Il corso di fotografia online gratis più completo del web

6 Tecniche per ottenere il massimo dalla modalità Bulb

La modalità Bulb consente di mantenere l’otturatore aperto per tutto il tempo in cui si tiene premuto il pulsante dell’otturatore. È l’ideale per ottenere lunghe esposizioni da favole e ti mostrerò esattamente come usarlo.

Vuoi scattare foto da sogno a lunga esposizione di acqua corrente e nuvole soffici?

La fotografia a lunga esposizione è divertente e accessibile. E ti aiuterà a catturare foto straordinarie che la maggior parte delle persone non può.

Ottenere il massimo dalla modalita bulb -1
Questa immagine è stata scattata a Porto Venere, in Italia, in un pomeriggio tempestoso. Un’esposizione di due minuti con la modalità Bulb

Cos’è la modalità Bulb?

[Nota: Corsofotografico è supportato dai lettori. I collegamenti ai prodotti su Corsofotografico sono collegamenti in affiliazione. Se usi uno di questi link e compri qualcosa, guadagniamo un po’ di soldi e ci permette di andare avanti nella produzione di contenuti.
Se vuoi eliminare i banner pubblicitari nel sito ed accedere ai contenuti in anteprima non devi fare altro che diventare un sostenitore su Patreon, ti stai domandando quanto costa? Una colazione al mese. Oppure se devi fare acquisti su amazon ti basta cliccare qui.
Hai bisogno di maggiori informazioni?]

Prima di iniziare a dirti come utilizzare questa funzione, rispondo subito alla domanda che immagino essere già nella tua testa in questo momento.

Perché questa impostazione si chiama Modalità Bulb?

Ecco spiegato il perché di questo buffo nome. Nel corso del tempo, le persone hanno attivato lunghe esposizioni attaccando una lampadina di gomma all’otturatore. Quando veniva premuta, la pressione dell’aria al suo interno spingeva verso il basso il pulsante.

Naturalmente, le lampadine di gomma non sono necessarie in questi giorni. Ma il nome è rimasto.

Con le moderne fotocamere, puoi scattare fino a 30 secondi di esposizione anche senza utilizzare tale modalità. Ma quando attivi l’impostazione Bulb, puoi tenere l’otturatore aperto per minuti o anche per ore.

Ottenere il massimo dalla modalità bulb - 2
Schermo della Olympus Om-d EM10mkII quando si imposta la modalità Bulb

Evitare le vibrazioni della fotocamera grazie ad un telecomando per lo scatto remoto

Fotografo continuamente paesaggi, paesaggi marini e cieli notturni stellati. Le lunghe esposizioni con la modalità Bulb sono praticamente una costante nella mia vita. Ma non otterrei i risultati desiderati senza l’aiuto di un telecomando per lo scatto remoto.

Perché? Semplicemente durante il tempo in cui rimane aperto l’otturatore, c’è un alto rischio che sposti la fotocamera e di conseguenza le fotografie vengano sfocate. Ecco perché ti consiglio di utilizzare un pulsante di scatto remoto durante le riprese in modalità di esposizione lunga.

Il pulsante di scatto remoto consente di attivare la fotocamera senza doverla toccare.

Ci sono tutti i tipi di modelli di rilascio dell’otturatore là fuori. Alcuni hanno un cavo che ti consente di connetterti alla fotocamera, mentre altri sono wireless. Le opzioni più avanzate sono gli intervallometri, come ad esempio il mio amato Pluto Trigger. (Se hai dubbi su quale intervallometro comprare, semplicemente scrivi nei commenti marca e modello della tua fotocamera e ti indicherò quale prendere)

Un intervallometro non funziona solo come un normale pulsante di scatto. Ti consente di decidere anche quante fotografie scattare e con quale frequenza. È utile per creare time-lapse, star trail, light painting e così via.

pulsante di scatto remoto per modalita bulb -3

Il pulsante di scatto che vedi nella foto sopra potrebbe sembrarti molto spartano. Ma è molto robusto e non necessita nemmeno di batterie extra.

Per utilizzare la modalità Bulb con un pulsante di scatto remoto, tutto ciò che devi fare è premere il pulsante e far scorrere il blocco che si trova poco sopra. In questo modo, il pulsante rimane premuto senza che tu debba tenere il pollice su di esso mentre esegui uno scatto a lunga esposizione.

Un altro piccolo consiglio che posso darti per ridurre al minimo la possibilità che vengano foto sfocate o mosse è quello di impostare sulla tua fotocamera lo scatto ritardato di 2 secondi, mentre sul treppiede, se ne usi uno, agganciare un peso: in genere il tuo zaino o borsa fotografica vanno benissimo.

Utilizzare un treppiede per esposizioni lunghe più nitide

Un treppiede è un altro accessorio indispensabile quando si utilizza la modalità Bulb.

