Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Come fare foto alle bolle di sapone e farle sembrare pianeti

Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Become a Patron!

Scattare foto alle bolle di sapone non è mai stato così divertente, istruttivo e utile! In questa guida passo passo andremo a vedere come poter scattare foto alle bolle di sapone comodamente a casa ed ottenere dei piccoli capolavori.

Con pochi semplici ingredienti che puoi facilmente reperire in casa e un paio di consigli sull’uso della fotocamera, puoi realizzare delle foto ultraterrene comodamente stando a casa e con un budget limitato. Dalla comodità del tuo salotto, sarai in grado di catturare immagini che ricordano alcuni famosi sfondi per iPhone.

Negli articoli precedenti ci siamo focalizzati molto su come poter migliorare la nostra fotografia di paesaggio, successivamente siamo passati alla fotografia astratta ed oggi vorrei sottoporti questo simpatico tutorial e magari vedere i tuoi risultati.

La bellezza della natura è sbalorditiva. Gli stessi principi fisici che si applicano qui sulla terra seguono anche l’intero universo, vincolando tutto alle stesse leggi. Puoi osservare gli stessi comportamenti che avvengono sulla Terra anche su Giove per esempio. Dando una rapida occhiata al telescopio o semplicemente facendo una ricerca in rete (non tutti possediamo un telescopio dopo tutto) noterai le tempeste vorticose del gigante gassoso, la più famosa delle quali è la Tempesta Rossa

Queste dinamiche di gas e fluidi possono essere osservate anche in casa nostra, basta saper cercare e dalla comodità del tuo soggiorno, potrai scattare fotografie che assomigliano ai pianeti del nostro sistema solare.

Questo è un ottimo trucco da provare a casa da solo o con i bambini, ed è molto divertente. Tutto ciò di cui hai bisogno sono alcuni semplici ingredienti che potresti già avere e un paio di buoni consigli circa l’uso della fotocamera per sfruttare al meglio le riprese. 

Per l’intera ripresa, probabilmente avrai bisogno solo di un’ora, ma questo tutorial è così divertente che probabilmente vorrai continuare a scattare più a lungo. Mescoleremo gli ingredienti e faremo le bolle in un piattino o in un copriobiettivo e cattureremo i risultati. Quindi, diamo un’occhiata a ciò di cui hai bisogno e come dovresti impostare per ottenere alcune immagini incredibilmente interplanetarie.

Prepara gli ingredienti

Aggiungendo detersivo per piatti e glicerina all’acqua, puoi creare bolle eccellenti con proprietà di lunga durata e un meraviglioso lavaggio dei colori.

Ci sono tre cose che devono amalgamarsi nelle giuste quantità affinché tu possa fare bolle che assomigliano a pianeti: acqua, detersivo per piatti e glicerina. Combinare il detersivo (o qualsiasi tipo di sapone liquido) permetterà di creare le bolle, mentre la glicerina rende la miscela più viscosa e permette alle bolle di mantenere la loro forma più a lungo. In realtà ho scoperto che la glicerina ha anche migliorato i vortici e ha dato anche colori molto diversi.

Mescola una parte di sapone liquido con tre parti di acqua in una caraffa, quindi aggiungi un cucchiaino e mezzo di glicerina alla miscela. Mescola con il cucchiaio, ma cerca di non produrre schiuma e versa in un piattino o in uno stampino.

Poiché la maggior parte dei fotografi che leggono questo articolo avrà probabilmente un copriobiettivo, potresti usarlo invece, poiché è approssimativamente della dimensione giusta e poiché essendo nero, è meno probabile che causi problemi di riflessione quando andiamo a illuminare la bolla.

Crea uno sfondo semplice

Posizionando la schiuma nera o un panno nero in una scatola di cartone dietro il copriobiettivo, la gommapiuma viene protetta dalla luce del flash in alto e rimane scura per tutta la ripresa senza la necessità di posizionarla molto più lontano.

Dato che illumineremo le bolle dall’alto, avrai bisogno di uno sfondo che sia abbastanza lontano o abbastanza scuro da sembrare nero. Lo sfondo nero fa risaltare fortemente le bolle e sembra più d’impatto. Dato che non avevo molto spazio, ho messo un pezzo di gommapiuma nera in una scatola di cartone e l’ho messo contro lo schienale del tavolo. Ho quindi messo un copriobiettivo sul bordo anteriore del tavolo da cui far soffiare le bolle. Ho scoperto che, poiché il copriobiettivo era molto corto, il tavolo risultava visibile nella scena, quindi l’ho appoggiato su un tagliere.

Posiziona una luce sopra

La luce deve essere sopra la bolla per dare quella finitura bella precisa al bordo della bolla. 
Inoltre migliora anche i colori sulla superficie. Il mio consiglio è di usare la sorgente di luce più grande e diffusa possibile.

Questo passaggio è fondamentale. Le foto con le bolle funzionano bene solo se metti una luce diffusa sopra l’area in cui stai riprendendo le bolle. Più grande e morbida è la tua luce, migliori saranno le foto. Ho usato un softbox grande e rettangolare e ho posizionato uno  speedlite Yongnuo YN685 all’interno. Tutto questo è stato tenuto in posizione utilizzando un supporto a C con un braccio che posizionava il softbox sopra il tavolo, come puoi vedere nell’immagine sopra.

