fbpx

Il corso di fotografia online gratis più completo del web

Checklist di fine anno per fotografi o aspiranti tali

Questo 2020 è decisamente l’anno giusto non solo per riflettere sul tuo anno fotografico appena trascorso, ma anche per fare un po’ di pianificazione per il futuro.

Ok, so cosa stai pensando. L’anno scorso è stato, diciamo, tutt’altro che ideale per quasi tutti noi. Perché diavolo vorresti mai guardare indietro a una tale mostruosità di 365 giorni a meno che non fossi assolutamente costretto da un uomo malvagio come me in una sorta di situazione aggiornata di “Arancia Meccanica”? Ebbene, la verità è che spesso impariamo di più dai momenti difficili che da quelli in cui tutto funziona come previsto. E, sia che l’anno scorso sia stato il tuo migliore in assoluto o quello da dimenticare, ci sono sempre lezioni da imparare che ci aiuteranno come artisti e imprenditori anche in futuro.

[Nota: Corsofotografico è supportato dai lettori. I collegamenti ai prodotti su Corsofotografico sono collegamenti in affiliazione. Se usi uno di questi link e compri qualcosa, guadagniamo un po’ di soldi e ci permette di andare avanti nella produzione di contenuti.
Se vuoi eliminare i banner pubblicitari nel sito ed accedere ai contenuti in anteprima non devi fare altro che diventare un sostenitore su Patreon, ti stai domandando quanto costa? Una colazione al mese. Oppure se devi fare acquisti su amazon ti basta cliccare qui.
Hai bisogno di maggiori informazioni?]

E anche se l’anno non è ancora finito, è in questo periodo ogni anno che inizio a valutare le mie prestazioni nei 12 mesi precedenti e pianifico per la prossima dozzina. Poiché sono del segno della Vergine con un lieve disturbo ossessivo compulsivo, il mio tempo di riflessione di solito assume la forma di una recensione scritta molto dettagliata delle prestazioni. Procedo riga per riga, rivedendo tutti gli obiettivi che mi ero prefissato lo scorso dicembre/gennaio e vedo come la realtà ha soddisfatto la pianificazione. Mi piace fissare aspettative irrealisticamente alte, quindi non sempre raggiungo i miei numeri previsti. Va bene. Hanno lo scopo di spingermi piuttosto che essere facilmente ottenibili. Ma, il processo, mi ha costretto a esaminare attentamente le aree in cui devo ancora fare progressi. Oppure, per le aree in cui ho superato le aspettative, mi ricorda di festeggiare.

Non ti guiderò attraverso il mio arduo viaggio di auto-riflessione, ma ti suggerisco invece di rispondere tu stesso alle seguenti domande. Le risposte a queste domande sono solo per te (o forse per il tuo socio in affari), ma dedicare del tempo a rispondere può aiutarti a pianificare un nuovo anno ancora migliore e a cristallizzare le lezioni che hai imparato durante l’anno.

Come sei cresciuto come artista?

La fotografia non è una destinazione. È un viaggio. Sia che tu ti consideri un appassionato di fotografia hobbista o un professionista esperto, ogni volta che prendi in mano la fotocamera, è un’opportunità per crescere. 

Si fa molto per raggiungere la competenza tecnica, ma la verità è che praticamente chiunque può raggiungere la competenza tecnica con abbastanza tempo e impegno. Se il tuo unico obiettivo come fotografo è essere in grado di esporre un’immagine correttamente e nel modo più nitido possibile, allora quel tipo di maestria è disponibile per chiunque abbia una conoscenza di base della matematica e abbia accesso a qualsiasi fotocamera realizzata nel secolo scorso. 

Ma, presumibilmente, hai iniziato a fotografare perché avevi una storia più profonda dentro di te che volevi raccontare. Non vuoi solo creare uno scatto che sia a fuoco, vuoi creare qualcosa che faccia cadere la mascella delle persone. Sfortunatamente, questo non è il tipo di trucco che puoi imparare semplicemente guardando i tutorial di YouTube. 