I treppiedi variano in prezzi e caratteristiche. Non hai bisogno del più elegante treppiede in fibra di carbonio se stai fotografando scie luminose in città. Ma ne avrai bisogno se riprendi una cascata dal centro di un fiume con un’esposizione di 30 secondi o più.

Ovviamente, non è sempre necessario acquistare i treppiedi più costosi quando si utilizza la modalità Bulb. Ma ci sono alcune funzionalità di cui hai bisogno quando utilizzi velocità dell’otturatore molto basse.

Ad esempio, ti serviranno gambe robuste in grado di supportare il peso della fotocamera e dell’obiettivo. Certo se usi sistemi mirrorless o micro 4:3 potresti anche non avere questo problema ma il consiglio che posso darti è di non risparmiare la 10 euro su un oggetto che dovrà reggere la tua attrezzatura che ne vale solitamente centinaia o migliaia di euro.

Aiuterà anche se ha un gancio sotto la colonna centrale dove puoi attaccare un sacchetto di sabbia o il tuo stesso zaino. L’aggiunta di peso impedisce il movimento del treppiede. Ciò è particolarmente utile quando hai a che fare con forte vento.

Il mio consiglio da amico è questo: stai lontano dai treppiedi in plastica perché non sono pesanti. Le opzioni in alluminio funzionano altrettanto bene di quelle in fibra di carbonio. Potrebbero essere solo un po ‘più pesanti, ma almeno sono convenienti.

Hai bisogno di un nuovo treppiede? Sentiti libero di dare un’occhiata ai nostri consigli sui treppiedi qui !

migliori treppiedi per la modalita bulb -4

Di quali filtri hai bisogno per la modalità Bulb?

Solitamente si usa la modalità Bulb per creare immagini di paesaggi con esposizioni molto lunghe. Ma puoi anche utilizzare questa modalità per fotografare i fulmini .

Punta la fotocamera nella direzione con il maggior numero di fulmini e inizia a scattare. Una volta che il fulmine colpisce, interrompi lo scatto.

Per i miei scopi, scatto foto prima o durante il tramonto o durante l’ora blu .

La tecnica che utilizzo è possibile replicarla utilizzando filtri a densità neutra. Questi mi consentono di allungare la velocità dell’otturatore in base alle mie esigenze.

Ad esempio, ho filtri ND che aumentano il tempo di esposizione di 6, 8 e 10 stop.

Non ho invece filtri a densità neutra variabili. Questo perché anche se sulla carta potrebbe sembrare l’uovo di colombo nella pratica non consente di avere la stessa qualità che è possibile ottenere grazie ai filtri che presentano un valore fisso.

Inoltre ricorda che se acquisti un filtro ND1000 molto probabilmente ti ritroverai ad avere un a vignettatura molto pronunciata sui bordi.

Senza alcun filtro davanti all’obiettivo, hai una velocità dell’otturatore di mezzo secondo. Ma se usi un filtro ND da 8 stop, otterrai una velocità dell’otturatore di 2 minuti e 8 secondi.

Quando si utilizzano filtri per mantenere i tempi di posa più lunghi, di solito è necessario utilizzare una combinazione di altri filtri .

Per i paesaggi, questo significa anche usare un filtro polarizzatore. Rimuove i riflessi dalle superfici non metalliche e satura meglio i colori.

Inoltre, i filtri GND o a densità neutra graduata possono essere fondamentali per controllare l’esposizione e l’istogramma.

Il filtro polarizzatore di solito riduce la quantità di luce di 0,7-1 stop rispetto all’esposizione di base. I filtri GND possono invece rimuovere da 1 a 4 o 5 stop luce.

E poi, devi aggiungere filtri ND per aumentare la velocità dell’otturatore.

Bella roba eh? 🙂 

Poiché solitamente si usano tutti questi filtri diversi è necessario dotarsi di filtri buoni e non di semplici pezzi di vetro, altrimenti otterrai foto sfocate se non peggio.

Come fotografare esposizioni lunghe in modalità Bulb

Quindi come si utilizza la modalità Bulb in Canon, Nikon, Sony, Fuji e altri marchi noti? Tutto quello che devi fare è regolare la velocità dell’otturatore e abbassarla a 30 secondi. Una volta raggiunto quel punto, scendi di un’altra tacca e entrerai automaticamente in modalità Bulb o se usi Fuji avrai un selettore di modalità.

Uno dei problemi principali della fotografia in modalità Bulb è che la luce cambia durante l’esposizione. Vedrai che ciò accade spesso, specialmente quando scatti in modalità Bulb all’alba o al tramonto.

Durante l’alba, la luce aumenterà molto rapidamente man mano che il sole sorge dall’orizzonte. Durante il tramonto, sarai nell’oscurità completa nel giro di 30 minuti. Tra l’inizio e la fine dello scatto, potresti subire una variazione significativa della quantità di luce disponibile.