Ripensando allo scatto, penso che se dovessi scattare di nuovo questa tipologia di soggetto, metterei un grande foglio di carta da lucido e posizionerei una o due luci sopra di esso per creare una diffusione della luce ancora più ampia, poiché è la dimensione della fonte di luce che andrà ad illuminare la bolla e farla sembrare impressionante. 

In alternativa, potrei anche provare ad utilizzare un lightbox, ma penso che l’unidirezionalità della luce potrebbe rovinare la resa dei bordi della bolla.

Chiusura stretta

Un obiettivo macro è utile per mettere a fuoco da vicino le bolle per riempire il fotogramma con esse;  tuttavia, potresti anche utilizzare tubi di prolunga su un obiettivo standard o su un teleobiettivo per ottenere effetti simili.

Un obiettivo macro è l’ideale per questa situazione di ripresa perché le bolle saranno relativamente piccole. Utilizzando un obiettivo macro, puoi mettere a fuoco da vicino il soggetto e riempire l’inquadratura. Tuttavia, se non hai un obiettivo macro, potresti in alternativa utilizzare tubi di prolunga, come ho fatto io e accoppiarlo con un teleobiettivo. Anche se qualsiasi tipo di filtro per primi piani o anche solo per invertire l’obiettivo funzionerà benissimo.

Inchioda il fuoco

Se come me non stai usando una luce continua, sappi che questa è forse la parte più difficile dell’intero servizio fotografico perché è molto difficile vedere dove devi mettere a fuoco. 

Dopo diversi tentativi ti consiglio di posizionare una cannuccia a metà del copriobiettivo e di mettere a fuoco quello. Ora, quando sei pronto per scattare la bolla, la maggior parte della metà anteriore della bolla sarà a fuoco. Ma per assicurarti che non sia solo una piccola fetta di messa a fuoco dovrai usare alcune impostazioni specifiche, ed è per questo che consiglio di usare un flash, come vedrai nel prossimo passaggio.

Chiudi l’apertura del diaframma

Più stretta è l’apertura, maggiore sarà la profondità di campo. Poiché si tratta di una foto macro, ti consiglio di utilizzare un’apertura di f/16 o inferiore per massimizzare la profondità di campo e ottenere risultati nitidi. 

Io ho usato un’apertura di f/22 perché stavo usando un obiettivo 70-200mm con tubi di prolunga e, come tale, la profondità di campo era estremamente ridotta. In generale, consiglierei di non spingere così tanto una lente a causa della diffrazione dovuta dall’apertura stretta che rende le immagini morbide, ma in questo caso ero abbastanza contento di essere un po ‘più creativo.

Imposta bene il tutto

Come flash ho usato uno Yongnuo YN685 con il ricetrasmettitore wireless YN622N e il trasmettitore corrispondente per attivare il flash.

Ho usato una velocità dell’otturatore di 1/200 sec, la velocità di sincronizzazione del flash e ho impostato il flash a 1/16 di potenza. Non volevo spingere molto di più la potenza del flash perché questo avrebbe aumentato i tempi di ricarica del flash.

Quando fotografi le bolle, scoprirai che scompaiono entro un minuto o due e cambiano molto rapidamente, quindi ottenere il maggior numero di scatti possibile è il metodo migliore. Ho quindi aumentato gli ISO a 640 per compensare la minore potenza del flash.

Soffia le tue bolle

Questo è l’aspetto della bolla quando ne fai accidentalmente due contemporaneamente. 
Inoltre, questa banda colorata è ciò che si verifica prima di lasciare che la bolla si depositi per alcuni secondi, quindi per evitare ciò, attendi circa 20 secondi e quindi soffia delicatamente sulla bolla per rimuoverla. Occhio a non soffiare troppo forte altrimenti le romperai.

Nel copriobiettivo, ho versato un po ‘della miscela e ci ho soffiato con un angolo basso usando una cannuccia. Una volta avviata una bolla, ho tenuto l’estremità della cannuccia all’interno di quella singola bolla e ho continuato a soffiare. Ho fatto bolle abbastanza grandi, delle dimensioni del mio pugno, e poi ho tolto la cannuccia. La tecnica per me qui era aspettare che la miscela si depositasse un po ‘prima e poi soffiare dolcemente sulla bolla per generare turbolenza.

Di tanto in tanto, userai la cannuccia per soffiare in piccole aree specifiche sulle bolle e creare questa turbolenza iridescente che vedi qui.

È questa turbolenza e il tempo trascorso, che fa sì che i meravigliosi motivi a strisce si abbassino e scorrano sulla superficie della bolla. I colori possono variare dal grigio al giallo, al verde brillante e al blu o persino al viola. Non ce ne sono mai due uguali ed è sempre più divertente provare diverse tecniche di soffiaggio per generare strane turbolenze sulla superficie. In alternativa, però, potresti usare un ventilatore purché sia ​​posizionato abbastanza lontano da non far scoppiare la bolla.

Le combinazioni di colori e motivi sono quasi illimitate, quindi ogni bolla che soffi avrà un aspetto diverso. Mi sarebbe piaciuto scattare questa foto su una fotocamera con uno schermo ad angolazione variabile in modo da poter far saltare la bolla e vedere lo scatto allo stesso tempo, ma poiché stavo usando una Nikon D750 , ho dovuto ricorrere ad un amico per farmi aiutare in questo esperimento. Nel complesso, è una divertente esperienza fai-da-te che richiede un po ‘di pazienza e tempo per l’installazione, ma con risultati spettacolari, direttamente dalla comodità di casa tua.

Condividi i tuoi risultati qui sotto nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice dei contenuti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Become a Patron!
Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti