniziamo con il rapporto d’aspetto quadrato 1:1 che è popolare su Instagram . Questa forma dell’immagine era anche molto popolare con le fotocamere a pellicola di medio formato. Usa questa forma quando c’è un chiaro centro di interesse. Inoltre, quando c’è lo stesso interesse visivo verticalmente e orizzontalmente. Il focus è su un soggetto centrale.

Un rapporto di aspetto di 1:1 funziona meglio per le immagini con una caratteristica centrale interessante sia in verticale che in orizzontale.

Proporzioni rettangolari 4:5, 4:3 e 3:2

Molte delle proporzioni comuni sono rettangolari. Un lato è più lungo dell’altro, ma possono essere quasi quadrati. Usa uno di questi rapporti quando c’è un interesse sia verticale che orizzontale nella scena.

Potresti avere un paesaggio che si estende all’orizzonte. Ma potresti anche avere un cielo interessante o un elemento in primo piano. Se c’è profondità nella tua immagine, scegli un formato che abbia un’altezza e una larghezza.

Questo paesaggio ha molta altezza e interesse orizzontale. 
Confronta le proporzioni 3:2 originali con un ritaglio per le proporzioni 5:4 e 4:3.

Con un obiettivo zoom, puoi comporre la scena nella fotocamera utilizzando le proporzioni native. Non è necessario ritagliare in seguito.

Queste sono proporzioni comuni, ma le immagini potrebbero sembrare un po’ schiacciate. Quello, o c’è troppo cielo poco attraente.

Proporzioni panoramiche 16:8, 2:1 e 3:1

Quando descriviamo una foto come panoramica, non stiamo parlando di una proporzione. Molti rapporti rientrano nella categoria del panorama . La cosa che li unisce è una forma lunga e sottile, solitamente con orientamento orizzontale. Un rapporto comune per i panorami è 16:9. Ma anche 2:1 (16:8) è comune. Potresti avere altre opzioni panoramiche come 16:10 o 3:1.

Panorama 16:9 l’interesse per la montagna e il riflesso si trovano lungo l’orizzonte, rendendolo una scena perfetta per un panorama.

Nella fotografia di paesaggio, i panorami sono spesso con orientamento orizzontale. Ma non devono necessariamente sempre esserlo. Ad esempio, se hai una linea verticale di interesse come una ripresa della Via Lattea con un elemento in primo piano, un panorama verticale potrebbe essere la forma giusta per la tua scena.

Un panorama con orientamento verticale può avere la forma giusta quando il paesaggio ha un interesse verticale stretto.

I panorami vengono spesso creati unendo più immagini insieme. Alcune fotocamere hanno un’impostazione panoramica. Scorri una scena mentre la fotocamera scatta e combina automaticamente molte foto.

Oppure puoi acquisire manualmente singole immagini in una scena. Quindi, uniscili insieme utilizzando programmi di fotoritocco come Adobe Lightroom o Photoshop.

Rapporti di proporzione non standard

Ogni immagine ha un rapporto larghezza/altezza. Ma la relazione non deve essere necessariamente conforme a uno dei rapporti comuni. Esistono molte proporzioni comuni, ma non è necessario utilizzarle. Puoi ritagliare un’immagine in qualsiasi forma desideri migliorare la tua composizione unica. Non è necessario tagliare nulla di interessante o includere aspetti non interessanti della scena.

È più difficile stampare e inquadrare immagini con forme non standard. Ma se mostri principalmente immagini online, l’utilizzo di proporzioni tradizionali potrebbe non avere importanza.

Puoi ritagliare qualsiasi forma desideri, anche se non è conforme alle proporzioni standard.

Proporzioni di stampa

C’è un’altra cosa a cui pensare quando si sceglie una proporzione per la tua foto di paesaggio. Il formato che userai per stampare e incorniciare le tue foto di paesaggi influisce anche sulla forma che scegli. Le proporzioni comuni sulle fotocamere non corrispondono necessariamente alle comuni dimensioni di stampa o inquadratura.

Uno dei rapporti di aspetto più comuni nella fotografia digitale è 3:2. È possibile stampare immagini di 6×4”, 12×8” e 18×12”. Puoi stamparli, ma potrebbe essere più difficile trovare tappetini e cornici per queste stampe. Il rapporto 4:5 è molto più comune nell’inquadratura. Le dimensioni per questo rapporto di aspetto sono le ampiamente disponibili 8×10 e 24×30.

In un mondo dominato da Instagram, la stampa di foto quadrate è più comune. Ma i panorami saranno più difficili da stampare e inquadrare. La stampa di una forma di immagine non standard richiede probabilmente supporti e cornici personalizzati. Questo può diventare costoso. Oppure considera l’aggiunta di spazi bianchi attorno all’immagine per creare una forma standard.

Aggiungi spazio bianco attorno a un’immagine per renderla una forma più standard per la stampa e l’inquadratura.

Conclusione

La selezione delle migliori proporzioni da utilizzare per le foto di paesaggi dipende dalla composizione. La forma della tua immagine dovrebbe migliorare la composizione e mantenere l’attenzione del tuo spettatore nell’inquadratura. Potresti ritrovarti a preferire un certo rapporto di proporzioni. Oppure puoi variare le proporzioni per scene diverse.

Vuoi di più? Prova il nostro corso di composizione

Vuoi catturare paesaggi mozzafiato ogni volta che scatti?

Abbiamo realizzato un corso facile, pratico e veloce che ti permetterà di padroneggiare la composizione come non hai mai fatto prima e ti consentirà di scattare ottime foto anche con solo il tuo smartphone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In questo articolo parliamo di

Categorie
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti

Composizione Intuitiva – Teoria e pratica

Impara a padroneggiare tutte le tecniche di composizione per ottenere scatti sempre ottimamente composti e foto sempre perfette

Alcune caratteristiche

  • formato PDF facilmente trasportabile

  • 50 schede per padroneggiare la composizione

  • BONUS: Manuale corso base di fotografia

  • accesso al gruppo riservato

  • supporto via forum e gruppo su telegram

Grazie alle 50 Schede di facile lettura che ti guideranno passo passo nel mondo della composizione otterrai scatti sempre perfetti, inoltre le schede sono fatte per essere stampate ed eventualmente plastificate o, ancora meglio potresti caricarle nel tuo smartphone in modo da averle sempre con te!