Condizioni di luce variabili - modalità bulb
Le condizioni di luce che evolvono rapidamente impediscono alla luce del tramonto di raggiungere la parte superiore delle vette. Due minuti di esposizione.

Quello che tendo a fare come fotografo di paesaggi è scattare uno o due scatti con la modalità Bulb. Lo faccio dopo aver eseguito una serie di scatti di prova per l’esposizione.

Quando l’esposizione mi piace dopo aver controllato l’istogramma, inizio a calcolare l’esposizione finale.

Se utilizzi una mirrorless potresti anche non avere necessità di scattare le foto di prova in quanto la macchina ti mostrerà l’anteprima del risultato finale.

Per fare ciò, utilizzo un’app per smartphone come PhotoPills .

app per la modalita bulb - photo Phills 7
Con Photopills puoi calcolare il tempo regolato con il tuo filtro ND.

Dopo lo scatto è buona norma controllare sempre l’istogramma. L’immagine che vedi sullo schermo della fotocamera è una versione a bassa risoluzione e di bassa qualità del file raw.

L’istogramma è la rappresentazione fedele dell’immagine. E mostra la distribuzione dei pixel lungo l’asse che rappresenta i valori di luminosità.

Dopo aver regolato l’esposizione nel modo desiderato, aggiungi i filtri necessari come quello polarizzatore e quello a densità neutra graduata. E una volta che l’istogramma ha la forma che desideri, aggiungere il filtro ND dovrebbe significare solo ricalcolare la velocità dell’otturatore. Questo lo puoi fare facilmente utilizzando l’app.

La fotografia finale dovrebbe avere un istogramma simile a quello di una fotografia di prova di base.

Composizione fotografica per la modalità Bulb

L’altro problema con la modalità Bulb è che, salvo tu non stia utilizzando una mirrorless, devi andare a comporre in anticipo la tua immagine in quanto sullo schermo avrai una semplice schermata nera per via di tutti i filtri applicati.

Quando si scattano lunghe esposizioni con la modalità Bulb, le cattive composizioni diventano più evidenti.

Per evitare problemi di composizione, è necessario controllare gli elementi in movimento. Potrebbe essere qualsiasi cosa: nuvole, fiumi, acqua, onde nel mare, scie luminose, sole, luna, stelle e così via.

Una volta che sei in modalità Bulb, posiziona il treppiede e la fotocamera. Imposta il punto di messa a fuoco e blocca la messa a fuoco passando in manuale. Quindi monta il filtro polarizzatore e posiziona i filtri GND per controllare le zone con luminosità diversa.

Nella scelta della composizione, dovrai anche prendere in considerazione gli elementi in movimento e la loro direzione.

ottenere il massimo dalla modalità bulb - tramonto sul mare
Se guardi da vicino, vedrai che il sole non è una sfera perfetta. Nei due minuti di esposizione, il vento ha spostato le nuvole dal sole.

Come ridurre il rumore nella fotografia in modalità Bulb

Quando si utilizza la modalità Bulb, il sensore rimane esposto per tutto il tempo in cui si tiene l’otturatore aperto. Di conseguenza, il tempo di esposizione prolungato riscalderà il sensore. Questo processo produce rumore digitale . Li vedi come piccoli punti colorati nella tua immagine.

Un piccolo trucco per ottenere i file RAW più puliti da modificare in post-produzione è applicare la riduzione del rumore a lunga esposizione direttamente nella fotocamera. È una caratteristica che hanno tutte le moderne fotocamere DSLR e mirrorless . La fotocamera, in modo completamente autonomo, scatta un secondo fotogramma con l’otturatore completamente chiuso.

Il secondo fotogramma, chiamato anche fotogramma scuro , durerà la stessa quantità di tempo di quello originale.

Alla fine di questo scatto, la fotocamera eliminerà quello che considera il rumore digitale prodotto dal surriscaldamento dei singoli siti del sensore.

Lo uso molto spesso sulla mia fotocamera per esposizioni che durano da 30 secondi a due o quattro minuti.

Ricorda che quando utilizzi velocità dell’otturatore basse, la riduzione del rumore richiederà il doppio del tempo di esposizione iniziale.

Conclusione

Amo la fotografia a lunga esposizione. Negli anni ho imparato ad amare e gestire la modalità Bulb nelle mie fotocamere.

Questo articolo è pieno di suggerimenti e trucchi che avrei voluto conoscere molti anni fa quando ho iniziato con la fotografia di paesaggio.

Ora non ti resta che fare pratica con la modalità Bulb per i tuoi scatti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Ti piaccono i contenuti che creo?
Vorresti ancora più contenuti?
Vorresti accedere in anticipo ai nuovi contenuti?
Diventa il mio mecenate

Scarica la guida e migliora da subito i tuoi scatti