Questo tipo di cose si verifica solo come risultato di lunghe e dure ore di pratica del tuo mestiere. È il risultato di tentativi ed errori. Man mano che le tue capacità crescono, la tua fiducia cresce. Come tutti gli aumenti di fiducia, anche questo potrebbe farti correre dei rischi sciocchi. A volte, quelli funzionano. A volte, cadi a faccia in giù. Ma quella caduta sul tuo viso finisce solo per insegnarti di più, rendendoti migliore e quindi riempiendo di nuovo la tua fiducia. Questo potrebbe anche farti prendere alcuni rischi sciocchi. 

Molti fotografi arrivano a definire qualcosa che li rende unici, definiscono cioè il loro stile. È importante scoprire cosa rende unica la tua voce artistica e ti distingue dal vero mare di incredibili fotografi contro cui competerai e competi ogni giorno. 

Più puoi distinguerti e sapere chi sei, maggiori possibilità avrai di avere successo. Ma il secondo atto di quella storia, che raramente viene raccontata, è che anche una volta che hai fatto tutto il duro lavoro per definire la tua voce e svuotato un po ‘di spazio per te stesso nel mercato, non hai ancora finito. Devi continuare a crescere ed evolverti come artista per rimanere fresco e pertinente. Devi continuare a scavare più a fondo anche quando pensi di aver già raschiato il fondo del tuo barile di creatività.  

Dodici mesi potrebbero sembrare poco, ma è un’eternità in una carriera creativa. Come hai trascorso i 12 mesi precedenti? Confronta il tuo lavoro di gennaio con il lavoro che stai creando ora. Sei cresciuto? Noti cambiamenti notevoli nella tua estetica? In tal caso, questi cambiamenti sono per il meglio? Quali pensi siano le ragioni del cambiamento? In che modo questo cambiamento aiuta a differenziare ulteriormente il tuo lavoro? I cambiamenti sono qualcosa su cui puoi costruire o sono solo specifici per il tipo di incarichi che hai svolto quest’anno? In generale, non dobbiamo cercare di farci evolvere come artisti. La nostra arte è legata a ciò che siamo come esseri umani. Cresciamo come persone, cresciamo come artisti. Ma quando accade in modo organico, scoprire come sfruttarlo al meglio intenzionalmente può farci fare un passo avanti.

photo by Christopher Malcolm

Come è cresciuta la tua attività?

Come molti creativi, quando ero ingabbiato nella routine odiavo quello che facevo e quindi lo facevo male e controvoglia. Ma l’unica cosa positiva di un lavoro normale, se così si può chiamare, è la coerenza. Io la chiamo monotonia. Ma non si può negare che quando hai un lavoro “diurno”, il più delle volte, sai esattamente cosa ti aspetta di giorno in giorno. Se passi un anno intero senza che la tua routine quotidiana cambi, senza che nessuna fusione aziendale o il tuo capo preferito venga trasferito, di solito è una buona cosa. Sei ancora seduto alla stessa scrivania, guadagni lo stesso stipendio a parte l’aumento annuo contrattuale di due centesimi l’ora e il tuo mutuo viene ancora pagato. Non è entusiasmante, ma i lavori giornalieri riguardano la stabilità. E la stagnazione fa bene alla stabilità.

La stagnazione, tuttavia, non è buona per gestire la propria attività. Non intendo dire che tutti i fotografi non sognino un flusso costante di entrate. Ma ciò che distingue una carriera come fotografo da una carriera come contabile aziendale è che devi essere costantemente alla ricerca di quei flussi aggiuntivi. Potresti avere un cliente importante e fisso ma quel cliente è anche soggetto ai capricci del mercato. Cosa succede se falliscono o entra un nuovo direttore creativo e vuole “rinfrescare le cose” con uno stile fotografico diverso? Potresti essere il re o la regina di un determinato segmento di mercato, ma cosa succede se quel segmento di mercato inizia a contrarsi? Quanto è diversificata la tua attività per essere in grado di affrontare una potenziale tempesta?

Giudicare la crescita aziendale è dove entrano in gioco i numeri. Durante la mia revisione annuale del mio piano aziendale, di anno in anno stabilisco obiettivi numerici difficili che desidero raggiungere nell’anno successivo. Diciamo, ad esempio, che ho guadagnato 100 € l’anno precedente. Questo numero è chiaramente solo a scopo esemplificativo. Ma diciamo che ho guadagnato 100 € e ho deciso di aumentare le entrate del 25%. Quindi, naturalmente, dovrò raggiungere 125 € entro la fine dell’anno. È semplice. Hai raggiunto il numero che ti eri prefissato o no? Ma devi anche guardare anche altri segnali misurabili. Hai incrementato il numero di lavori fotografici? O forse non hai incrementato il numero di lavori, ma hai ampliato il tuo margine di profitto sui tuoi scatti? Una grande percentuale del tuo reddito deriva da un’unica fonte? Questo ti lascia vulnerabile in caso di imprevisti? Quest’anno, soprattutto, dovrebbe ricordarci che l’inaspettato accade.

Naturalmente, questa informazione non ha lo scopo di flagellarti o congratularti con te stesso. Sono informazioni che puoi usare. Se vedi che sei eccessivamente dipendente da un’unica fonte di reddito, puoi fissare un obiettivo difficile per l’anno successivo per ricavare l’importo X delle tue entrate da nuove fonti. Oppure, se noti che non stai generando un reddito quasi sufficiente da ogni singolo lavoro, potresti voler ripensare la tua struttura dei prezzi e aumentare il tuo margine di profitto.

Questa è la questione di dove entrano in gioco i numeri. Tenersi saldi non è necessariamente una cosa negativa, soprattutto quest’anno. Ma, a lungo termine, quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere e come intendi esattamente arrivarci?

Stai massimizzando il tuo potenziale?

Mentre nel paragrafo precedente la domanda era oggettivamente più misurabile, l’idea di massimizzare il proprio potenziale è di gran lunga quella che tutti cercano di portare avanti. Abbiamo tutti degli standard. Alcuni di noi hanno standard più elevati di altri. Alcuni di noi hanno standard inferiori. Ma le aspettative che ci prefiggiamo non dovrebbero essere basate sulle definizioni di successo di altre persone. Sai nel profondo del tuo cuore di cosa sei capace e sai allo stesso modo se ti stai impegnando o meno per ottenerlo.

Certo, hai un talento per questa cosa chiamata fotografia. Ma stai davvero facendo tutto il possibile per migliorare e sviluppare il tuo talento? Passi il tuo tempo a lamentarti di ciò che potresti creare se solo potessi permetterti l’attrezzatura giusta, o trascorri il tuo tempo a spremere fino all’ultima goccia dell’attrezzatura che ti puoi permettere?

Ho visto e vedo tutt’oggi molti fotoamatori che trascorrono tantissimo tempo sulle bacheche a parlare del lavoro di un altro fotografo o a lamentarsi di non avere questo o quell’attrezzo, quando invece potrebbero usare quel tempo per migliorare il proprio operato fotografico che spesso in realtà lascia molto a desiderare.

O sei coraggioso, spingi i tuoi confini in modo creativo e poi lo mandi nel mondo senza paura di essere giudicato? Stai perdendo tempo a sognare la vita che desideri? O stai vivendo una vita che ti aiuterà a realizzare i tuoi sogni?

Queste sono veramente domande a cui solo tu puoi rispondere. Le risposte non possono essere lette nei libri di fotografia o su un articolo. Queste risposte possono essere pronunciate solo dopo una lunga occhiata allo specchio. Rispondi onestamente, pensi di aver davvero lavorato abbasta duramente? Sai che la risposta onesta a questa domanda per quasi tutti è un sonoro “no”? Non perché non ci stiamo provando, ma perché siamo tutti molto più capaci di quanto crediamo. E questo vale anche per te.

Quindi, mentre rivedi quello che hai fatto nell’ultimo anno e rispondi alle domande di cui sopra per te stesso, sappi che quest’anno pieno di incredibili e imprevedibili alti e bassi non è stato che un singolo capitolo della tua storia. E il tuo finale deve ancora essere scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In questo articolo parliamo di

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti